È un Toro che non inquadra la porta: con la Fiorentina zero tiri nello specchio

È un Toro che non inquadra la porta: con la Fiorentina zero tiri nello specchio

Statistiche / Pressing e falli le armi con le quali i viola hanno bloccato i granata

di Marco De Rito, @marcoderito

Zero. Sono i tiri in porta totalizzati dai granata nel match contro la Fiorentina, solo con l’Atalanta a Bergamo era successo in questa stagione. Un numero che sicuramente fa riflettere ed è l’emblema dei problemi offensiva della squadra di Walter Mazzarri. Se il possesso palla sorride ai granata (59% a 41%) e anche il baricentro del Toro era più alto rispetto a quello dei gigliati – spesso sono stati schiacciati in difesa dalla manovra granata, come ha rimarcato il tecnico granata – la mole di gioco creata dai padroni di casa non ha portato a niente di concreto. Ci sono state occasioni – anche importanti, come il colpo di testa di De Silvestri, le due di Belotti e anche una conclusione di Falque – ma ai granata è mancata precisione nel prendere la porta difesa da Lafont. D’altro canto i viola, più abili a sfruttare le ripartenze, sono andati al tiro in nove occasioni, in sei hanno centrato la porta e due le reti.

I FALLI TATTICI – Salta subito all’occhio la differenza di falli subiti dalle due squadre, come affermato da Walter Mazzarri nel post-partita: “Non si riusciva a ripartire, loro facevano sempre fallo tattico. Noi andavamo all’arrembaggio in avanti ma loro ci rallentavano con i falli”. La Fiorentina ha commesso venti falli, contro i sette dei granata. Un dato in controtendenza con il campionato, se è vero che il Torino è la squadra più fallosa del girone di andata. Se la Fiorentina ha utilizzato quest’arma a suo favore, altrettanto non si può dire del Toro, in occasione del primo gol di Chiesa, Djidji avrebbe potuto fermare Simeone con un fallo tattico e invece si è fatto bruciare sul tempo e quel contropiede è stato fatale per il Toro. Questa è la conferma che Pioli ha interpretato in perfettamente la gara, i viola hanno bloccato il gioco granata sul nascere effettuando un pressing asfissiante, che si è risultato efficace in particolare nel primo tempo.

LE FASCE – La partita che si è giocata al Grande Torino è stata maschia, molto combattuta e a centrocampo. In mediana i granata comunque non hanno sfigurato, le statistiche dicono che sono 29 le palle recuperate dai granata, rispetto alle 23 viola. Il problema sono stati i contropiede subiti, che hanno decretato la vittoria della squadra di Pioli nel finale e questi pericoli sono partiti principalmente dalle fasce. La Fiorentina ha spinto di più sulle zone esterne: solo 7 gli attacchi centrali, 13 gli attacchi da sinistra e 37 quelli da destra. I granata prevalgono solo negli attacchi centrali (11), mentre sulle fasce ne registrano 20 a destra e 9 a sinistra. Sulle fasce il Toro ha creato poco o nulla, anche grazie alla copertura dei due terzini: Biraghi e Milenkovic ma anche delle mezzali (Fernandes e Benassi) che ieri hanno giocato largo. Per Mazzarri è importante sfruttare le fasce nel suo 3-5-2, ma Pioli ieri è riuscito a farlo in maniera più intelligente facendo anche partire più larghi Simeone e Chiesa per poi farli accentare. Il tecnico dei toscani ha avuto ragione e il passaggio del turno – grazie ai due gol di Chiesa che sono nati proprio sulle fasce – lo premia.

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granata - 2 mesi fa

    Questa squadra è malata di tatticismo esasperato. Allegri (non io) ha sostenuto più volte che in primo luogo conta la qualità deglo uomini e poi il modulo, non viceversa. Cioè gli uomini vanno sfruttati per le loro caratteristiche tecnico/fisiche ed è evidente anche a un cieco che Belotti è un centravanti potente, non di grandissima tecnica, un tipo Icardi (tanto per fare un esempio), cioè uno che deve pensare soprattutto a fare gol. Ma per farlo dovrebbe essere servito in modo adeguato (e più volte) con cross ben fatti e verticalizzazioni precise che infilino la difesa avversaria. Quante volte succede in una partita del Toro? Sfruttare la potenza di Belotti per farlo rientrare, svariare, aiutare centrocampo e difesa vuol dire togliere al Torino una buona parte delle sue potenzialità offensiva, soprattuto perchè l’ allenatore schiera un’ UNICA punta. E così ci troviamo, come è successo anche con la Fiorentina, con un De Sivestri al centro della difesa avversaria che butta malamente alto un colpo di testa. E’ solo un esempio, ma succede spesso. E’ poi le prestazioni di Iago Falque dicono chiaramente (chiaramente anche per Mazzarri?) che dà il meglio da esterno, quello che un tempo si definiva tornante,con compiti di copertura anche a centrocampo. Giocare sulla fascia (come sa chi mastica calcio) è ben diverso che mettersi al centro del campo: si sfrutta il fatto che da un lato c’ è la linea di fondo e, quindi, non si viene circondati dagli avversari. E, se si è capaci (come è capace Iago Falque) a saltare l’ uomo, si va sul fondo a crossare rapidamente o si converge al vertice dell ‘area per tirare (e Iago ha dimostrato di saper fare bene anche questo movimento). Togliere Belotti da compiti di copertura e dall’ isolamento, utilizzare Iago Falque come tornante a servizio di DUE vere punte sarebbe il primo rimedio che un allenatore non malato di pareggite difensivistica avrebbe dovuto già prendere da tempo. Il sacrificato sarebbe uno fra Baselli e Meitè, e viste le prestazioni di quest’ ultimo non mi sembra un grande sacrificio. Certo, non bisogna aspettarsi subito fuochi dì artificio, perchè il nuovo modulo deve scontare un periodo di rodaggio. Capsico a questo punto della stagione di tempo non ce ne sia più molto, ma abbiamo un problema grosso, si segna troppo poco. I limiti di questa stagione risalgono purtroppo alla campagna acquisti, con la società che ha fornito all’ allenatore due giocatori importanti (almeno sulla carta), Zaza e Soriano, e il tecnico che non li ha graditi (basta andarsi a leggere le sue dichiarazioni) pewrchè avrebbe dovuto cambiare modulo. Ma la rigidità mentale, la scarsa capacità di adattarsi alla rosa a disposizione sono i limiti di un allenatore mediocre. Se Mazzarri non lo è lo dimostri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14052638 - 2 mesi fa

    possibile che i giocatori del Toro non riescano a tirare in porta da fuori area continuiamo a spostare la palla da una parte all’altra del campo così le difese prendono posizione e poi non siamo in grado di mandare al tiro nessuno Jago Meite toccano troppe volte la palla prima di darla Baselli tutte le volte che potrebbe velocizzare si ferma e la dà indietro e dalla difesa quasi tutti i rilanci vengono consegnati agli avversari serve uno che prenda in consegna la palla e dettii tempi delle ripartenze e poi Bellotti deve giocare da punta vera e inutile correre su e giù x il campo non serve a niente io sono convinto che se Zaza giocasse con continuità segnerebbe più del Gallo e comunque i due dovrebbero giocare insieme con Jago a supporto ma sulla fascia svariando da dx a sx messi come siamo adesso di gol ne facciamo sicuramente pochi se WM non capisce queste cose e meglio che cambi aria affidiamoci ad un allenatore giovane con idee moderne in giro ce ne sono sicuramente e con la rosa che abbiamo ce la possiamo giocare quasi con tutti sempre FORZA VCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 mesi fa

      Scusa ma secondo me tu, come altri, vedi poche partite . Iago dovrebbe giocare sulla fascia oppure svariare da destra a sinistra ? No perché sai, se il modulo è il 343 con i tre davanti, Zaza,Belotti, Iago e Iago si sposta di fascia, Zaza o Belotti lo deve sostituire per non sovrapporsi. Se il modulo invece è il 3412 allora Iago non deve stazionare sulla fascia ma svariare. Poche idee ma ben confuse, bravo. Scegli tu. Aggiungo e finisco una nota sul Gallo e sul compito degli attaccanti moderni, vatti a vedere la porzione di campo ricoperta dalle altre punte ed i km percorsi, poi ne riparliamo. Saluti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14016513 - 2 mesi fa

    togliergli la fascia da capitano no?…io un pensiero lo farei…darla a Moretti quando gioca se no a de silvestri…secondo me ritorna a segnare…io la proverei

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. wendok - 2 mesi fa

    oramai é un anno e mezzo che si continua a difendere Belotti. c é chi non osa criticarlo neppure quando inciampa sul pallone. personalmente se va via sono contento. tanto impegno, per carità, ma nn si può parlare di crisi passeggera per un giocatore che ha fatto un annata eccezionale nella.carriera. e basta. NON VEDE LA PORTA. punto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 mesi fa

      A me piacerebbe vedere Belotti fare la punta invece di vederlo correre dietro al pallone fino a centrocampo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 2 mesi fa

        Spiace dirlo eh, ma Mandzukic , e non solo lui, corre più del Gallo, anche in difesa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Toro71 - 2 mesi fa

    Basta schemi, basta tatticismi Mazzarri i giocatori falli tirare in porta! Ieri a un certo punto sembrava una partita di rugby con passaggi sempre all’indietro. Il calcio è spettacolo, gol, emozioni…tutte cose che non si vedono quasi mai vedendo una partita del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone - 2 mesi fa

    Certo che lamentarsi x i falli subiti detto dalla squadra PIÙ FALLOSA DI TUTTA LA SERIE A stona e non poco.
    Ma qualcuno al piagnone gliele dice queste cose?!?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. blubba - 2 mesi fa

    basta vedere il nostro rendimento casalingo per rendersi conto del perchè ieri si è perso.nn fatevi fuorviare dalle pallonate di Mazzarri ,è evidente che in casa nn sappiamo fare gioco , tiri pochi e palle per il gallo amcora meno e mal sfruttate.In quasi tutte le partite al grande torino siamo andati sotto perchè nonostante la solidita della difesa sia ottima l’atteggiamento prorposto nelle partite in casa è fin tropp attendista e rilasato.Fuori casail gioco di mazzarri si adatta meglio ma pur essendo andatio in vantaggio sempre tranne con l’intere a begamo abbiamo raccolto pareggi a profusione .un mantra per il mister.Cosi nn si va da nessuna parte ed è meglio chiarirlo e dall’inizio della stagione ke abbiamo il problema dei gol specie in casa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. VivaVivaToniVigato - 2 mesi fa

    Sento tanti Amici ,perché io considererò sempre un tifoso Granata un amico , rimpiangere Ljajic ma quante occasioni ha avuto e fallito prima di essere ceduto ?? Piuttosto a me pare clamorosa la mancanza di un uomo d’ordine davanti la difesa che veda la giocata di prima e in profondità ; amici non verticalizziamo MAI l’azione ma proprio MAI!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 2 mesi fa

      Occasioni fallite??
      Con il Toro?!?!

      Ma di che parli, quando andava a scuola? In famiglia? Dove?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ezio 76 - 2 mesi fa

    Le critiche che leggo sono tutte vere, poca qualità, manca un trequartista che sappia lanciare Belotti che rimarrà finche non si stuferà, ecc. A mio parere però occorre anche evidenziare da alcune partite la scarsa forma di Meitè, di Falque e di un Baselli ancora discontinuo. Il solo Rincon, con i suoi limiti è sul suo standard.
    Con un centrocampo al momento in queste condizioni è difficile vincere partite come quella di ieri, c’è da augurarsi che si riprendano in fretta.
    WM ha le sue colpe, a mio parere solo per non aver fatto niente per trattenere Lijajc in mancanza di serie alternative, per il resto con quello che ha a disposizione non poteva fare di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13967438 - 2 mesi fa

    Ma va…
    Abbiamo una squadra molto muscolare, atleticamente poco sotto il livello dei figli di puttana bianconeri.
    Solo che loro hanno fisico e qualità.
    Noi fisico e piedi duri.
    Semplice.
    L’allenatore imita il modulo copertura totale di quegli immondi schifosi… con la differenza che il massimo gioco che possiamo fare è sbattere contro i giocatori avversari.
    Almeno Ventura nel suo non gioco difensivista, lasciava alle qualità dei due davanti le ripartenze e inventare passaggi buoni.
    Lo squilibrato serbo almeno le perdeva tutte perchè si scordava che esiste la fase difensiva.
    Questo le perde evitando di giocare… con la tara dei primi tempi sempre sottoritmo a dormire, perchè tanto sarebbe sprecare energie per non concludere niente.
    Che poi difendiamo solo lo 0-0, perché se per caso andiamo in vantaggio non sappiamo più chiudere una diagonale o un’anticipo.
    Ci sono squadre di categorie inferiori che con nulla a nostro confronto, giocano a calcio.
    Ecco: giocano a calcio. Noi non lo facciamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 mesi fa

      Applausi, la pensiamo uguale e hai descritto la situazione e il confronto con gli allenatori precedenti benissimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. claudio sala 68 - 2 mesi fa

    Zero tiri in porta in casa contro la Fiorentina in una partita secca dovrebbe fare riflettere soprattutto la società se continuare con questo allenatore ma allora si interviene sul mercato, oppure se la rosa è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Torello62 - 2 mesi fa

    Giusto L’Atalanta gioca con Gomez Zapata e ilicic la fiorentina con simeone chiesa e mirallas la sampdoria con quaglia caprari defrel o adesso gabbiadini noi con piedi di cemento Belotti e mezzo Jago che prima di passare una palla la tocca 10 volte non abbiamo nessuno che riesca a battere una punizione decente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Giustoro - 2 mesi fa

    Certo che se il nostro centravanti deve fare anche il terzino, se non abbiamo nessuno in grado di saltare l’uomo e fare dei cross decenti, diventa difficile tirare in porta.

    Se poi si fanno centomila passaggi a centrocampo in orizzontale, senza affondare rapidamente verso la porta avversaria primache questi si riorganizzino, diventa difficile tirare ed ancora meno centrare la porta.

    Giocano con una lentezza esasperante, come con Ventura ma con meno passaggi indietro, però senza uominiin grado di cambiare il rittmo, comepotevano esserlo in certi momenti Cerci, Darmian, Zappacosta, Bruno Peres ed ovviamente Ljaic; in poche parole abbiamo ceduto tutti quelli che in misura maggiore o minore potevano fara la differenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Bischero - 2 mesi fa

    Pavia granata ha detto tutto in 2 righe. Il secondo gol é nato da un nostro corner finito fuori dall area di rigore. Se non siamo in grado di fare un cross decente dove vogliamo andare. Andatevi a rivedere i 26 gol del gallo su YouTube.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. prawn - 2 mesi fa

    Se gli schemi dettano che gente che non fa come primo lavoro l’attaccante beh allora succede questo, se poi gli stessi individui devono correre, difendere, attaccare e crossare, beh i cross non vengono fuori bene.

    Bellotti quando fa i cross manda delle fucilate: non e’ in grado.

    Certo magari fra un anno diveno tutti bravi, oppure l’estate prossima comprano un sostituto valido (anche meglio) di Ansaldi e uno per lollo (Lazzeri) cosi’ scartano, segnano, fanno tutto loro.

    Ma nel frattempo?

    Mazzarri svegliati cretino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giancarlo - 2 mesi fa

      Belotti non deve fare i cross (a chi?) ma attenderli in area. I nostri terzini non sono ali e le nostre ali non sono terzini. In mezzo oltre il fisico ci vuole la tecnica, ma Ljaic è stato venduto, e non riesco ancora a spiegarmi perchè, nè tanto meno sostituito. Abbiamo una difesa a tre “fortissima”, ma prendiamo gol da polli. Cos’altro? Questi squilibri li denunciamo da sempre noi tifosi e i giornalisti. Siamo fessi noi o qualcun altro?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. paviagranata - 2 mesi fa

    Si sbagliano i rilanci, si sbaglia l’ultimo passaggio, si sbagliano le verticalizzazioni, si sbagliano i gol… A casa mia si chiamano piedi quadrati, ovvero scarsa qualità…FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-13658280 - 2 mesi fa

    con il gioco ke vuol fare mazzarri con i 3 centrocampisti lottatori che recuperano subito palla devi avere gli attaccanti forti veloci e di qualità, se hai l attaccante ke è un lottatore anke lui la squadra perde tanto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 2 mesi fa

      Giochiamo con 5 difensori e 5 centrocampisti, a quel punto diventa difficile non solo segnare ma arrivare in aria avversaria…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torello62 - 2 mesi fa

        Giusto L’Atalanta gioca con Gomez Zapata e ilicic la fiorentina con simeone chiesa e mirallas la sampdoria con quaglia caprari defrel o adesso gabbiadini noi con piedi di cemento Belotti e mezzo Jago che prima di passare una palla la tocca 10 volte

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy