I granata non convincono

I granata non convincono

Il nono risultato utile consecutivo, conquistato venerdì sera ad Empoli, non è sufficiente al Toro per difendere il sesto posto in classifica e ora, nell’ultimo match di domenica prossima contro il Padova, saranno fondamentali i tre punti per strappare in extremis la qualificazione ai playoff. Le statistiche del match del “Castellani” ci raccontano di un Toro inferiore alla formazione toscana in tutto.

Diciannove…

Il nono risultato utile consecutivo, conquistato venerdì sera ad Empoli, non è sufficiente al Toro per difendere il sesto posto in classifica e ora, nell’ultimo match di domenica prossima contro il Padova, saranno fondamentali i tre punti per strappare in extremis la qualificazione ai playoff. Le statistiche del match del “Castellani” ci raccontano di un Toro inferiore alla formazione toscana in tutto.

Diciannove ad undici in favore della squadra di Aglietti le conclusioni totali, mentre c’è parità nei tiri in porta (6 a 6). Ma esemplificativo è il dato riguardante il possesso palla, solitamente sempre appannaggio dei granata. Venerdì è stato, invece, l’Empoli ad imporsi, con il 54%. Un predominio assolutamente chiaro a chi ha visto la partita, con il Toro che ha praticamente smesso di giocare dopo un inizio confortante, consentendo agli avversari di presentarsi dalle parti di Rubinho con una certa regolarità. Tra gli indici significativi, anche quello dell’attacco alla porta, con una differenza di ben diciassette punti percentuali a favore dei toscani (52 a 35).

Anche nelle statistiche individuali comanda l’Empoli. Nella speciale graduatoria delle palle recuperate svetta su tutti Valdifiori, autore anche del gol del pareggio, con 29, seguito da Di Cesare a 24. Per quanto riguarda i passaggi riusciti, una classifica in cui solitamente primeggia il Toro, c’è un solo rappresentante granata nei primi sei posti: Zavagno. Per il resto è solo Empoli. E anche nell’ultima graduatoria, dei tiri effettuati, il podio è tutto di marca azzurra, con Fabbrini, Musacci e Gorzegno. Numeri alla mano, quindi, il Toro può ritenersi soddisfatto del pareggio strappato ma tra sette giorni non si potranno più fare calcoli. Conterà solo vincere.

(foto: M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy