Edera, voto 6.5: lampi di classe assoluta, il futuro è suo

Edera, voto 6.5: lampi di classe assoluta, il futuro è suo

Pagellone / Il canterano classe 1997 lancia ottimi segnali al primo anno in Serie A: il futuro è dalla sua parte

di Nicolò Muggianu

Fine della stagione, tempo di bilanci: è il momento del tradizionale pagellone di fine anno. Giudicheremo l’annata di ogni giocatore del Torino tenendo conto del rendimento in campo, delle aspettative e del contesto intorno a lui. Per i lettori è sempre a disposizione lo spazio dei commenti per “giudicare” i nostri giudizi.


Partito per sostituire in ritiro Vittorio Parigini, forse, nemmeno Simone Edera si sarebbe aspettato tanta considerazione al suo primo anno in Serie A. Dopo aver convinto Mihajlovic a suon di prestazioni in quel di Bormio però, il canterano classe 1997 è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante tra le fila del Torino. Qualità, estro, ma soprattutto un carattere da giocatore “maturo” che gli ha permesso, particolare tutt’altro che scontato, di essere tra i pochi ragazzi provenienti dal settore giovanile in grado di conquistarsi un posto importante in Prima Squadra.

LA STAGIONE – Il campionato 2017/2018 per lui è stata un’escalation di emozioni. Un’annata soddisfacente, che parla di 17 presenze complessive (tra campionato e Coppa Italia), due golun assist. Ciò che più colpisce però non sono i numeri ma la dedizione e l’impegno messi in campo dal ragazzo ogni qual volta è stato chiamato in causa. Anche per questa ragione, Mihajlovic prima e Mazzarri poi, non hanno esitato nel concedergli sempre più spazio e occasioni (quasi tutte sfruttate al meglio). Anche a discapito di giocatori più esperti e più accreditati, almeno sulla carta.

Ventura si racconta: “Io ho cambiato il Toro. E il Toro ha cambiato me”

ROMA – Sono due, come detto, le reti messe a segno dal numero 20 granata nel corso di quest’anno. Una in campionato e una in Coppa Italia, ma entrambe realizzate all’Olimpico di Roma. Un rapporto speciale quello di Simone Edera con la “Città Eterna”. Con la Lazio prima e con la Roma poi infatti, il classe 1997 ha dimostrato ai (pochi) scettici di essersi meritato la maglia granata con il sudore e con il talento; vivendo un mese di dicembre da protagonista assoluto e meritandosi così la conferma al Torino. Grande talento e grande carattere: il futuro è suo.

# CAMPIONATO COPPA ITALIA
Presenze 14 3
Minuti giocati 368′ 115′
Gol 1 1
Assist 1 0
Cartellini gialli 0 0
Cartellini rossi 0 0
VOTO 6.5
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13657710 - 3 mesi fa

    Madama granata- mi è partito il commento incompleto. Da salutare anche Molinaro. Sempre a mio avviso, tenere Edera, Bonifazi, Barreca, Milinkovic-Savic e forse Parigini. Io Proverei… Lanciarli se lo meritano, inserendoli a poco a poco , oppure tenerli in panchina a fare le riserve e mandarli altrove nel mercato invernale o a fine anno prossimo se deludono. Buona serata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13657710 - 3 mesi fa

    Madama granata – no, Abatta 68, non è stato l’anno dei miei sogni, infatti ho menzionato solo 7/8 giocatori. X me giusto salutare e ringraziare Burdisso, allontanare Acquah, Valdifiori e Nyang. Ansaldi mi lascia qualche dubbio, Lyanco non è pervenuto e non sappiamo, se tornerà, quando né in quali condizioni, Berenguer mah… forse…
    Per Rincon non mi dispererei sicuramente.. Grande dispiacere X Obi : bravo, grintoso ma non dà garanzie causa salute. Ecco, lui magari lo terrei, ma come riserva!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13657710 - 3 mesi fa

    Madama granata- a mio parere Edera merita, insieme ad auguri e complimenti, di essere inserito nella lista degli “incedibili”! Che bello sarebbe vedere in squadra almeno 2 o3 dei nostri ragazzi! E che tristezza leggere i nomi dei futuri “papabili” senza trovarne nemmeno uno Italiano.. ! Sarò una sognatrice, ma, X me, la squadra ideale sarebbe:
    – Qualche straniero, ma solo se di valore (Nkoulou, Falque, Ljajic, )
    – qualche italiano di quelli “buoni” (Sirigu, Belotti, Baselli, anche De Silvestri quest’anno)
    – … e poi un nugolo di ragazzini pieni di voglia di strafare, spinti dall’ entusiasmo e dal l’euforia di giocare nel TORO, onorati di giocare nel TORO!
    – e poi, ultimo, ma sempre primo naturalmente, nello spogliatoio come in campo, Moretti docet !
    Questo, cari signori, sarebbe il Toro dei miei sogni!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 mesi fa

      mi vuoi dire che il Toro di quest’anno è stato il Toro dei tuoi sogni? beata te che dormi cosi bene, io soffro di insonnia da anni, soprattutto dopo aver visto una partita del Toro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy