I numeri dell’Avellino

I numeri dell’Avellino

di Andrea Rosselli

Un punto a partita: questa la media dell’Avellino a 9 giornate dal termine del campionato e prima della sfida col Toro in programma sabato pomeriggio al Delle Alpi. Al momento, i 37 punti in classifica condannerebbero la squadra di Colomba allo spareggio con l’Albinoleffe, che si trova due punti sopra (ricordiamo che non ci saranno playout solo nel caso in cui il distacco tra quartultima e quintultima dovesse…

di Andrea Rosselli

Un punto a partita: questa la media dell’Avellino a 9 giornate dal termine del campionato e prima della sfida col Toro in programma sabato pomeriggio al Delle Alpi. Al momento, i 37 punti in classifica condannerebbero la squadra di Colomba allo spareggio con l’Albinoleffe, che si trova due punti sopra (ricordiamo che non ci saranno playout solo nel caso in cui il distacco tra quartultima e quintultima dovesse essere di almeno 5 punti).

La maggior parte di questo bottino (27 punti) è stata ottenuta tra le mura amiche: al Partenio l’Avellino ha infatti subito appena 4 sconfitte, a fronte di 6 vittorie (una delle quali proprio nell’incontro di andata col Toro) e 9 pareggi. Molto più magro il bilancio esterno, che parla di 2 successi (la prima ad inizio stagione col Catanzaro e la seconda in occasione dell’ultima trasferta di Pescara), 4 pari e ben 12 sconfitte.

Lo stato di forma degli irpini è comunque discreto: l’Avellino è in serie positiva da tre giornate, durante le quali ha raccolto, oltre al già citato successo di Pescara, due pareggi interni contro il Piacenza e la capolista Atalanta.

Passando all’analisi dei gol fatti e subiti, balza subito all’occhio che di fronte ad un attacco piuttosto efficiente (37 le reti messe a segno, il miglior bottino tra le ultime 7 classificate) troviamo una difesa a dir poco disastrosa: i "lupi" hanno infatti, e di gran lunga, il peggior reparto arretrato di tutta la Serie B con la bellezza di 58 reti subite.

Il miglior realizzatore avellinese è nettamente l’ex attaccante del Livorno Tomas Danilevicius: ben 15 le reti messe a segno dal lituano, che tra l’altro fu anche il giustiziere del Toro al Partenio. Alle sue spalle troviamo, a quota 7, l’altra punta centrale Biancolino, quindi Millesi a 3, Rastelli ed Albino a 2 e con una rete a testa Masiello, Minieri, Boudianski, Vicari e l’ex granata Panarelli, recentemente balzato agli onori della cronaca per la love story con una partecipante al "Grande Fratello": anche in seguito a questa vicenda, pochi giorni fa il contratto tra il giocatore e la società irpina è stato rescisso. Completano il quadro le 4 reti messe a segno dall’esterno sinistro Moretti, considerato un pò il gioiello della squadra e ceduto al Genoa durante il mercato di gennaio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy