Il doppio trequartista: ecco perché Falque e Baselli sono i motori del Toro

Il doppio trequartista: ecco perché Falque e Baselli sono i motori del Toro

Focus on / Il Torino ha trovato il suo assetto migliore: ecco quali sono i vantaggi

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

La sconfitta di sabato ha deluso tutti ma principalmente Mazzarri, che aveva avvertito i suoi rispetto ai pericoli post esaltazione derivanti dalla partita di Genova. Tra tutte le note negative c’è un dato interessante da considerare ed è quello che riguarda l’assetto tattico. Mancando Meité, Mazzarri non ha cambiato uomini, ma ha solamente arretrato Baselli: la differenza si è notata. Sicuramente per l’assenza di un giocatore importante come il centrocampista francese, ma anche perché con Baselli e Falque insieme sulla trequarti (e appunto Meité a supporto) il Torino ha trovato l’assetto ideale.

AUTOMATISMI – È il sistema che Mazzarri sta provando sin dall’inizio della preparazione e infatti sono state sufficienti l’assenza di Meité e la prova incolore di Falque per alterare gli automatismi. Baselli è stato il migliore dei granata ma incide ancora di più sulla trequarti, soprattutto se consideriamo il gap rispetto all’opaca prestazione di Soriano. I motivi sono diversi e riguardano sia la fase di prima pressione che quella offensiva.

FASE OFFENSIVA – Falque e Baselli sono le variabili tattiche che Mazzarri utilizza per mettere in difficoltà le formazioni avversarie. Sia per la loro qualità che per la loro libertà di svariare, abbassarsi ma anche allargarsi sulle fasce. In questo modo riescono ad essere sia i costruttori di gioco, abbassandosi, che i rifinitori. I due trequartisti, poi, allargandosi creano dei due contro uno sulle fasce che mandano spesso sul fondo gli esterni di turno. I granata riescono in questo modo a coprire ottimamente tutta la trequarti.

PRESSING – Non è poi da sottovalutare l’aspetto riguardante la prima pressione sugli avversari. In base alle squadre avversarie, Baselli e Falque (insieme a Belotti) sono importanti per limitare i terzini e i mediani avversari nell’impostazione di gioco. Essendo poi un centrocampista disposto al sacrificio, Baselli dà equilibrio alla squadra e fornisce i km percorsi che sono mancati (ad esempio) a Soriano sabato pomeriggio. Insomma la sconfitta si spiega anche così, il Toro ha trovato l’assetto ideale e avendolo cambiato con il Parma qualcosa si è incrinato: Baselli e Falque sono i veri motori della macchina granata.

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13814870 - 4 mesi fa

    sarebbe molto bello leggere i commenti senza che si leggano titoli offensivi alle persone..indipendentemente se uno è d’accordo o meno con un altro o se piace o meno la tal persona. Qui ci son tanti allenatori …ognuno la pensa a modo suo come è giusto che sia..ma la qualità delle parole andrebbe soppesare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Concordo, lo stesso commento che ho fatto io in calce all’articolo si Sirigu!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bischero - 4 mesi fa

    Che lukic porti lucidità potrebbe essere. Che lukic porti forza al centrocampo con quel fisico mi sembra una forzatura. Fra l atro soriano ha giocato in appoggia all attacco. Al posto di meité ha giocato baselli. Chi non decide ha sempre ragione. Seduti dietro un computer é sempre facile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13653020 - 4 mesi fa

    Non mi piace wm .sinceramente ho visto di peggio…..Papadopulos, novellino…Dove li mettiamo????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 4 mesi fa

      Lerda ? Souness?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Luke69 - 4 mesi fa

    …e intanto si fa deambulare per il campo il gatto spelato Soriano, mentre Lukic avrebbe portato lucidità e forza al centrocampo, ma purtroppo l’asino che siede in panchina ha visto bene di invertire i due centrali, perchè la sua presunzione è tale che pensa di essere infallibile…non vedo l’ora che venga esonerato il peggior allenatore che il Toro abbia mai avuto, e chi afferma il contrario o è in malafede oppure è complice e al soldo di Urbanetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pepe - 4 mesi fa

      Menomale che abbiamo tifosi altamente qualificati (e per niente presuntuosi) come te che ci schiariscono le idee con interventi come il tuo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alrom4_904 - 4 mesi fa

      Come al solito chi non la pensa come noi o è un ciuccio oppure un venduto. Io affermo il contrario ma non sono al soldo di Urbanetto e dico semplicemente ciò che penso. Stammi bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. oliberto - 4 mesi fa

    era sufficente far giocare Lukic al posto di Meite senza cambiare nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Joker - 4 mesi fa

      Dopo aver giocato la partita anche l’allenatore avrebbe fatto scelte diverse se ha fatto giocare Soriano evidentemente in allenamento gli aveva dato segnali positivi e comunque non è stato l’unico a non fare una buona partita a partire da Jago e Izzo. Non siamo diventati dei fenomeni dopo aver vinto a Genova e non siamo diventati dei brocchi dopo questa sconfitta se non entri in campo per lottare fino alla morte perdi sia che ti chiami Toro o Napoli molte volte grandi partite ti portano a sottovalutare il prossimo avversario in serie A nessuno regala niente se non lotti perdi vale per noi è per tutte le altre squadre

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy