Fiorentina-Torino, vietato accontentarsi

Fiorentina-Torino, vietato accontentarsi

Verso il match / I granata hanno ritrovato la forma, ma adesso non bisogna fermarsi e continuare a battere il ferro

1 Commento
Palermo, Belotti, Fiorentina

Ho visto un Torino, a Reggio Emilia, particolarmente ritrovato, soprattutto per quanto riguarda la tattica e la tecnica, perché il Sassuolo arrivava da alcune prestazioni davvero di livello, anche se aveva trovato una sconfitta contro il Napoli. Era un test importante, quello contro gli emiliani e il Toro mi è piaciuto molto: nel primo tempo tempo ho rivisto delle belle iniziative da parte di tutta la squadra, che ha rischiato addirittura di mettere a segno il 2-0. Tuttavia è arrivato il pareggio del Sassuolo, che ha tagliato le gambe ai granata. Nel secondo tempo ho visto la squadra di Ventura accontentarsi del risultato di 1-1, arrivando addirittura a rischiare di subire un gol nei minuti finali con il colpo di testa di Sansone: però, in fin dei conti, è stata una partita ordinata. A Firenze, contro la Fiorentina, non ci potranno essere cali di questo genere, anche perché i Viola ha un buon organico e potrebbero giocare a specchio con il 3-5-2.

Dato che ho visto una buona prestazione di tutta la rosa, presumo che il mister Ventura decida di tenere sommariamente la squadra invariata, magari con qualche cambio per far rifiatare qualche giocatore: in particolare ho visto in forma Benassi e Baselli, ma anche Acquah non ha fatto troppo male. Le due punte, a parer mio, sono inamovibili, perché Ciro Immobile non penso che abbia bisogno di turnover e Belotti è particolarmente ispirato. La partita sarà molto difficile, più di quella contro il Sassuolo, con un occhio per le fasce che potrebbero risultare ancora una volta determinanti.

Per quanto riguarda il caso Belotti, penso che un attaccante possa passare un momento particolarmente felice, come gli sta succedendo in queste partite: anche se io non lo vedo come un vero e proprio goleador, ma vedo in lui una grande volgia di fare, arrivando ad alzare il pressing anche sui portatori di palla per non farli ragionare (come su Magnanelli). Però mi sta sorprendendo, perché il pallone lo mette dentro, in questo periodo soprattutto, essendo arrivato a segnare due gol contro il Frosinone e uno contro il Sassuolo. Per questo è un giocatore “caldo”, che non puoi togliere, anche perché si trova in perfetta sintonia con Ciro Immobile, che riesce ad esaltarlo.

Infine la Fiorentina potrebbe trovarsi in difficoltà se non dovesse avere a disposizione uno dei suoi centrocampisti migliori, quale è Borja Valero, ma continua ad avere personaggi interessanti come Bernardeschi, Ilicic e Kalinic. Ma il Torino può fare bene, sperando che abbia un atteggiamento come quello visto contro il Sassuolo, particolarmente nel primo tempo.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ziocane66 - 1 anno fa

    se ci accontentiamo manterremo la tradizione delle 12 e 30. Se finalmente decideremo che ogni tanto la porta avversaria serve per provare a farci gol, magari…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy