Edera, dall’Huddersfield al Renate: altro che promessa, il suo talento è realtà

Edera, dall’Huddersfield al Renate: altro che promessa, il suo talento è realtà

Focus / Il gioiellino granata è l’emblema del campione fatto in casa che il pubblico vuole acclamare e che da troppo tempo manca al Toro

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

21 anni, talento cristallino, sinistro da brividi e testa sulle spalle: i mezzi per stupire, Simone Edera li ha tutti. Le presentazioni sarebbero superflue per i tifosi del Toro, che l’hanno visto crescere con il granata addosso. Dopo aver svolto tutta la trafila, prima si è cucito sulla maglia granata lo Scudetto Primavera e ora si sta ritagliando sempre più spazio in quella prima squadra sognata sin da bambino. Se solamente un anno fa Edera era una promessa tutta da svelare, alla fine del ritiro di Bormio si può affermare che il suo talento non può che essere una realtà per il Torino.

TEST MATCH – L’annata da sogno dell’attaccante granata inizia contro l’Huddersfield, il 4 agosto 2017. Un goal bellissimo che, insieme all’ottimo lavoro svolto durante il corso di tutto il ritiro, convince Mihajlovic e società a non mandarlo in prestito. L’itinerario di Edera poi passa indubbiamente dall’Olimpico, dal gran goal contro la Lazio e da quello decisivo in Coppa Italia contro la Roma. Sono due reti che lo portano all’attenzione di tutta la Serie A insieme all’assist magico per Ljajic a Bergamo. Quindi il Toro lo blinda fino al 2023, puntandoci forte. Ora il Renate, con una partita da trascinatore che gli fa concludere il ritiro di Bormio con uno status nettamente diverso, non tanto per il risultato in sé quanto a livello emozionale.

Il Toro e il trascurato valore della continuità

CRESCITA – Il classe 1997 non si presenta ai nastri del prossimo campionato come un semplice giovane in rampa di lancio, ma piuttosto da certezza per il Toro di oggi. Simone dovrà ovviamente confermarsi sul campo e gli va dato tutto il tempo di sgrezzarsi senza grandi pressioni che ne limitino la crescita, ma i tifosi granata possono finalmente sognare un talento cresciuto in casa. Edera non è un ragazzo qualsiasi, è umile, disposto al sacrificio e soprattutto ha il Toro cucito addosso: chissà che non possa essere la stagione della consacrazione definitiva.

28 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Kieft - 4 mesi fa

    Iago Falque o Edera ……questo è il dilemma….possibile che vendano Iago per puntare su edera?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13931233 - 5 mesi fa

    In un campionato lungo e la Coppa Italia c’è spazio x tutti. Stanno in panchina giocatori come Dibala higuain icardi che sono nazionali e non può star in panchina Edera iago ljiaic e fare turnover per trovarsi sempre freschi e pieni di energie? Vorreste giocare con 11 titolari fissi e basta? Allora si che non arriveremo nemmeno nella parte sinistra della classifica. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tric - 5 mesi fa

    Se ha i numeri deve giocare sempre e quindi bisogna darlo in prestito perchè giochi. Qui farà solo spezzoni inutili di partita e poi lo daremo al Celta o all’AEK.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13746076 - 5 mesi fa

    Ma infatti di che parliamo? Uno bravo e forte lo abbiamo in casa. Sarà dura tenerlo fuori per Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Puliciclone - 5 mesi fa

    Dimenticato Izzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Puliciclone - 5 mesi fa

    Dimenticato Izzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Puliciclone - 5 mesi fa

    E voglio aggiungere che fanno bene a cercare altri rinforzi in difesa. Mi sbaglierò ma Lyanco e Bonifazi sono degli infortunati cronici. Moretti farebbe ancora la sua figura anche con le stampelle ma non chiediamo troppo alla sorte. Bremer e Ferigra non hanno mai giocato contro qualche crac della serie A. Resta Nkulu ma a meno di clonarlo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Puliciclone - 5 mesi fa

    La mancanza di questa possibilità di alternanza o di sostituzione mantenendo la qualità ha compromesso la stagione negli anni scorsi quando gli infortuni hanno cominciato a farsi sentire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Madama_granata - 5 mesi fa

    Spero proprio anch’io che rimanga a lungo con Noi.Concordo però con il.tifoso che teme “follie societarie”! Un anno fa le stesse parole si spendevano x Barreca, e sappiamo tutti com’è andata a finire! Ora, poi, ironia della sorte, cerchiamo un uomo che ricopra il suo ruolo e non lo troviamo! Se è vero che Barreca è stato “licenziato” non x demeriti, ma x dissidi con Mazzarri, bisogna suggerire ad Edera di ossequiarlo e riverirlo ogni giorno. Sarò sarcastica, ma un difetto accomuna i nostri 2 giovani: sono italiani e del nostro vivaio e Mazzarri si è dimostrato un po’ troppo “esterofilo” per i miei gusti!! Forza Edera, forza Parigini (spero.che non sia punito x aver fatto bene!), forza Butic e tutti i nostri ex-primavera che sputano l’anima x emergere IN GRANATA!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

      Condivido, e aggiungo all’elenco Fiordaliso e Adopo che secondo me sono molto bravi e sarebbe ora che in Italia i giovanissimi giochino anziché marcire in panchina o in categorie inferiori dove non maturano più o lo fanno troppo tardi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BACIGALUPO1967 - 5 mesi fa

      Madama@ Barreca purtroppo ha palesato limiti fisici e tecnici che sono stati sotto gli occhi di tutti.
      L’incapacità di difendere purtroppo è il suo limite più grande.
      Sicuramente ha buone doti che mi auguro per lui possano emergere in un campionato diverso da quello italiano, ed in un clima più adatto per convivere con la pubalgia.
      Dei dissidi con mazzarri non so nulla certo è che se li avesse avuti, sarei ancor più contento della sua cessione.
      Un ragazzo con pochissime partite in serie A, reduce da un’annata disastrosa per numero di presenze e per la qualità delle prestazioni offerte non può e non deve permettersi dissidi con l’allenatore, ma restare umile e conquistare la sua fiducia a suon di prestazioni ed impegno, ed è ciò che sta facendo EDERA.
      Fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. biziog - 5 mesi fa

        ma io non capisco, una volta li difendevamo i nostri giocatori, soprattutto quelli giovani… Barreca quando era fisicamente a posto lo scorso anno ha fatto un buon campionato ed ha attirato attenzioni da parte di grandi squadre, poi con la pubalgia poteva dimostrare poco… e allora Edera quante partite ha fatto in serie A? Mandiamo via anche lui… io tra un ragazzo del Filadelfia e un allenatore presuntuoso so bene chi scegliere…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Junior - 5 mesi fa

    Mi chiedo perché andiamo fuori a cercare giocatori quando i migliori tesori li abbiamo davanti gli occhi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 5 mesi fa

      sono convinto che qualche buon giocatore l’abbiamo in casa e dovremo cercare di valorizzarli. Piano però con la convinzione che chi esce dal vivaio sia pronto. Una cosa è essere il migliore in una Primavera un’altra è poter giocare in prima squadra. Ricordo ancora gli stracci che volavano perchè avevamo rinunciato a Comi e Benedetti: spariti dai radar, pur (non) giocando in B. Idem per Parigini. Speriamo si riprenda ma non mi pare che al Benevento abbia fatto faville. Idem Aramu. Ma non vale solo per noi. L’inter alcuni anni fa vinse la Champion dei primavera e di quella squadra zero hanno avuto successo e un paio hanno giocato a livelli mediocri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kieft - 4 mesi fa

        Ventola e comandi i invece sono esplosi in serie A ma poi una carriera mediocre …..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. LeoJunior - 5 mesi fa

    state tranquilli che se ha i numeri (e sembra proprio averli) giocherà. Non mi farei troppi problemi su staffette e spazio da trovare. Abbiamo sempre detto che vogliamo salire di livello e questo passa per una rosa ampia. Non capisco perchè ci sono fior di giocatori che si alternano in grandi squadre e noi non possiamo avere due buoni giocatori per ruolo. chi è più in forma, più adatto allo schema e all’avversario e così avanti, gioca. Semplice

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. fabio.tesei6_337 - 5 mesi fa

    Iago e edera sono veramente forti,non sarà facile per mazzarri tenerne fuori uno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13946570 - 5 mesi fa

    Io non penso (visto che non c’è voglia di spendere) che arrivi laxalt.. Con lui saremmo quasi al completo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

    Mi auguro giocherà.
    Concordo con chi lo vorrebbe in staffetta con Iago., un tempo per ciascuno renderebbero al massimo. Però così si sacrifica sempre un cambio. Difficile da gestire, nè Edera nè Iago meritano la panchina, ma il ruolo è pressoché lo stesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. TOROHM - 5 mesi fa

    Iago ed Edera in staffetta possono essere davvero devastanti.Hanno scatto dribbling e sinistro da grande calciatore ma devono essere lucidi e non affaticati.Un tempo per uno e le difese avversarie impazzano per fermarli e cosi facendo il Gallo si libera e segna di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. TOROHM - 5 mesi fa

    in staffetta con Falque sulla destra potrebbe essere un arma fresca da giocare spesso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. TOROHM - 5 mesi fa

    lo vedo bene in staffetta con Iago falque sulla destra.Sono 2 giocatori che rendono quando il fiato li sorregge perchè hanno scatto dribbling e tiro.Un tempo a testa o giù di li e le difese avversarie impazziscono per fermarli.In questo modo li abbiamo belli lucidi e senza stanchezza cosi da inquadrare meglio la porta o il poassaggio per i compagni smarcati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

    Credo che nel corso del campionato ci sarà posto per tutti, là davanti. E spero che Edera sappiare incidere come ha fatto finora, anche a partita in corso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-13946570 - 5 mesi fa

    Fuoriclasse cristallino e soprattutto granata.. Spero che la dirigenza non faccia stronzate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. user-13797744 - 5 mesi fa

    Dopo Barreca ………..il prossimo a lasciarci per il bene di Cairo indovinate chi sarà ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pierpaolo.bass_491 - 5 mesi fa

      Barreca è stato ceduto per diversi motivi. Stop.
      Edera è tutto un altro tipo di ragazzo e professionista.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. biziog - 5 mesi fa

        ma sentiamo un po’, tu cosa ne sai su quanto Barreca sia o no professionale? e infatti è talmente poco professionale che è andato a giocare nel Monaco… il guaio di Barreca è che non piaceva a Mazzarri e la politica sui giovani di questa società è chiara, visto che Barreca è partito, Parigini partirà…
        su Edera poi ci speriamo tutti, ma non facciamoci troppo la bocca perché se diventa veramente forte si trasformerà magicamente in una solluccherosa plus valenza…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. GlennGould - 5 mesi fa

    21 anni, talentuoso, quindi deve giocare. Punto.
    Per farlo stare in panca e fargli giocare qualche spezzone di partita, meglio darlo in prestito. Per il bene suo, e nostro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy