Ecco il Vicenza

Ecco il Vicenza

La sconfitta interna contro la Reggina ha interrotto la serie di tre risultati utili consecutivi, ma il Vicenza arriva in buona condizione al posticipo di lunedì sera contro il Torino. Tanto più in considerazione del fatto che non è sceso in campo nel turno infrasettimanale, a causa del violento acquazzone che ha impedito la disputa del match contro l’Ascoli. Come di consueto, per avere le…

La sconfitta interna contro la Reggina ha interrotto la serie di tre risultati utili consecutivi, ma il Vicenza arriva in buona condizione al posticipo di lunedì sera contro il Torino. Tanto più in considerazione del fatto che non è sceso in campo nel turno infrasettimanale, a causa del violento acquazzone che ha impedito la disputa del match contro l’Ascoli. Come di consueto, per avere le ultime informazioni sulla prossima avversaria dei granata, ci siamo affidati a chi la segue tutti i giorni. In questo caso, il gentilissimo collega Massimo Manduzio, de “Il Giornale di Vicenza”.

Stato di forma
La squadra sta abbastanza bene. Prima della sconfitta subita contro la Reggina, aveva messo insieme tre risultati utili di fila, tra cui due vittorie esterne contro Cittadella e Livorno.

Situazione infortunati
L’unico indisponibile è Tonucci, che si è procurato una lesione muscolare alla coscia destra. Per il resto sono tutti a disposizione di Maran. Da valutare, però, la situazione riguardante Paro. Il centrocampista è guarito, disputa sempre le partitelle infrasettimanali ma da quando ha subito l’intervento al ginocchio in artroscopia (metà dicembre) non ha più giocato in partite ufficiali. Di conseguenza, ben difficilmente partirà da titolare contro il Torino lunedì sera.

Modulo
Quest’anno Maran non ha mai praticato il 4-4-2 che era il suo marchio di fabbrica. Ha cominciato con un 4-2-3-1, modulo che funzionava bene in casa mentre fuori portava a pochissimi risultati. E’ evidente, infatti, nella prima parte di stagione la differenza tra i punti totalizzati a Vicenza e quelli in trasferta. In virtù di ciò ha virato sul 3-5-2, che ha riequilibrato la situazione: un po’ meno bene in casa ma qualche risultato positivo in più fuori. Questo è lo schema di gioco sul quale Maran sta puntando attualmente, che avrebbe praticato ad Ascoli martedì e che terrà per lunedì contro il Torino. Contro le squadre più chiuse si può anche vedere il 3-4-1-2.

Obiettivo
Apertamente non parla nessuno dei playoff, tutti si limitano a dire che il vero obiettivo è quello di arrivare il prima possibile a quota 50. In realtà è impossibile non pensarci, anche se la sconfitta contro la Reggina ha rappresentato una brusca frenata, è mancato il salto di qualità.

Formazione (3-5-2)

                         Russo

        Schiavi    Zanchi     Martinelli

Gavazzi   Rigoni   Morosini   Botta   Soligo

                Abbruscato     Cellini

(foto: M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy