Gazzi e Barreto presentano Napoli-Toro

Gazzi e Barreto presentano Napoli-Toro

Terminato il periodo di squalifica, il centrocampista Alessandro Gazzi torna a parlare con i giornalisti, prima della trasferta del Torino allo stadio San Paolo. La scorsa stagione è stato uno dei giocatori più utilizzati dal tecnico Ventura: punto fermo del ‘caro’ e vecchio 4-2-4. Poi, con il passaggio al 3-5-2, il rosso mediano sembrava ad un tratto fuori dagli schemi tecnici dell’allenatore genovese. Ora, dopo aver lavorato a lungo senza pressioni, Gazzi ha dimostrato di poter dire la sua, anche all’interno di questo nuovo assetto tattico. Anche Paulo Vitor Barreto è pronto ad affrontare il Napoli di Rafa Benitez. L’attaccante brasiliano, a lungo cercato e corteggiato dai granata (durante la propria presentazione alla stampa scherzò così: ”Sono arrivato da Udine in bicicletta”), terminato il periodo di squalifica è tornato in campo contro l’Inter, dimostrando di dover ancora ritrovare il vero ritmo partita: quello che gli permise di essere decisivo già durante la passata stagione.

CALCIOSCOMESSE Barreto: E’ stata dura per noi due stare fuori. Soprattutto per me, che arrivavo da anni difficili. Non riuscivo a trovare continuità a causa degli infortuni. Ora appartiene al passato. E’ stata molto dura. E’ acqua passata. Ora inizia il mio nuovo futuro. Certo, è una macchia indelebile ma io continuo a considerarmi innocente.

CALCIOSCOMMESSE – Gazzi: Ho avuto momenti molto più difficili in carriera. A mente fredda l’ho presa serenamente. Gillet? Spero si risolva al più presto questa situazione scomoda.

DOPPIO DEBUTTO E CAMBIO DI MODULO – Gazzi: Il debutto con il 3-5-2? Non ci ho pensato tanto. Ma a ripensarci bene, domenica mi sono molto emozionato. Mi mancava il prato verde. Cosa cambia con il nuovo modulo? Poco. Bisogna sempre lottare su ogni pallone.

DOPPIO DEBUTTO E CAMBIO DI MODULO – Barreto: Compagni nuovi? Mi trovo bene, ma nel nuovo modulo cambia poco per noi attaccanti.

PATEGGIAMENTI – Barreto: Mi chiedete perchè l’ho fatto? Lo ribadisco: non sono colpevole. Ho solo sfruttato il fatto che avrei accorciato i tempi della squalifica.

PATTEGGIAMENTI – Gazzi: E’ stata una mia personalissima decisione. Anche io continuo a considerarmi estraneo ai fatti.

3 MESI E 10 GIORNI – Barreto: Nel frattempo sono arrivati giocatori interessanti che ci danno una grandissima mano. La squdra è migliorata molto dall’anno scorso e stiamo facendo bene. Siamo contenti. Ma dobbiamo sempre pensare di domenica in domenica.

CENTROCAMPO – Gazzi: Sono di nuovo disponibile e mi sto adattando. Regista o mediano non mi interessa, ciò che conta per me è giocare. Certo, il cambio di modulo mi ha messo in discussione ma per me è uno stimolo a fare ancora meglio. Sono chiamato a coprire ruoli nei quali non ho mai giocato.

IL NAPOLI PROSSIMO AVVERSARIO – Barreto: L’anno scorso pareggiammo grazie a Sansone. La verità è che non importa chi segna. L’importante è che vinca la squadra. Con il Napoli ho un buono score, speriamo di fare bene anche questa volta. La prossima partita è a Livorno. Speriamo di fare bene e di centrale due risultati positivi

POI A LIVORNO – Gazzi: Napoli o Livorno? Non si può scegliere. Questi discorsi ‘preferisci vincere domenica o a Livorno‘ lasciano un po’ il tempo che trovano. Speriamo di fare bene. Non dobbiamo fare calcoli.

E INFINE LA ROMA, SENZA TOTTI E GERVINHO – Barreto: Senza loro due, la Roma perde moltissimo in fatto di qualità. Per noi cambia poco. Affronteremo la capolista. Pensiamo prima al Napoli e poi alla trasferta di Livorno. C’è ancora molto tempo prima della Roma. Gazzi: Iniziamo ad andare in trasfera a Napoli. La Roma è ancora lontana.


Manolo Chirico















 
 
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy