Farnerud: “Il secondo infortunio me lo ha procurato El Kaddouri”

Farnerud: “Il secondo infortunio me lo ha procurato El Kaddouri”

Le parole / Il centrocampista svedese svela le dinamiche del secondo infortunio in maglia granata

4 commenti

Alexander Farnerud – ex centrocampista del Torino – in un’intervista rilasciata al portale svedese Fotbollskanalen, ha svelato dei retroscena importanti sul suo secondo infortunio rimediato con la maglia granata. Dopo il primo grave infortunio al crociato, lo svedese è dovuto andare incontro all’ennesimo problema fisico, compromettendo di fatto anche la sua terza stagione al Torino. Ma le sue dichiarazioni sono servite a dare luce alle dinamiche dell’infortunio, sinora tenuto all’oscuro: a procurargli l’ulteriore problema fisico fu El Kaddouri, il quale con un brutto intervento in allenamento, ruppe nuovamente il crociato del centrocampista classe ’84.

“Il ginocchio era guarito, ero felice di aver ritrovato i ritmi per poter essere utile alla squadra. Il secondo infortunio me lo ha procurato El Kaddouri in allenamento. Ricordo di aver urlato verso di lui e verso l’allenatore, ma entrambi sembravano non rendersi conto della gravità della situazione”. Farnerud ha proseguito dicendo che da allora il suo rapporto con il marocchino è praticamente venuto meno: “Non abbiamo più parlato da allora, ricordo solo una pacca sulla spalla. Poi lui è tornato a Napoli e le nostre carriere si sono divise”. Sulla dinamica dell’infortunio, lo svedese ha riscontrato un’analogia con il recente incidente rimediato da Cristiano Ronaldo ai recenti Europei: “Il mio ginocchio subì una torsione innaturale, e l’articolazione si ruppe. Infortunio simile a quello di Cristiano Ronaldo, ma la sua muscolatura particolarmente sviluppata, gli evitò guai peggiori”. 

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    L’infortunio in allenamento ci sta; quello che non torna è la sottovalutazione dell’accaduto, le mancate scuse di chi lo ha fatto e il renderlo noto di chi la ha subito ai comuni mortali solamente anni dopo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. VecchiaQuercia52 - 2 mesi fa

    Può capitare, è vero, soprattutto quando gli allenatori pretendono nelle partitelle di allenamento un ritmo da gara. Ma è anche vero che ci si può controllare, sia in allenamento che in partita, per evitare interventi da rosso diretto, come sarebbe stato in questo caso.

    Che il kebabbaro l’abbia fatta sporca ad un concorrente al suo stesso posto in campo mi pare quasi sicuro.

    Che faccia panchina a napoli fino alla fine del suo contratto.

    Alexander Farnerud è comunque un signore, Omar El Kaddouri non mi pare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Alberto Fava - 2 mesi fa

    Non capisco il perché togliersi questi ” sassolini dalle scarpe” tra professionisti ed ex compagni di squadra.
    Farneroud mi è sempre piaciuto per l’abnegazione, ma qui secondo me ( sempre ammesso che l’intervista sia vera e fedelmente riportata) l’ha fatta fuori dal casino.
    Anche tra dilettanti può succedere di farsi male tra compagni in allenamento, ma non mi risulta che ci si accusi a vicenda.
    Si gioca a calcio, non a carte o a golf.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alberto Fava - 2 mesi fa

      Vasino non casino.
      Quella è un’altra roba……

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy