Filadelfia: anche il campo secondario verrà rifatto completamente

Filadelfia: anche il campo secondario verrà rifatto completamente

La situazione / La società granata all’opera per eseguire entro settembre lo stesso lavoro svolto sul campo principale

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Dopo aver completamente rifatto il terreno del campo principale del Filadelfia, il Torino ha in programma gli stessi lavori anche sul campo secondario. Il problema strutturale è sempre il medesimo: erba che si stacca facilmente e crea buche pericolose, conseguenza dell’usura ma anche di difetti di progettazione. La sabbia troppo fine scelta all’epoca della costruzione dell’impianto, infatti, non permetteva all’erba di fissare adeguatamente le radici e l’utilizzo intenso da parte di prima squadra e Primavera lo ha reso impraticabile. Anche il secondario è diventato inutilizzabile, con zolle che si alzano ad ogni movimento, buche: una situazione pericolosissima per le articolazioni dei giocatori. Daniele Baselli, nel mese di agosto, ha riportato una distorsione al ginocchio proprio a causa del terreno difettoso del campo principale del Filadelfia. Che è stato rifatto completamente durante la sosta di campionato di settembre: non solo il rizollamento ma anche lo sbancamento del terreno sottostante (qui i dettagli).

DATA – I problemi del campo secondario erano già evidenti negli scorsi giorni e lo stesso lavoro sarà necessario. I numerosi impegni di prima squadra e Primavera rendono complicata la scelta della data di inizio lavori, che richiederanno dai 7 ai 10 giorni. Oltre agli allenamenti della prima squadra il Filadelfia, ospiterà anche le partite casalinghe della Primavera granata e caricare troppo il manto principale – appena rifatto – sarebbe controproducente. Per questo si stanno vagliando diverse ipotesi: il Torino vorrebbe risolvere il tutto entro fine settembre, ma non è escluso che si aspetti la sosta di campionato di ottobre. A breve si avranno più certezze. Per ora l’unica è che il Tempio del Grande Torino si rifarà il look anche nel campo secondario.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 2 mesi fa

    Mi attirerò le critiche di molti, non importa, ma una squadra che ha ambizioni da medio grande non può allenarsi in una struttura pensata per le esigenze di 100 anni fa. Basta osservare i centri di allenamento delle altre squadre. La Lazio, la Fiorentina, l’Atalanta etc. Persino il Chievo ha strutture migliori. Il Filadelfia è un monumento ( fatto male per me. Pensato al risparmio e senza anima ). Io lo avrei rifatto tale e quale a com’era ovviamente con i nuovi canoni costruttivi. Non avrei speso centinaia di migliaia di € per il sistema oscuramento. Li avrei investiti per sede e museo. Ci saranno , purtroppo sempre problemi dovuti all’usura. Sfruttare un campo per 6 gg settimana da due squadre credo nemmeno il sintetico resisterebbe. Figurarsi l’erba naturale. Non mi si dica che per il Grande Torino andava bene. Gli allenamenti di allora equivalgono più o meno al riscaldamento dei giocatori in fase di subentro nemmeno pre partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14036712 - 2 mesi fa

    Soltanto dei gobbi, ricordando l’inno della MERDA suonato per “prova”, potevano fare dei campi simili!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy