Europa League/ Valverde presenta Athletic Bilbao-Torino: ”Il Toro non si arrenderà facilmente”

Europa League/ Valverde presenta Athletic Bilbao-Torino: ”Il Toro non si arrenderà facilmente”

Verso Athletic Bilbao-Torino/ Allo Stadio San Mamès la conferenza stampa del tecnico dei baschi: ”Aduriz sarà convocato”

Parlano dallo stadio di Bilbao, dove domani sera i granata saranno impegnati per la qualificazione, l’allenatore dell’Athletic Bilbao Ernesto Valverde e il difensore Mikel San Josè.

Parla San Jose :”Mi aspetto una squadra pronta ad attaccare e a ripartire, loro hanno una difesa molto forte, questa è la lezione che abbiamo imparato all’andata. Sicuramente noi abbiamo un piccolo vantaggio ma la partita sarà in salita con una squadra come il Toro e noi cercheremo di vincerla”.

Sull’apporto fornito dai tifosi dice: ”Il pubblico è fondamentale in questo tipo di partite a eliminazione diretta, diventato un po’ il dodicesimo uomo in campo. Il risultato dell’andata costringe il Toro ad attaccare e rischieranno, ma lo faranno al momento giusto, e non così a caso. E’ chiaro anche noi in casa dobbiamo comunque attaccare e cercare di pressare”.

Gli chiedono un nome di un giocatore più pericoloso degli altri:”Un solo è difficile, forse Maxi Lopez è l’attaccante più insidioso. La nostra tattica non sarà molto diversa dalla partita dell’andata, e comunque cercheremo di sfruttare al meglio tutte le nostre possibilità. Il cambio tattico con la difesa a tre ha reso la partita più controllata, con questo schema ci siamo trovati molto bene. Il mio ruolo a centrocampo? Sto giocando molte partite in questo ruolo e mi sto trovando bene.”

Ora è il turno di mister Valverde, si inizia parlando di tattica: ”Non credo che il Toro cambierà l’impostazione tattica. Il loro gioco li ha portati fin qua, non cambieranno di certo le tattiche all’inizio, forse solo nel finale, ma non mi aspetto grossi cambiamenti da parte loro. Abbiamo vinto l’ultima partita di campionato, e questo da buone sensazioni, ma anche loro arrivano da un periodo molto positivo e dal pareggio contro la Fiorentina, per cui in questo aspetto siamo alla pari. Il Toro è una squadra che ha molta pazienza, ha un sistema molto ben studiato, contrattacca molto bene, difendendo e attaccando con tanti uomini. La mia sensazione è che il Torino sia una squadra che non si arrende facilmente. Cominicare già con la difesa a tre? E’ una possibilità…proprio per questo non ve lo posso dire adesso (sorride ndr). Se allenerò in Italia? Non so cosa mi riserva il futuro…Ho visto la partita contro la Fiorentina è ho notato che diversi giocatori importanti come Glik, Martinez ed El Kaddouri non hanno giocato”

Valverde insiste quindi ancora sulla caparbietà del Torino: ”Loro non si arrendono mai, lo hanno dimostrato anche con la Fiorentina, sanno creare molte occasioni, hanno avuto molte più opportunità di segnare della Fiorentina”.

Si parla poi delle condizioni difficili del campo, vista la grande pioggia che si sta abbattendo su Bilbao in questi giorni: ”Le condizioni del campo certamente sono un aspetto che può condizionare molto la partita, specie se pioverà molto andrà tenuto in grande considerazione. Condizionerà i calci piazzati, le seconde giocate, i rimbalzi. Il Toro è una squadra molto alta, bisognerà stare molto attenti.”

Sulle probabili formazioni dice: ”Aduriz? Sarà convocato. Maxi Lopez? Lo terremo d’occhio, ma bisogna stare attenti anche alla velocità di Martinez, e comunque potrebbero giocare anche Quagliarella e Amauri, quindi staremo attenti a tutti”

Quindi parla del momento della sua squadra: ”Abbiamo tre partite in tre competizioni diverse in sei giorni tra Torino, campionato e Coppa del Re, ed è difficile dire quale sia la più importante perché sono tutte decisive, ci possono dare la spinta per il resto della stagione. La partita di ritorno è ‘definitiva’ per cui anche le scelte tecniche sono condizionate da questo, non si può risparmiare nulla. Si deve sempre andare al massimo e rinunciare ad un giocatore in qualche situazione non vuole dire rallentare. Iturraspe? Purtroppo non sarà a disposizione fino a fine marzo”.

Infine anche lui parla del caldissimo pubblico del San Mamès:”Contiamo nell’appoggio dei tifosi e nel loro supporto per sostenerci. Il pubblico di Bilbao ama queste partite, se attaccheremo il pubblico ci spingerà ancora di più, come è capitato per il Torino all’andata. Come atteggiamento rispetto alla competizione dalla settimana scorsa non è cambiato nulla. Si doveva vincere prima così come si deve vincere adesso, in coppa come in campionato. Dobbiamo evitare di entrare in campo domani per non prendere gol e giocare come siamo abituati a fare nella Liga. Domani entro tra i primi quattro di sempre come panchine all’ Athletic? Non lo sapevo: mi fa piacere ma preferisco guardare al futuro piuttosto che al passato.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy