Il Torino riparte da Frosinone: una vittoria per rovinare la festa dei ciociari

Il Torino riparte da Frosinone: una vittoria per rovinare la festa dei ciociari

Verso Frosinone-Torino / La prima uscita del campionato per il Toro sarà contro i neopromossi leoni gialloblù, guidati da un ex granata come Stellone. Una gestione la sua, che per la crescita costante della squadra può ricordare proprio quella di Ventura a Torino

8 commenti
Gazzi formazioni Torino

Riparte dal Lazio l’avventura del Torino in campionato: domenica sera i granata terranno a battesimo il Frosinone nella prima partita in Serie A in assoluto nella storia dei ciociari.

BATTESIMO IN CIOCIARIA – Quello del 23 agosto sarà per i ragazzi di Giampiero Ventura un esordio sulla carta agevole, contro una squadra al primo match della sua storia nel massimo campionato. Il Torino contro una neopromossa alla prima esperienza in A: come nel 2013 quando i granata furono il primo avversario del Sassuolo all’esordio dei neroverdi nella categoria. Quella volta si giocava all’Olimpico, in questo caso invece la partita sarà di fronte al pubblico avversario e sicuramente il clima in campo e sugli spalti sarà di festa. I granata però dovranno essere bravi a non farsi destabilizzare dall’ambiente che troveranno allo Stadio Matusa. Già alla seconda uscita infatti il Torino ospiterà un avversario temibile come la Fiorentina e per nessun motivo i granata vogliono arrivare alla prima in casa avendo già lasciato per strada dei punti contro un avversario che è alla portata.

Baselli in Sisport
Baselli in Sisport

STELLONE, UNA CRESCITA CONSTANTE IN STILE VENTURA – Sulla strada del Torino però si para un ex granata che ha calcato il prato dell’Olimpico di Torino in tempi decisamente meno felici rispetto a quelli attuali. Parliamo di Roberto Stellone, 118 presenze e 16 gol con il Toro tra il 2005 e il 2009, anni nei quali i granata potevano solo sognare quei risultati che sono poi diventati realtà nell’era Ventura: una rinascita che ha fatto tornare il Torino in Europa. Stellone però lasciata la città della Mole è stato protagonista di un’altra inaspettata resurrezione,  in quel di Frosinone. Due anni da giocatore e poi l’esperienza da capo allenatore a partire dalla stagione 2012-2013. Un percorso di crescita a tappe che può ricordare per certi aspetti quello intrapreso da Ventura al Torino: la stagione di assestamento in Lega Pro, nell’anno in cui il tecnico di Genova traghettava alla salvezza i granata tornati in Serie A dopo la promozione dell’anno prima, poi la promozione in Serie B mentre il Toro conquistava l’Europa e infine la storica e clamorosa promozione in Serie A centrata al primo colpo e contro ogni pronostico, nella stessa stagione in cui la sua ex squadra faceva faville sui campi di mezza Europa eliminando prima l’Athletic Bilbao e giocandosela  poi alla pari con lo Zenit San Pietroburgo. Somiglianze che non possono che inorgoglire Stellone per il lavoro fatto con i gialloblù.

Il tecnico del Frosinone Stellone (fonte reggionelpallone.com)
Il tecnico del Frosinone Stellone (fonte reggionelpallone.com)

NUOVI ACQUISTI INTEGRATI – Le prime partite di una nuova stagione possono regalare qualche sorpresa perché a volte le squadre non sono ancora pienamente rodate ed i nuovi acquisti fanno fatica ad integrarsi negli schemi del gruppo. Non sembra però questo il caso del Toro: l’obiettivo (centrato) dell’estate era quello di giungere al ritiro con la squadra al completo o quasi per dare a Ventura la possibilità di far inserire i nuovi arrivati con i tempi giusti e la partita di coppa contro il Pescara ha dimostrato sin da subito la bontà di questa scelta. Baselli e Acquah  subito in gol e l’ex atalantino migliore in campo sono tutti segnali che la direzione intrapresa è quella giusta. Insomma, gli elementi positivi ci sono e andranno confermati domenica sera: dopo l’ottimo esordio in coppa iniziare con una vittoria anche il campionato è quello che ci vuole per accrescere ancora di più la fiducia in un progetto che anno dopo anno sembra sempre più ambizioso.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maraton - 2 anni fa

    dico anche io la mia 😉
    Padelli
    maksimovic – glik – moretti
    zappacosta – benassi – vives/gazzi – baselli – peres
    maxi – quaglia

    pronti a subentrare il “gallo” belotti (anche se per la conformazione fisica mi ricorda più un toro) e “speedy gonzales” martinez
    acquah penso sia indisponibile e avelar penso sia la riserva di bruno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxfvcg - 2 anni fa

    …direi, con tutto il rispetto, che uno 0-3 ci sta tutto! FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. PaoloSWE - 2 anni fa

    Padelli
    Maksimovic – Glik – Moretti
    Zappacosta – Benassi – Acquah (Vives/Gazzi) – Baselli – Peres (Avelar)
    Quagliarella – Maxi Lopez (Belotti)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LoviR - 2 anni fa

      Ottima formazione…direi quella titolare che penso io, con cambio di attaccanti (anche Martinez) per stressare le altrui difese e un Obi di scorta a centrocampo per far rifiatare il più stanco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 anni fa

    Non gufiamocela, per favore.
    E se è possibile non regaliamo la solita prima mezz’ora agli avversari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. magnetic00 - 2 anni fa

    un gol per tempo e saluti a tutti, a stellone auguro di salvarsi battendo tutte le altre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro for ever - 2 anni fa

    éuna partita più che alla nostra portata 2-0 Toro Reti Belotti,Baselli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. oslontoro gk - 2 anni fa

    un bidone di giocatore che però in campo dava l’anima..ma domenica sono cazzi tuoi Stellone..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy