Gabionetta c’è

Gabionetta c’è

di Igor Stasi – E’ stata la sua prima da titolare, dopo essere arrivato a gennaio, dopo mille peripezie e mille polemiche tra Torino e Crotone. Ma per Denilson Gabionetta l’arrivo in granata non è stato dei più facili, né dei più positivi. Arrivato dal Brasile dopo mesi di inattività ed essendosi allenato pochissimo, il fantasista brasiliano era evidentemente fuori forma, lento senza…

di Igor Stasi – E’ stata la sua prima da titolare, dopo essere arrivato a gennaio, dopo mille peripezie e mille polemiche tra Torino e Crotone. Ma per Denilson Gabionetta l’arrivo in granata non è stato dei più facili, né dei più positivi. Arrivato dal Brasile dopo mesi di inattività ed essendosi allenato pochissimo, il fantasista brasiliano era evidentemente fuori forma, lento senza ritmo partita né autonomia per poter disputare un incontro di calcio, tanto meno in un campionato come la Serie B italiana. Infatti le sue pochissime apparizioni, che coincidono ancora con la prima gestione di Franco Lerda (che fin dall’estate lo aveva fortemente richiesto e voluto) sono addirittura difficili da ricordare, tanto le sue apparizioni siano state impalpabili. Durante il Lerda bis, il tecnico granata ha compreso che il giocatore doveva attendere prima di fare ritorno in campo, in modo da fargli raggiungere una condizione accettabile, ed in questi ultimi incontri lo ha inserito a partita in corso, facendogli disputare un minutaggio sempre maggiore. Gli effetti si sono e si stanno vedendo finalmente, con il brasiliano che ha cominciato a mostrare le sue principali qualità e caratteristiche come la velocità nel dribbling, e la sua pericolosità negli ultimi 30 metri. 

Ssabato, come abbiamo detto, è arrivata la prima partita da titolare, e Gabionetta ha confermato i progressi: messo sulla destra ha mostrato un buono scatto mettendo in difficoltà la difesa piacentina che raddoppiava sempre la marcatura su di lui, bei passaggi per i compagni e non bisogna dimenticare il tiro potente che solo la bravura dell’estremo difensore Gervasoni ha evitato che si trasformasse nella sua prima rete in granata. Nella pochezza della prestazione di tutto il Toro, questa è l’unica buona notizia che i granata possono vantare. Forse il fantasista brasiliano non ha ancora i 90′ nelle gambe, ma per lo meno ora è tornato ad essere un giocatore e ha far sentire la sua presenza e le sue qualità in campo.

Sarà utilissimo per questo finale di campionato, e con una squadra che fa fatica a segnare come il Toro, certamente un giocatore con le qualità di Gabionetta potrà essere di aiuto a Bianchi ed Antenucci per avere più occasioni da poter sfruttare. I play-off non sono ancora una pratica chiusa e c’è bisogno della grinta e dell’aiuto di tutti, ed ora Lerda può contare anche sul talento del brasiliano.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy