La corsa per l’Europa League: Toro, vinci e allunga prima degli scontri diretti

La corsa per l’Europa League: Toro, vinci e allunga prima degli scontri diretti

Serie A / Dopo la sosta due partite delicate: la trasferta a Firenze e la partita casalinga contro la Samp diranno molto sul futuro della squadra di Mazzarri

di Roberto Ugliono

Le vittorie contro Chievo e Frosinone hanno permesso al Toro di accumulare punti importanti nella corsa Europa e ora una vittoria contro il Bologna sarebbe ancora più importante, perché dopo la sosta la squadra di Mazzarri dovrà sostenere due sfide importantissime per poter continuare a sognare: Fiorentina a Firenze e Sampdoria in casa. Insomma, è chiaro come per i granata sia fondamentale mettere più punti in cascina possibile prima di questo doppio impegno. Sarebbe importante arrivare alle sfide contro Fiorentina e Sampdoria avendo più di tre punti di distacco, in modo da avere la garanzia di rimanere in qualsiasi caso davanti a quelle che restano due dirette concorrenti.

LE RIVALI – Chi sembra avere il cammino più agevole è l’Atalanta, che dovrà affrontare Chievo, Parma, Bologna, Inter ed Empoli, un calendario tutt’altro che complicato per la Dea, la quale avrà come unico impegno dall’alto tasso di difficoltà la trasferta a Milano contro la squadra di Spalletti. Per niente agevole, invece, il cammino della Roma di Ranieri, che, dopo la partita a Ferrara con la SPAL, dovrà incontrare Napoli e Fiorentina in casa, mentre la Samp a Genova. Proprio i blucerchiati sembrano avere il cammino più complesso. Dopo la sosta affronteranno a Marassi il Milan (vincente nelle ultime 5 partite), poi verranno a Torino prima di affrontare la Roma e il Genoa nel derby della Lanterna. Chi potrebbe fare punti e scavalcare qualche rivale è la Fiorentina di Pioli, che, Torino e Roma a parte, giocherà contro Cagliari, Frosinone e Bologna. Anche se, va detto, queste ultime due saranno chiamate all’ultimo sforzo per la salvezza, quindi potrebbero rivelarsi meno facili del previsto.

Merita un capitolo a parte la Lazio, non tanto per la difficoltà del calendario, ma perché i capitolini dovranno affrontare in mezzo anche il turno di recupero con l’Udinese. Immobile e compagni dopo la partita con il Sassuolo affronteranno proprio i friulani e tre giorni dopo dovranno sostenere la difficile trasferta a Milano contro il Milan di Gattuso.

image-2019-03-13 (2)

In grassetto e sottolineate le partite fuori casa
In grassetto e sottolineate le partite fuori casa
12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pazko - 2 mesi fa

    Inutile fare tabelle, le partite si giocano una alla volta e con la voglia di vincerle. Sono una partita fondamentale prima della sosta e poi altre 10 da giocare con il coltello tra i denti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. toro - 2 mesi fa

    Per me nelle prox cinque partite facciamo 15 punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 2 mesi fa

      A forza di toccarmi mi sono consumato i gioielli di famiglia… :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Forvecuor87 - 2 mesi fa

    E chiaro che quando la classifica si fa così importante più si sta così in alto e più ci si diverte e si sta bene. Era importante la partita con il Frosinone sarà importante quella con il Bologna e via dicendo.
    Una cosa mi piacerebbe ricordare a chi attacca sempre i tifosi, quando il toro risponde presente e non ci fa penare allo stadio la gente ci va!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 2 mesi fa

      Be, facile così…non non siamo mica i gobbi, il tifo granata invece si è sempre distinto per esserlo a prescindere dal risultato. E’ una fede, punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Cecio - 2 mesi fa

    Pensiamo a vincere sabato sera che è la cosa più importante…poi vediamo se gli altri riescono a mantenere il passo (cosa non proprio così scontata per Lazio e Roma contro Parma e Spal).
    Ma per noi sarà fondamentale portare a casa 3 punti contro Sinisa che avrà gran voglia di rivalsa e caricherà i suoi a pallettoni, spero solo che li carichi troppo e scendano in campo poco lucidi.
    Alle partite successive si penserà domenica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tifoso da Malta - 2 mesi fa

    Un calendario insidioso.
    Prendiamo i piu punti possibile.
    Il fattore campo e molto importante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13967438 - 2 mesi fa

    Beh, con

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Rossotoro - 2 mesi fa

    troppe partite ancora, tocca vincere il più possibile e basta, le chiacchiere stanno a 0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13967438 - 2 mesi fa

    Beh, con mentalità perdente continuiamo pure a considerare scontri diretti quelli con Viola e ciclisti… avanti pure gli altri.
    Lo scontro diretto vero è alla giornata 38.
    Il resto è solo di passaggio.
    Seghe mentali da perdenti tranne che in un caso: Milan vince la coppa Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gio - 2 mesi fa

      Dipende da come ci arrivi alla giornata 38…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. GlennGould - 2 mesi fa

    La Fiorentina, nonostante gli aiuti del var, alcuni dei quali oltre la decenza (vedi inter), dista da noi 7 punti. A mio parere non è in grado di lottare per i primi sette posti; come neanche la samp, che oltretutto ha un calendario, nelle prox sei, troppo complicato.
    Gli avversari del toro si chiamano Roma Lazio e Atalanta. Sperando che una delle due milanesi crolli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy