Il Torino guarda al futuro: in ritiro anche Zaccagno e Rossetti

Il Torino guarda al futuro: in ritiro anche Zaccagno e Rossetti

Il portiere e il centrocampista maturati in Primavera avranno la possibilità di mettersi in mostra in estate, e se convincessero il tecnico serbo…

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero
Zaccagno, Torino, Primavera, Giovanili

Due ragazzi cresciuti e maturati nel Torino, che hanno dimostrato di avere qualità tecniche mirabili e un grande margine di miglioramento: si parla di Andrea Zaccagno, portiere che ha guidato la Primavera di Longo alla vittoria dello Scudetto, e di Matteo Rossetti, centrocampista che quest’anno è stato al servizio di Federico Coppitelli svolgendo una stagione ad alto livello nonostante la giovane età. Per i due ragazzi, adesso, si potrebbe prospettare un futuro immediato nella prima squadra del Torino, ma la decisione verrà presa con calma, e l’ultima parola spetterà a Sinisa Mihajlovic.

foto Emiliano Biscotti
foto Emiliano Biscotti

Partendo per gradi, è giusto ricordare che la società granata ha agito con astuzia, blindando i due gioielli delle giovanili con un contratto da professionisti: l’estremo difensore è legato al Toro fino al 2019, e il centrocampista, invece, ha firmato proprio quest’anno fino al 2020 (QUI i dettagli). Queste mosse non sono state affatto casuali, infatti, perché i due giocatori cresciuti nelle giovanili granata possono rappresentare un futuro molto “verde” per il Torino.

Rossetti impegnato con la prima squadra in amichevole contro la Luese
Rossetti impegnato con la prima squadra in amichevole contro la Luese

ROSSETTI – Per quanto riguarda il capitolo del ragazzo classe ’98, quest’anno oltre ad aver impressionato nella Primavera, ha anche partecipato ad alcuni allenamenti con la prima squadra, e Mihajlovic sa già di che giocatore si tratta: Rossetti perciò ha una sorta di vantaggio in questo senso. Il ragazzo andrà in ritiro (a meno di un’offerta importante, sempre in prestito, questione che vale anche per Zaccagno), e in quel periodo potrà cercare di convincere il tecnico granata a puntare su di lui in questa stagione.

Italy U19 v Republic of Ireland U19

ZACCAGNO – La situazione di quest’anno di Zaccagno è diversa rispetto a Rossetti: il portiere è stato in forza alla Pro Vercelli, non trovando molto spazio (il titolare era Provedel), ma è esploso nel Mondiale Under 20, tanto che la FIFA ha voluto elogiarlo, sostenendo che l’Italia sia “in buone mani” (QUI i dettagli). Mihajlovic lo conosce meno, ma potrebbe comunque decidere di tenerlo se dovesse convincersi durante il ritiro estivo. Il ragazzo potrebbe unirsi al ritiro della prima squadra con qualche giorno di ritardo, perché ha disputato il Mondiale.

Italy U19 v Republic of Ireland U19

Perciò la decisione, come detto, spetterà al tecnico serbo: Miha è un allenatore che ha sempre apprezzato i giovani, tanto da aver lanciato nella sua carriera già un portiere come Donnarumma, e al Torino ha fatto brillare la stella Barreca, che nella sua stagione non si sarebbe aspettato di essere titolare nella prima squadra. Perciò tocca ai ragazzi delle giovanili granata non sprecare questa chance. Il Toro, dal canto suo, potrebbe invece ritrovarsi con due giovani già pronti per la Serie A.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fb - 1 anno fa

    In prestito… e se sono bravi verranno fuori.
    Mi ricordo quanti bestemmiarono in questo forum quando perdemmo Benedetti jr.
    Dove e’ adesso?
    Dove e’ Suciu? E Comi? E Lys Gomis?
    Pero poi (cucu’), ecco Bonifazi che non ti aspetti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Wallandbauf - 1 anno fa

      Secondo me è anche una questione di sliding doors, magari un giovane si trova nella situazione ideale ed esplode e un altro dello stesso livello non ce la fa per varie situazioni che si vengono a creare. Se in Italia credessimo di più nei giovani ne verrebbero fuori di più. Gente come Belotti o Verdi sono emblematici, una volta trovata la condizione migliore per loro sono venuti fuori, altri affondano nell’oblio non solo per questioni tecniche. Quello che manca è un po’ di coraggio in più e capacità da parte di chi li segue di farli venire fuori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Oni - 1 anno fa

    io porterei anche gomis perché sirigu non mi convince basti pensare che l’anno scorso era a Siviglia e dopo 2 partite da titolare dove ha preso 3 gol e un espulsione non ha più giocato in favore di rico non di un fenomeno e poi è finito a giocare in una squadra arrivata penultima nella liga….. io non lo vedo questo gran portiere e non mi esalterei più di tanto del suo arrivo
    a

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. die granata - 1 anno fa

    Rossetti mi piace assai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ospunda - 1 anno fa

    Zaccagno deve giocare giocare giocare. Speriamo che si trovi una collocazione consona.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. CUORE GRANATA 44 - 1 anno fa

    PORTARE IN RITIRO I DUE RAGAZZI PENSO SIA POSITIVO. IN PARTICOLARE ROSSETTI CHE HO VISTO GIOCARE IN PRIMAVERA.HA FISICO E GRINTA E CREDO POSSA RISULTARE UTILE AVERLO IN ORGANICO. D’ALTRA PARTE IN PREMIER LEAGUE VENGONO INSERITI CON BUONI RISULTATI MOLTI GIOVANI E QUINDI….OLTRETUTTO NON PENSO INCIDA SULLA LISTA DEI 25. ALTRO DISCORSO E’ PER ZACCAGNO.IL PORTIERE HA QUALITA’IMPORTANTI PERO’ A MIO PARERE MANCA DI CENTIMETRI E CHILI PER IMPATTARE CERTI PANZER CHE GIOCANO NEL NS.CAMPIONATO. SEMPRE FORZA TORO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy