Il curioso caso di Davide Morello

Il curioso caso di Davide Morello

Un anno fa, durante la terz’ultima partita di campionato contro il Vicenza, Davide Morello, complice l’infortunio corso a Sereni, diventò il portiere titolare del Toro. Dal secondo tempo di quella partita, e per i sei successivi incontri giocati dalla squadra granata tra campionato e playoff, Morello fu il guardiano della porta del Toro dimostrando di essere più che una buona alternativa a Sereni.
L’ex portiere del Pisa disputò quelle partite in maniera a dir poco positiva, mantenendo la porta granata inviolata nelle ultime gare della regoular season e, dando un contributo fondamentale alla squadra di Colantuono per arrivare a giocarsi la finale playoff con il Brescia. Proprio durante la finale di andata lo speaker dell’Olimpico, nel leggere le formazioni, evidenziò quanto di buono fatto dall’estremo difensore annunciandolo con la frase: “con il numero 31, le super parate di Davide Morello”  e non limitandosi a pronunciare il suo numero e il suo nome. Morello fu poi titolare anche nella prima partita di questo campionato contro il Varese e nel primo tempo di quella successiva contro il Cittadella. Gli errori però commessi nei quarantacinque minuti iniziali contro i veneti, che riuscirono a ribaltare il vantaggio granata firmato Iunco, costarono a Morello la maglia da titolare a favore di Bassi, in quella partita, e di Rubinho nelle successive.
Oggi, a tre giornate dalla fine del campionato, il numero trentuno è considerato il terzo portiere del Toro e spesso ha dovuto guardare i suoi compagni dalla tribuna. Nonostante durante la stagione sia Rubinho che Bassi non abbiano sempre fornito delle prestazioni eccelse, è quasi impossibile pensare che per Morello possa ripetersi la favola vissuta lo scorso finale di stagione, quando, per qualche istante, assaporò la possibilità di essere il portiere titolare del Toro che tornava in serie A.

 

(foto M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy