I doppi ex di Genoa-Torino: da Meroni alla sliding door Cerci-Immobile

I doppi ex di Genoa-Torino: da Meroni alla sliding door Cerci-Immobile

Verso Marassi / Tanti gli intrecci di mercato tra i granata e i rossoblu: da Bacigalupo a Bovo e Moretti

Meroni

La prossima domenica, Toro e Genoa saranno protagoniste di una partita tutta da vedere. Due club sicuramente ricchi di storia, i quali sono stati anche i pionieri del calcio italiano. Ma al di là della storia, ci sono anche parecchi intrecci di mercato tra i due club. Molti i giocatori che sono passati da una squadra all’altra, da Immobile a Cerci e tanti altri negli anni passati.

INCROCI DEL PASSATO – Uno tra i più noti è il portiere Valerio Bacigalupo, protagonista del Grande Toro, con il quale ha vinto ben quattro scudetti consecutivi. L’estremo difensore aveva indossato la maglia rossoblu nella stagione 1944-1945, passando nell’estate successiva proprio al club granata. Il classe 1924 è poi chiaramente morto durante la tragedia di Superga. Un portiere che però non è stato di certo dimenticato dal panorama calcistico, non a caso lo stadio del Savona gli è stato intitolato nel 1959. Un’altra leggenda dal doppio passato è Gigi Meroni. Il fantasista di Como cominciò la sua carriera calcistica proprio nella squadra della sua città natale, per poi passare al Genoa nel 1962. Nel club ligure resterà fino al 1 dicembre 1964, quando poi verrà acquistato dal Torino. Proprio in Piemonte si è conquistato l’appellativo di farfalla granata, grazie alle sue 22 reti in 103 presenze. Insieme a lui in quell’anno giocava anche Luigi Simoni, il quale dopo tre stagioni in maglia granata venne ceduto alla parte opposta della città di Torino, ovvero la Juventus. Con i bianconeri collezionerà soltanto 11 presenze, poche se confrontate alle 81 raggiunte col Toro. Nel 1971 passerà poi proprio al Genoa, con il quale concluderà la sua carriera dopo appena tre stagioni.

Valerio Bacigalupo impegnato con la maglia dell'italia contro l'Inghilterra: era il 16 maggio 1948
Valerio Bacigalupo impegnato con la maglia dell’italia contro l’Inghilterra: era il 16 maggio 1948

INCROCI RECENTI – Tanti gli incroci di mercato tra Genoa e Torino negli ultimi anni, da Santana a Nocerino e infine Cerci e Immobile. Intrecci di mercato che fanno intuire maliziosamente quasi ad una collaborazione di mercato. Mario Santana ha vestito la maglia granata nella stagione 2012-2013, per poi essere acquistato l’anno successivo dai rossoblu. Antonio Nocerino ha invece una storia ben diversa, acquistato dal Genoa nel 2004, affronterà una lunga gavetta prima di vestire la maglia del Toro, la quale è stata vestita proprio nel corso della scorsa stagione. Il centrocampista napoletano ha collezionato però soltanto 5 presenze con la squadra di Ventura. Nella stagione seguente è poi stato ceduto al Parma. L’ex più noto del presente è però Ciro Immobile. Il partenopeo, dopo aver vinto il titolo di capocannoniere ai tempi del Pescara nel 2012 con ben 28 gol, viene acquistato dal club di Preziosi. L’esordio in A è però molto più difficile di quanto si aspettava, soltanto 5 le reti che ha realizzato in quell’anno. L’anno successivo è così stato venduto al Torino di Ventura, il quale lo ha fatto resuscitare. Nella stagione 2013-2014 diventa il miglior marcatore del campionato, siglando ben 22 reti. La lista degli ex però non è ancora finita, tra i tanti ci sono pure Cesare Bovo e Emiliano Moretti, i quali sono passati in maglia granata in ambito dell’operazione Immobile. Tachtsidis è anche uno dei giocatori che ha avuto il privilegio di vestire ambedue le maglie. Il greco arriva in Italia nel 2010 proprio nel Genoa, per poi affrontare il giro di tutta la penisola, da Grosseto a Palermo, Verona e anche Torino. E’ l’8 gennaio 2014 quando il centrocampista passa in prestito al club di Cairo. Avventura torinese che durerà soltanto una stagione, quando alla fine del prestito torna di nuovo in Sicilia. Oggi il classe 91′ veste nuovamente la maglia rossoblu, il destino gli ha strani scherzi, tanti i giri d’Italia, i quali si sono conclusi al momenti proprio da dove erano partiti. Anche il difensore Giovanni Marchese può vantare di aver partecipato a questo incrocio di mercato, seppur in una salsa abbastanza diversa. Il classe 84′ è cresciuto nelle giovanili granata, nido poi lasciato per affrontare il mondo del calcio dei grandi, sbarcando a Treviso. Nel 2013 viene acquistato però dal Genoa, con il quale ha collezionato 43 presenze.

Tra tutti questi però il più importante resta Alessio Cerci, l’ex componente dei Gemelli del gol. L’esterno mancino è esploso proprio con la maglia del Toro, con la quale ha siglato ben 21 reti, conquistandosi così quel soprannome insieme al suo collega di reparto Ciro Immobile. Dopo questo exploit, il giocatore di Velletri è passato all’Atletico di Simeone. L’esperienza all’estero è stata abbastanza negativa. Dal 2014 il vero Cerci non si è più visto, l’attaccante ha infatti cercato di ritrovare le proprie forze di nuovo in Italia, a Genoa.

cerci
Alessio Cerci durante Torino-Atalanta della stagione 2012/13

Sono tanti dunque gli incroci di mercato tra questi due club. Un fattore che renderà molto più affascinante la sfida di domenica, la quale vedrà protagonisti degli ex a confronto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy