Il ritorno di Maccarone per il Siena di Beretta

Il ritorno di Maccarone per il Siena di Beretta

Il Siena allenato da Mario Beretta veleggia a metà classifica, a quota 24 punti, due in più dei granata. Dopo un inizio di stagione molto convincente contraddistinto da 17 punti conquistati nelle prime 10 giornate la squadra senese ha subito una flessione evidente. I bianconeri hanno interrotto due settimane fa contro il Chievo un digiuno di vittorie…

Commenta per primo!

Il Siena allenato da Mario Beretta veleggia a metà classifica, a quota 24 punti, due in più dei granata. Dopo un inizio di stagione molto convincente contraddistinto da 17 punti conquistati nelle prime 10 giornate la squadra senese ha subito una flessione evidente. I bianconeri hanno interrotto due settimane fa contro il Chievo un digiuno di vittorie che durava dalla trasferta di Ascoli di fine ottobre.

La rosa a disposizione di Beretta miscela esperienza e gioventù poiché al fianco di elementi di sicuro affidamento come Bertotto, Negro, Vergassola, Cozza e Chiesa crescono ragazzi dalle prospettive interessanti. Ad esempio Corvia, Konko ed i nuovi arrivati Galloppa e Eremenko

La società gestita da De Luca è stata molto attiva nella sessione di mercato appena conclusa, sia in entrata che in uscita. Con il Lecce c’è stato uno scambio di portieri che ha portato Pavarini in Salento e Benussi in bianconero, mentre le altre cessioni hanno riguardato il difensore Masiello al Genoa, Zajc al Maribor, Candela e D’Aversa al Messina ed infine l’attaccante Bogdani al Chievo.
Sono invece arrivati in Toscana l’attaccante che interessava al Toro, cioè Maccarone dal Middlesbrough (si tratta di un ritorno perché la punta aveva già vestito la maglia del Siena nel 2005), il portiere finlandese Yaakkola, ed i già citati promettenti centrocampisti Galloppa dall’Ascoli ed Eremenko dall’Udinese.

Nella gara di andata il Siena si era imposto sui granata grazie ad una doppietta siglata da Mario Frick (a quota 6 in campionato). A nulla era valso, se non ad accorciare il risultato, lo stupendo destro a giro di Muzzi.
Da un punto di vista tattico Beretta dovrebbe schierare la propria squadra con un 4-3-1-2 con Cozza (Locatelli è squalificato) a supporto della coppia d’attacco Frick- Corvia, se non dovesse esordire Maccarone dall’inizio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy