Ekdal, Baselli e gli altri: il Torino a centrocampo cerca qualità e sostanza

Ekdal, Baselli e gli altri: il Torino a centrocampo cerca qualità e sostanza

Diversi nomi stanno circolando per la mediana granata del futuro. Cigarini il più esperto, Vecino il più economico

Commenta per primo!

Baselli, Cigarini, Ekdal e Vecino, in ordine rigorosamente alfabetico. Sono questi solo quattro dei molti nomi che sono stati fatti in questi ultimi giorni di calciomercato per il futuro centrocampo del Torino.  Dopo che ormai sembra cosa fatta il passaggio di Avelar in granata la società del Presidente Cairo sta decisamente spostando le sue attenzioni sulla mediana per cercare di aumentare la qualità del reparto chiave della squadra. Cerchiamo allora di scoprire meglio chi sono e che caratteristiche hanno i vari obiettivi dei granata.

EKDAL, PRIMA SCELTA – La prima scelta per la società di via Arcivescovado sembra essere il 25enneAlbin Ekdal, forte centrocampista svedese ormai da diversi anni protagonista in Italia. Nonostante la retrocessione del suo Cagliari quest’anno Ekdal ha disputato la miglior stagione della carriera con il record personale di presenze (34) e di gol (5) tra cui una tripletta all’Inter nel clamoroso 4-1 rifilato dai sardi all’Inter a San Siro. Albin vanta già 16 presenze con la nazionale maggiore del suo paese e certamente sarebbe un giocatore capace di fornire da subito un rendimento di alto livello vista la tanta esperienza già maturata nonostante la giovane età e la buona tecnica di cui è dotato. Abile nei contrasti e pure in fase di impostazione è uno di quei centrocampisti che sa creare pericoli alla porta avversaria anche con tiri dalla distanza.

Cigarini (fonte spazionapoli.it)

COPPIA BERGAMASCA – Se però la trattativa per portare il giovane svedese all’ombra della Mole dovrebbe risultare troppo complessa il Torino sta già tenendo sotto controllo diversi altri profili. Tra questi forse il più stuzzicante è quello di Daniele Baselli, giovane classe 1992, omologo di Ekdal nel ruolo di centrale di centrocampo, ma più giovane di tre anni. Baselli è sicuramente uno dei talenti più promettenti del calcio italiano, cresciuto nel vivaio dell’Atalanta, una vera fucina di talenti a livello nazionale. Per lui quest’anno in nerazzurro 22 presenze e i primi due gol in Serie A. Ha già disputato 11 partite con la Nazionale Under 21 e sicuramente sarebbe un acquisto in prospettiva vista la giovane età e gli ancora ampi margini di miglioramento. Riuscendo a portarlo in granata il Torino si troverebbe con un potenziale talento per il futuro ed questa una delle ragioni per cui il suo è un nome che intriga molto anche i tifosi. Diverso il profilo dell’altro atalantino Luca Cigarini: a 28 anni il ragazzo nato a Montecchio Emilia sarebbe un investimento sul presente più che sul futuro. Si tratta di un giocatore solido e affidabile, che ha già giocato in piazze importanti come Napoli e Siviglia e dal quale ci si potrebbe aspettare un impatto importante sin da subito. Chiaro che rispetto al compagno di maglia Baselli e anche allo stesso Ekdal si tratta di un giocatore meno ‘futuribile’ che non ha le stesse potenzialità di crescita per le stagioni a venire. Con Cigarini però si acquisterebbe un giocatore che comunque quest’anno è stato tra i migliori della sua squadra per contrasti vinti e palloni recuperati, un elemento che se affiancato ad esempio a Gazzi renderebbe arduo per qualunque avversario avere il controllo della mediana.

Baselli in azione (fonte: news.superscommesse.it)

VECINO IL MENO CARO – La lista di centrocampisti accostati al Toro si chiude infine con il nome di Vecino, compagno di squadra ad Empoli di quel Valdifiori che è un altro giocatore affiancato ai granata ma che ora pare destinato a seguire Sarri a Napoli. Vecino è anche lui un centrocampista centrale ed è anche lui molto giovane, classe 1991. Per il giovane uruguagio quest’anno in toscana 36 presenze e 2 gol; il suo cartellino è di proprietà della Fiorentina e dei quattro in lista è probabilmente il meno costoso (non dovrebbe essere valutato più di 2 milioni e 500 mila euro).

Si tratta comunque di 4 giocatori di qualità che possono fare sicuramente comodo alla causa granata. Vedremo se la dirigenza del Toro punterà decisa su uno di questi o se invece spunterà fuori qualche nome nuovo in questi giorni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy