I dati lo confermano: Toro stanco e sulle gambe. Ma giocano sempre gli stessi

I dati lo confermano: Toro stanco e sulle gambe. Ma giocano sempre gli stessi

Approfondimento / Contro la Lazio a far la differenza, oltre alla maggior qualità, è stata anche la condizione fisica

di Marco Notaro, @MarcoNotaro17

Dopo la sconfitta di ieri contro la Lazio, è necessario fare delle considerazioni in casa granata. Nonostante la vittoria per 1 a 0 dei biancocelesti, c’è da dire che la differenza in campo è stata nettissima. La squadra di Simone Inzaghi ha dimostrato il proprio strapotere, dal punto di vista tecnico ma anche dal punto di vista fisico. Il Toro va piano e ormai è scarico, soprattutto dal punto di vista della brillantezza e della forza. Non la migliore premessa per il finale di stagione, che comunque vede i granata del tutto lontani da qualsivoglia obiettivo.

STANCHEZZA – Nel post-partita di Torino-Lazio, gli stessi CairoMazzarri ne hanno parlato, evidenziando tutte le difficoltà dei granata nel reggere sul piano fisico contro la squadra di Inzaghi. Il presidente ha parlato di una squadra non al meglio fisicamente, riconoscendo il costante ritardo dei giocatori granata sulle palle vaganti. Diventa importante, quindi, per il futuro rinforzare la rosa anche con atleti dotati di una buona struttura fisica. Anche il tecnico livornese ha evidenziato il modo in cui la Lazio ha dominato i duelli fisici: non è un caso che il gol sia arrivato da palla inattiva con un colpo di testa. Belotti e compagni sono crollati spesso nella seconda frazione di gioco nelle ultime gare, infatti Sirigu ha subito ben 10 degli ultimi 11 gol in campionato a difesa schierata e negli ultimi 45 minuti di gioco. Un dato importante e che deve far riflettere. Il Toro cala alla distanza e, laddove non arrivano le forze fisiche, non riescono a sopperire nemmeno le energie mentali di una squadra ormai senza una meta da raggiungere.

LA GARA DI IERI – Dati molto significativi, in questo senso, arrivano dalla partita di ieri. Secondo le statistiche fornite dalla Lega Serie A, Baselli è stato il giocatore che ha corso di più con 11,999 km per il Torino, ma ben due giocatori del centrocampo laziale hanno registrato risultati migliori: Milinkovic-Savic e Murgia hanno percorso rispettivamente 12, 19 km e 12,178 km. Un dato importante è anche quello complessivo con il Toro che ha corso in totale 109.901 km e la Lazio 111.406 km: i biancocelesti hanno macinato più chilometri e anche più velocemente, considerando che la velocità media tenuta dagli uomini di Inzaghi è di 6.8 km contro i 6.7 del Torino. Nella classifica totale dei km percorsi, il Torino è l’ultima squadra della serie A, con una media di 105.997 km percorsi a partita.

TURNOVER – Tanti giocatori del Torino sembrano essere stanchi, molti di loro hanno giocato molto in questo campionato e forse meriterebbero qualche giornata di riposo. Infatti, a parte lo stakanovista Sirigu che ha finora giocato tutte le partite, Nkoulou che ha già fatto registrare 34 presenze ieri è sembrato stanco e poco lucido, Rincon è stato autore di una stagione mediocre e ha giocato 33 gare, tuttavia in quest’ultime è sembrato molto stanco e giù di tono. Falque, De SilvestriBaselli Belotti hanno giocato molto – rispettivamente 34, 32 e 29 match – avrebbero forse bisogno di tirare il fiato.  Mazzarri – che ha sottolineato di voler cercare di ottenere il massimo anche da queste ultime partite – per il finale di stagione ha anche l’opzione di provare a cambiare le carte in tavola.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Zagor - 3 settimane fa

    Siamo la squadra che ha corso meno e siamo i più stanchi? Qualcosa non mi torna…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pesce - 3 settimane fa

    Questa storia della preparazione fisica è una fesseria. Se guardiamo queste statistiche il Benevento sarebbe piazzato li a metà classifica, invece è virtualmente retrocesso da 4 mesi e per distacco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 3 settimane fa

    La stronzata della preparazione ha stufato, in dieci settimane atleti veri si possono prepare per una maratona figuriamoci per riuscire a fare un paio di scatti e 15k ogni domenica.

    A me viene il dubbio ormai che abbiamo degli scarponi in squadra, che il tanto lodato Iago sarà sempre lento, così come gli anziani che abbiamo in squadra.

    L’unico fresco mi sembra Edera.

    Ora di far giocare dei giovani, e di rifondare la squadra, senza pietà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. digeppe - 3 settimane fa

    Potrei dire delle grandi eresie ma,a mio avviso, questa squadra non è solo carente dal punto di vista fisico, ma anche e soprattutto da quello tattico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13746076 - 3 settimane fa

    Un mix di preparazione fisica sbagliata e di giocatori sbagliati o inadatti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. carlogranata5_77 - 3 settimane fa

    Ma che stanchezza! È la preparazione che è sbagliata è tutto l’anno che corriamo meno degli altri. Mazzarri nn ha portato niente di più di quanto aveva fatti mihaijlovic perché un allenatore della sua esperienza avrebbe dovuto fare di più. Poi volevo chiedere cosa serva avere rifatto il Filadelfia che avrebbe dovuto essere soprattutto la casa dei tifosi del Toro com’era il vecchio quando gli allenamenti si fanno sempre a porte chiuse per paura che i tifosi facciamo contestazione. Quel Toro composto da veri uomini non da bambini viziati andava ad allenarsi davanti ai propri tifosi anche nei momenti di difficoltà questi dovrebbero con in testa Cairo e Petrachi VEGOGNARSI. I nostri re delle plusvalenze ci faranno sempre fare il decimo posto perché sono senza ambizioni. E ci credo che Cairo nn voglia vendere il Toro con quello che gli rende è quello che gli ha dato come popolarità prima era un emerito signor Nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. vittoriogoli_712 - 3 settimane fa

    Che cumulo di ovvietà e sciocchezze; la Lazio ha giocato coppe europee e se noi siamo stati sovrastati a centrocampo poco ha a che fare il kilometraggio ma la capacità.
    Non c’e Paragone tra il nostro ed il loro centrocampo e per quanto riguarda la difesa quando hai quattro uomini che ti prendono d’infilata poco puoi fare , infine quando la ala sinistra viene presidiata dal trentasettenne Molinaro beh già una situazione di per se pericolante diventa irrimediabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 settimane fa

      Ma poi stanco di cosa… Quanto hanno giocato questa anno. Si tratta di professionisti che diamine.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy