Il Toro cade, Belotti lo rialza

Il Toro cade, Belotti lo rialza

Il giorno dopo / Il Gallo è in forma smagliante, sta diventando un vero attaccante d’area

7 commenti

La partita di ieri l’ha spiegato al mondo: Andrea Belotti è uno splendido attaccante d’area. Uno di quelli bravi lì in mezzo, a fare a sportellate, a strattonare il giusto, a prendersi gli spazi necessari per vedere la porta. L’ha fatto due volte ieri, di sinistro e di tacco, sfruttando due belle imbeccate di Immobile dalla linea di fondo: soprattutto la prima denota grande qualità, visto che il Gallo ha visto sbucare quel pallone all’ultimo, ma è riuscito comunque a coordinarsi per spingere quel pallone in porta. Sul secondo, invece, è uscita la grande personalità di chi non si è mai arreso, puntando l’area di rigore come se fosse stato il primo minuto, senza nulla da risparmiare.

Belotti, ormai, si è magicamente preso il Toro – sono sue 5 delle ultime 6 reti granata, solo Benassi al Frosinone in mezzo. L’arrivo di Immobile è stata la chiave di volta della sua stagione (lo ha ammesso anche lui, qui): i movimenti della punta di Torre Annunziata gli permettono di avvicinarsi alla pota quei 10 metri che risultano letali, e che hanno permesso di rivedere quel goleador che a Palermo, nei pochi minuti concessi, si era fatto conoscere. Ora, il peso dell’acquisto-più-costoso-dell’era-Cairo sta finalmente scivolando via, lasciando spazio a un attaccante vero, già maturo, anche se con ancora enormi margini di crescita. I famosi 8 milioni adesso non sembrano più uno spreco, visto che la sua stagione racconta 6 gol (ma tenendo con la media del girone di ritorno si potrà fare ancora molto meglio).

GettyImages-508226236
Belotti abbracciato da Zappacosta

Ora, c’è soltanto da sfruttare l’onda lunga, a partire già dal match di domenica contro il Chievo. Sono lontani i tempi dell’astinenza: la punta di Calcinate ormai fa paura a tutte le difese, e ogni partita diventa l’occasione per aggiornare statistiche e tentare di riportare su questo Torino che ieri, come si è visto, ha bisogno del suo Gallo.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 2 anni fa

    GRANDE GALLO !!! …e continua così…sembra che a qualche piangina-spalamerda gli bruci un po’ il culo quando qualcuno ti fa i complimenti…continua così…alla faccia dei piangina-spalamerda che ti smerdavano solo fino a 1 mese fa…tanta robba…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …e come dicevo 1 mese fa quando i goal non arrivavano…giocando così sarebbero presto arrivati anche i goal…adesso sono arrivati anche i goal…22 anni da 1 mese…veramente tanta roba…
    …devo solo cercare di fare le cose facili…il tacco o la giocata forzata di ieri sera potevano costarci la partita…ma ha 22 anni…e si farà…e diventerà un grande giocatore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 2 anni fa

      Ciao PEZZO DI TROLL!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …Belotti è veramente impressionante…non solo ieri sera…fisicamente è una bestia…corre per 95′ come un TORO…con un giocatore così in campo è come giocare in 12…veramente tanta roba…come dicevo a settembre e qualcuno rideva…vi presento il prossimo titolare della Nazionale Italiana…credo che adesso abbiano smesso di ridere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Placebo75 - 2 anni fa

    Considerazioni sparse:

    1- Non che si sia visto giocare a calcio come vorrei MA, almeno, seppur contro una squadra davvero in crisi (che però ha comunque gente come Soriano che se si accende due secondi, ci fa male), un qualcosa in più dal punto di vista dell’impegno si è visto. Io vorrei vedere sempre la squadra non accontentarsi e poi, solo allora, sarò un tifoso contento, a prescindere dal risultato. Ma questo tipo di mentalità gliela deve dare chi siede in panchina. Non è mai troppo tardi per cambiare, anche a 68 anni

    2- Una volta tanto lo segniamo noi il gol in extremis

    3- Il 3-4-3 (e non solo, ma noi già lo sapevamo), a patto che tutti ci si dia da fare (Immobile ne è l’esempio), è una soluzione percorribile. Non credo che sia un caso che sia arrivato un gol dopo 1 secondo dall’ingresso di Maxi.

    4- A centrocampo c’è, come ampiamente detto da tempo dal 99% della gente che orbita nel mondo granata, una sorta di buco nero a cui il mercato non ha posto rimedio.
    Baselli va rigenerato psico-fisicamente (quanti falli inutili) e messo in mezzo al campo.

    5- Per come stanno adesso le cose, per una classifica che non ha più niente da dire (guardiamoci sempre le spalle però), credo che ora sia giusto che in campo vadano quelli che in settimana sembrano più in forma (possibilmente nei loro ruoli però), tentando anche qualche esperimento (uomini e modulo) per l’anno che verrà.

    6- Belotti: felice di vedere che, ogni tanto, la fiducia ripaga! Ripeto, vorrei vedere lui (e altri) giocare con dietro un centrocampo che gira e poi, solo allora, si potranno realmente giudicare. Confermo la mia stima per il giocatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granata - 2 anni fa

    Diciamolo chiaramente la formazione mandata in campo da Ventura all’ inizio era un obbrobrio, senza senso. In una squadra da bassa classifica (questo ci dicono le cifre del campionato), tenere in panchina Immobile, Maxi Lopez, Baselli, Bruno Peres e Avelar è una follia! I tre cambi hanno corretto il tiro, ma era un incontro da vincere e invece lo si è pareggiato in extremis. Comunque, una cosa è stata lampante: con tre punte, Immobile in una posizione di trequartista e Baselli in mezzo a far girare la palla la squadra ha giocato meglio. Non sarebbe ora che Ventura provasse a cambiare modulo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Seagull'59 - 2 anni fa

    Il Toro ha bisogno del gallo ma Belotti ha bisogno dí qualcuno che gli serva delle palle giocabili: Immobole trequartista, con 2 assist-cross al bacio, ha dimostrato come il centrocampo è dove vinci o perdi le partite, a seconda della bravura dei giocatori che lo presidiano.
    Peres, Avelar?, Obi?, Farneroud?, Gazzi, Vives, Baselli e Benassi sono quelli che abbiamo a disposizione: sono però in grado di farlo?
    Speriamo finisca presto e bene questo campionato perché poi ci sarà da fare una gran bella rivoluzione: di giocatori e modo di giocare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy