Finalmente Toro: a San Siro sollievo e un pizzico di rammarico…

Finalmente Toro: a San Siro sollievo e un pizzico di rammarico…

I tre punti sono un enorme toccasana. Ma la squadra del secondo tempo avrebbe potuto fare un altro campionato

La seconda gioia in due anni nella San Siro nerazzurra è forse la soddisfazione migliore per il Torino, in questa stagione che resta ampiamente al di sotto delle aspettative e forse anche delle potenzialità di questa squadra. Che certamente non vale un piazzamento europeo, ma di certo non avrebbe dovuto mai arrivare a temere di dover lottare per non retrocedere. Timori che, beninteso, saranno definitivamente fugati solo con una vittoria contro l’Atalanta, nell’appuntamento di domenica prossima.

Le pagelle di Inter-Torino Il commento: San Siro di nuovo granataLe parole di Ventura Il film della partita

Ripensando alla partita contro l’Inter, al netto degli errori arbitrali – sarà stato molto generoso il rigore della vittoria granata, ma quello per il “mani” di Moretti non lo era di meno – è evidente come si siano viste due Torino diversi. Nel primo tempo un gruppo svuotato nel cuore e nella testa, nella ripresa una squadra vogliosa di fare risultato. Se bisogna dare atto a Ventura di aver saputo trasferire alla squadra, nell’intervallo, la rabbia che aveva detto di avere in corpo durante la conferenza del sabato, è anche lecito chiedersi come mai questa versione garibaldina del Torino si sia vista così poche volte in questa stagione. Molinaro in zona mista ha ammesso onestamente: “In alcune occasioni ci sono mancate determinazione e voglia di portare a casa il risultato”. Il che non può anche aumentare il rammarico all’interno della truppa di Ventura.

difesa
centrocampo

In ogni caso, il Torino si tiene stretto questi tre punti, che valgono più di mezza salvezza. Ora è lecito aspettarsi che i granata possano sfruttare l’onda emotiva positiva per vincere contro l’Atalanta archiviando definitivamente il discorso. Per poi concludere la stagione al meglio, e le motivazioni ci sono per tutti: quanto visto nei mesi scorsi non può essere cancellato con un colpo di spugna, e molti protagonisti di questo Torino devono ancora confermare di poter rientrare nei piani del Toro del futuro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy