Filadelfia, ricorso delle due società sconfitte: si dilatano le tempistiche

Filadelfia, ricorso delle due società sconfitte: si dilatano le tempistiche

Filadeflia / Slitta l’inizio dei lavori: le due società che hanno perso l’appalto hanno presentato ricorso al TAR. Ecco il comunicato della Fondazione Filadeflia

Sembrava tutto pronto, e invece ecco la prima battuta d’arresto. La Cs Costruzione Srl – come ben sapete – aveva infatti vinto la gara d’appalto per la ricostruzione del Filadelfia e si stava preparando per allestire il cantiere, ma i tempi slitteranno: le due società Secap S.p.A. e ALVIT S.r.l, infatti, escluse dalla gara a favore della sopraccitata Cs hanno fatto ricorso per l’assegnazione dell’appalto, allungando di fatto i tempi dell’inizio dei lavori. La Fondazione Filadelfia, attraverso un comunicato, di dice rammaricata per questo intoppo, pur riconoscendo la legittimità del ricorso, senza però nascondere la verità, ovvero che queste operazioni rallenteranno sensibilmente la procedura d’inizio dei lavori. La fondazione, infine, auspica in un lavoro celere del TAR perché verifichino i ricorsi e si possa procedere con la minor perdita di tempo possibile con la ricostruzione dell’impianto. Di seguito il comunicato completo della Fondazione Filadelfia:

“Siamo stati informati che – allo scadere del periodo di legge – sono stati presentati ricorsi dalla seconda e terza classificate, rispettivamente Secap S.p.A. e ALVIT S.r.l., contro l’aggiudicazione delle opere di costruzione al raggruppamento di cui è mandante la società C.S. Costruzioni S.r.l., vincitrice della gara d’appalto. Pur riconoscendo il diritto di far valere le proprie ragioni nelle sedi appropriate, la Fondazione Stadio Filadelfia si rammarica di queste iniziative che certamente produrranno ritardi anche sensibili, dovuti alle normali procedure di legge del Tribunale Amministrativo Regionale. La Fondazione aveva auspicato che l’aver operato nel pieno rispetto delle norme del codice degli appalti e con l’assoluta trasparenza, avendo affidato l’incarico di stazione appaltante alla SCR Piemonte, avrebbe allontanato l’eventualità di ricorsi sul cui esito non intende esprimersi. L’auspicio è ora che un rapido esame della questioni sollevate ed una sollecita decisione del TAR possa consentire un avvio dei lavori in tempi brevi. Ringrazio per l’attenzione e auguro buon lavoro.”

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy