Il Milan prova la fuga

Il Milan prova la fuga

L’undicesima giornata comincia oggi pomeriggio ed in campo scende proprio il Toro per la prima volta nella stagione in corso disputa l’anticipo del sabato delle 18. L’anno scorso i granata hanno giocato due volte in tale orario e l’amarcord parla di una vittoria per 2-0 sul Cagliari con gol di Rosina (l’ultimo su azione all’Olimpico) ed autogol di Ferri; e di un mirabolante 4-4 con il Parma, quando…

L’undicesima giornata comincia oggi pomeriggio ed in campo scende proprio il Toro per la prima volta nella stagione in corso disputa l’anticipo del sabato delle 18. L’anno scorso i granata hanno giocato due volte in tale orario e l’amarcord parla di una vittoria per 2-0 sul Cagliari con gol di Rosina (l’ultimo su azione all’Olimpico) ed autogol di Ferri; e di un mirabolante 4-4 con il Parma, quando il Toro seppe rimontare sotto di tre reti.
Di fronte ai granata ci sarà il Palermo di Ballardini, che occupa una classifica di tutto rispetto grazie ai 16 punti sin qui guadagnati, il doppio rispetto alla formazione di De Biasi. Incontro quindi difficile, considerando anche l’ottima vena realizzativa di Miccoli e Cavani, ma è comunque lecito attendersi dal Toro una prestazione gagliarda per risalire la classifica.

Medesimo obiettivo anche per Bologna e Roma che si affrontano nell’anticipo delle 20.30. I rossoblu in settimana hanno cambiato guida tecnica: al posto dell’esonerato Arrigoni è arrivato l’esordiente Mihajlovic. La Roma reduce dall’esaltante vittoria in Champions con il Chelsea è ferma a quota 7 (deve recuperare la gara con la Samp) e quindi al momento di fatto inaspettatamente invischiata nelle zone basse.
Per quanto riguarda la domenica pomeriggio la copertina spetta ad Inter- Udinese. Le due squadre, entrambe a quota 21, sono le prime inseguitrici della capolista Milan. La corazzata di Mourinho è reduce dall’impegno di coppa tutt’altro che esaltante in quel di Cipro mentre i friulani hanno sbancato Mosca, battendo lo Spartak in Uefa grazie ad una doppietta di Quagliarella.

Se a San Siro dovesse finire in parità potrebbe essere il Napoli ad approfittarne per scavalcare entrambe le squadre, prima però dovrà regolare la Sampdoria tra le mura amiche. Chissà che l’imprevedibile Cassano non metta i bastoni tra le ruote a Lavezzi e soci.
La Juventus, invece, ancora nel pieno dei festeggiamenti per la vittoria al Bernabeu, se la vedrà con il Chievo che nei giorni scorsi ha cambiato gestione tecnica. Via Iachini ecco Di Carlo. I gialloblu, penultimi in graduatoria, sperano in un esordio positivo per l’ex mantovano, dato che i punti in classifica latitano (i clivensi sono penultimi insieme alla Reggina).

La formazione di Orlandi a sua volta gioca in casa del Genoa, compagine tra le più in forma dell’intero campionato. Il pronostico è a favore dei grifoni che in caso di vittoria si affaccerebbero nelle zone nobili che valgono l’Europa.
Lazio e Fiorentina hanno turni casalinghi che sulla carta dovrebbero favorirle, contro Siena ed Atalanta. Due squadre comunque temibili ed organizzate ma più a loro agio davanti al proprio pubblico.
Il Catania di Zenga, invece, dopo due sconfitte di fila cerca riscatto al Massimino contro un Cagliari in spolvero, guidato dai gol di Robert Acquafresca.
Nel posticipo notturno sarà il Milan a difendere il proprio primato a Lecce: Beretta da ragazzo tifossismo dei rossoneri, medita lo sgambetto ad Ancelotti e compagnia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy