Glik, un mese per rispondere alle grandi punte del campionato

Glik, un mese per rispondere alle grandi punte del campionato

Prova del 9 / All’interno del ciclo di fuoco la retroguardia granata dovrà affrontare giocatori come Bacca, Dybala, Icardi: difficile passare indenni, ci sarà bisogno del miglior capitano

3 commenti
Glik, Mercat, Le probabili formazioni di Genoa-Torino, Le pagelle di Bologna-Torino

Non saranno affatto cinque partite facili per il Torino: al di là della non semplice questione psicologica all’indomani dell’incolore pareggio contro il Carpi, i granata sono chiamati al famigerato ciclo di fuoco, dove bisognerà di portare al proprio mulino prestazioni e quanti più punti possibili, nonostante gli avversari di valore. Grande difficoltà potrebbe viverla la difesa, che si prepara ad affrontare alcuni tra gli attacchi più in forma e meglio assortiti della categoria.

In particolare, Kamil Glik, capitano del Torino, dovrà reggere l’urto contro alcuni dei migliori centroavanti della Serie A: solo nel prossimo mese, il polacco si troverà di fronte a personalità come Bacca, Icardi, Dybala, Pavoletti. Insomma, alcuni tra i più acclamati goleador di tutta la Serie A. Solamente i 4 citati contano in tutto 47 reti – il Torino è fermo a 33 – dato chiaro della potenza delle bocche di fuoco che i granata si troveranno ad affrontare, soprattutto nella persona del giocatore più carismatico del gruppo.

glik
Glik contrasta Muriel

Buone prestazioni contro alcuni delle migliori punte della Serie A sicuramente potranno dare un grande contributo al Toro, non solo in termini di rete inviolata, ma anche in quelli di consapevolezza e fiducia. Le prestazioni della difesa, complessivamente, sembrano in miglioramento: nel passato recente sono arrivate due reti inviolati: certo si trattava degli attacchi non certo prolifici di Verona e Carpi, ma va comunque registrato che all’andata, contro queste due squadre, le reti subite furono 4. Insomma, una difesa che dovrà testimoniare di fronte alle vere difficoltà di essere sulla strada dell’anno scorso, e Glik dovrà essere a capo di questo processo. Per sé, per la propria soddisfazione, ma soprattutto, come sempre, per il Torino.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cecio - 11 mesi fa

    In questi mesi non sembra più lui, forse ha già un accordo in tasca per la prossima stagione oppure ha perso stimoli…non lo so.
    Si potrebbe anche provare a metter in panca 1 o 2 partite per provocargli un moto d’orgoglio e vedere se riesce a dimostrare che la furia ammirata l’anno scorso non è stato un’avvenimento sporadico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

      Sai che forse hai ragione? Un paio di partite in panca e con la paura di mettere a rischio l’Europeo potrebbero risvegliarlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gio - 11 mesi fa

    Mi sembra che non gliene importi più molto. Chissà cosa è successo negli spogliatoi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy