Edera saluta la Primavera per poter sognare

Edera saluta la Primavera per poter sognare

Occasione / Il giovane attaccante ha la terza possibilità consecutiva di giocare con la Prima Squadra: è il momento giusto per vederlo all’opera

Edera

Il match tra Udinese e Torino è sempre più vicino, ma anche il Toro Primavera scende in campo oggi: la squadra di Longo, che cerca la matematica qualificazione alle Final Eight, non avrà ancora uno dei suoi migliori interpreti, vale a dire Simone Edera. Fortunatamente il giovane non è stato colpito da nessun infortunio ma, anzi, è stato “promosso”: data l’emergenza in fase offensiva della Prima Squadra granata (fuori Immobile, e Maxi Lopez acciaccato), Ventura ha deciso di chiamare Edera per avere i consueti quattro attaccanti a disposizione. Fino ad ora è sceso in campo per poco più di trenta secondi, ma ora lo scenario può essere diverso…

OPPORTUNITÀ (CONCRETA) – L’attaccante del vivaio è pronto a mettersi a disposizione di Giampiero Ventura che, proprio in conferenza stampa, sottolineando la relativa importanza del match per i granata, vorrebbe concedergli dei minuti per mettersi in mostra: perciò non bisogna illudersi che Edera cominci la partita contro l’Udinese dall’inizio, ma si può ipotizzare che, a partita inoltrata, egli prenda il posto di Martinez (o Belotti) e faccia vedere ciò di cui è capace. Quella di oggi potrebbe essere una bellissima opportunità per Simone Edera che, se dovesse anche mettere in campo una prestazione degna di nota, potrebbe essere preso in considerazione per il progetto del prossimo anno, senza andare a cercare un attaccante in giro per il mondo.

edera
Simone Edera al momento del suo ingresso in campo contro la Roma

E LONGO… – La Primavera continua a vele spiegate il suo cammino in campionato, avendo anche raggiunto l’importante traguardo del secondo posto (momentaneo). Alla squadra di Longo manca un piccolo sforzo e l’allenatore, nonostante sia stato privato del suo giocatore più in forma in attacco, considera una vittoria il percorso di Edera (QUI le sue parole). Oggi, contro la Sampdoria, ci sarà in ballo un risultato importante, ma il giovane classe ’97 dovrà seguire a distanza i suoi ormai vecchi compagni di squadra: e questa sera, Edera avrà la possibilità di dimostrare che i giovani provenienti dal vivaio del Torino sono qualificati e pronti per scendere in campo ad un livello più alto.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Polimagik - 1 anno fa

    Martinez va bene per colpire pali e traverse….
    Meglio lanciare i nostri giovani e vedere di cosa sono capaci…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    Ma abbiamo Martinez ancora da vedere all’opera perché tutta questa furia di vedere Edera?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy