Iago Falque, il Toro ha bisogno di te: un gol al passato per tornare a vincere

Iago Falque, il Toro ha bisogno di te: un gol al passato per tornare a vincere

Focus on / Lo spagnolo ritrova la sua ex squadra, al Torino serve la sua fantasia per tornare a vincere in casa

di Nicolò Muggianu

A volte ritornano. Torino-Genoa non sarà una partite come tutte le altre per Iago Falque. Il fantasista galiziano, al Genoa nel campionato 2014/2015, è legato ai colori del Grifone in una maniera del tutto speciale. Dopo un lungo peregrinare in giro per l’Europa (dal Tottenham, all’Almeria, fino al Rayo Vallecano), la società di Preziosi è stata la prima squadra a credere fortemente nelle sue potenzialità; favorendo la sua “esplosione” e la conseguente affermazione ad alti livelli in Serie A.

Falque, promessa mantenuta: cena offerta alla squadra per il rinnovo con il Toro

RICORDI – Un anno intenso e colmo di soddisfazioni personali quello passato a Genova, alla corte di Gianpiero Gasperini. 13 gol in 32 presenze per lui: numeri che gli permisero di approdare prima alla Roma e poi, a distanza di un anno, al Torino. Nel suo unico anno con la maglia del Grifone, anche un gol al Torino messo a segno proprio allo Stadio Olimpico. È il 21 dicembre 2014, quando Iago Falque segna al 42′ la rete del momentaneo vantaggio ospite, che zittisce la Maratona. Il match poi finì 2-1 per il Toro grazie alla doppietta di Glik (LEGGI QUI), ma i tifosi granata non dimenticarono le giocate di quel talentuoso ragazzo spagnolo con il numero 24 stampato sulla schiena.

LA CHIAVE – Nel 2016 l’arrivo al Torino e, il 19 novembre scorso, il rinnovo di contratto fino al 2022 (LEGGI QUI). Iago Falque è sempre più uno dei pilastri della squadra granata, lo confermano i numeri: 26 reti messe a segno in poco più di due stagioni, sempre in doppia cifra sotto le voci gol e assist negli ultimi due campionati. In fase realizzativa il suo apporto è fondamentale. Anche per questo si percepisce ancora di più la sua astinenza da gol: la gioia personale manca dal 4 novembre scorso, contro la Sampdoria, ma soprattutto manca ancora il primo gol casalingo in campionato. Non è un caso che nelle ultime due partite, in cui Falque è stato raddoppiato con continuità, il Torino non sia riuscito quasi mai a rendersi pericoloso. Quando Iago si spegne, il Toro fa fatica. Contro il Genoa servirà fare qualcosa di più, perché per Iago Falque e non solo quella di domenica prossima non sarà una partita come tutte le altre (LEGGI QUI).

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13967438 - 4 mesi fa

    Il problema, temo, sia quello che la vittoria sta a noi come un lauto banchetto sta a un malato di influenza intestinale… Viene la nausea solo a pensarci.
    Poi magari domenica si scula una vittoria, ma a parte l’anomalia della partita con la Doria, la squadra non ha mai dimostrato di meritare di vincere.
    Con Chievo e Frosinone, due squadracce senza alcun talento e di mediocre livello atletico, è andata di lusso, perché erano due partite sfuggite di controllo verso ignobili pareggi.
    Poi sarà anche che qualche decisione arbitrale ha penalizzato, ma ad oggi sono almeno il doppio i punti gettati via per demerito.
    Ormai siamo alla quattordicesima giornata, e se esiste una soluzione ai problemi basata sul lavoro settimanale è ora che si palesi.
    Altrimenti meglio che le ambizioni facciano spazio all’umiltà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy