Genoa, Burdisso ultimo baluardo della difesa. Lamanna croce e delizia

Genoa, Burdisso ultimo baluardo della difesa. Lamanna croce e delizia

Verso Genoa-Torino / La difesa avversaria: il Genoa subisce quanto il Toro, andrà attaccato il velocità

Il Torino sfida domenica pomeriggio il Genoa, nel penultimo turno di Serie A. I genoani vengono da una serie di prestazioni altalenanti, e in generale da un periodo non positivo: è vero, l’ultima sfida in casa contro l’Inter è stata vinta per 1-0 dai ragazzi di Juric, ma la sconfitta dell’ultimo turno contro il Palermo ha ributtato negli abissi della zona calda il Genoa, solamente a +2 dal Crotone terzultimo.

Tra i responsabili di questa pessima stagione del Genoa, c’è sicuramente il reparto difensivo: i rossoblù han subito un gol in meno dei granata (60, contro i 61 di Hart e compagni) ma il saldo con i gol fatti è sicuramente più negativo, visto che la differenza reti parla di un -26 rossoblù, contro un +4 granata. In porta, ecco Lamanna: il portiere genoano ha avuto un rendimento molto particolare, risultando decisivo in alcune partite con le sue parate, ma anche negativo in altre – come nell’ultima gara contro il Palermo. Titolare inossidabile della retroguardia del Genoa è sicuramente il veterano Nicolas Burdisso, che ha collezionato in questa stagione ben 34 presenze, tutte da titolare. L’altro titolarissimo è Armando Izzo, che però sarà squalificato contro il Torino, e dunque spazio ad uno tra Biraschi e Munoz. Il sudamericano ex Palermo è probabilmente il più affidabile tra i due, anche se il giovane Biraschi vuole dire la sua. Completa il terzetto di Juric l’esperto Sanitago Gentiletti, molto forte di testa, meno nell’uno-contro uno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy