I fischi, la sforbiciata, l’espulsione dell’andata. Il rimpianto Immobile ritrova il Torino

I fischi, la sforbiciata, l’espulsione dell’andata. Il rimpianto Immobile ritrova il Torino

Focus on / L’ex più atteso dell’incontro è pronto a fare ritorno al Grande Torino, dove fu grande protagonista nella scorsa stagione

di Alberto Giulini, @albigiulini

Quella di domenica non sarà una gara qualsiasi per Ciro Immobile, che farà ritorno nello stadio in cui si è consacrato nella massima serie. E non sarà una partita qualsiasi nemmeno per i tifosi granata, che ritroveranno un giocatore amato ma da cui si sono visti “traditi” due volte.

SEMPRE PROTAGONISTA – Non sarà tuttavia la prima gara da ex per Ciro, che nella scorsa stagione fu grande protagonista al Grande Torino. Accolto tra i fischi dello stadio, Immobile mise a segno un grandissimo gol, decidendo di non esultare. Stessa cosa anche nella gara di ritorno: gol del momentaneo 1-0 ma nessuna esultanza. Ma se nelle prima due gare da ex il centravanti laziale è stato protagonista in positivo, lo stesso non si può dire della gara d’andata di questa stagione. In quella partita del 13 dicembre, Ciro fu espulso con l’intervento del VAR per un contatto con Burdisso giudicato come condotta violenta dall’arbitro Giacomelli.

Primo Tempo

RIMPIANTI GRANATA Immobile ha sempre parlato bene del Toro, descrivendo l’esperienza in maglia granata come una parentesi importante della sua vita nella quale ha anche lasciato degli affetti. Ed ora, per i granata, il centravanti non può che essere un rimpianto. Come a più ripresa ribadito da Cairo e Petrachi, è stato il giocatore stesso a chiedere di non essere riscattato, nonostante i granata avessero trovato un accordo con il Siviglia per l’acquisto del cartellino. Il pensiero, tuttavia, va a cosa sarebbe potuto accadere se alcuni soldi spesi per giocatori che hanno poi deluso fossero stati spesi per trattenere Immobile in maglia granata…

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gikappa67 - 3 mesi fa

    @Toro 71 cosa c’è davvero sotto al mancato riscatto di Ciruzzo e nell’acquisto di Niang lo sa solo Cairo…….e vedrai che prima o poi verrà fuori………Cairo Non ha il cuore Toro, ma non è senza cervello.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro71 - 3 mesi fa

    Cairo non ha riscattato Immobile dal Siviglia per 11 milioni di euro e quest’anno ha avuto il coraggio di prendere Niang a 15 milioni….complimenti davvero ne capisce davvero tanto di calcio il nostro presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Junior - 3 mesi fa

    non so quanto di vero ci sia tra il non voler essere riscattato ed il gioco a ribasso della societa’. so solo che ciro e’ un grande attaccante e con il gallo avrebbero fatto cose strabilianti se fosse rimasto. certamente i due nuovi gemelli del gol. cmq sono contento per lui, si merita la gloria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 3 mesi fa

      Non lo sappiamo di sicuro, ma comunque una cosa è certa e cioè che essendoci un riscatto contrattualizzato, il Toro poteva prendere il giocatore senza doverlo consultare e poi eventualmente gestire in proprio la vendita, qualora Ciro fosse intenzionato ad andarsene.
      Lo avessimo riscattato, comunque valeva già più di 11 milioni, specie pensando che a 15 abbiamo preso Niang.
      Anche col beneficio del dubbio su Cairo è stata una mossa davvero stupida.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marino - 3 mesi fa

        A fianco a Belotti ha messo Sadiq e dice di avere programmi ambiziosi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. torinodasognare - 3 mesi fa

    A me non frega niente di com’è andata. Io a Ciruzzo ho voluto e voglio bene, mi ha fatto godere come un pazzo dopo decenni di scarsissima qualità d’attacco. Quest’anno si sta superando, gli auguro di vincere la classifica cannonieri e di andare in CL.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. WGranata76 - 3 mesi fa

    Ma quando hanno detto che Immobile ha chiesto il non riscatto? Se così fosse comunque l’altra campana ha più volte detto che non è tutto quel che sembra, quasi a dire che il Toro non ha voluto riscattarlo. Di sicuro c’erano tante voci che dicevano che il Toro trattava al ribasso un riscatto già stabilito offrendo inizialmente 6 milioni invece degli 11 pattuiti, che il giocatore in 6 mesi aveva pienamente mostrato di valere.
    A mio avviso il rimpianto è di Cairo che per non spendere 2,5 milioni in più (comprato a 8,5 dalla Lazio) ora ha perso una signora plusvalenza. Nulla di nuovo sotto il sole..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy