‘Il Toro non ha nulla a che fare con Moggi’

‘Il Toro non ha nulla a che fare con Moggi’

Il Torino non ha nulla a che fare con Luciano Moggi. Parola di Urbano Cairo nella lettera spedita al quotidiano freepress “Leggo”, il quale aveva appunto affermato contatti tra il Presidente del Torino e l’ex dg bianconero, soprattutto dopo l’arrivo di Rino Foschi, vecchio amico di Moggi: "Facciamo riferimento all’articolo nel quale, in relazione all’assunzione del direttore sportivo Rino Foschi, si afferma che…

Il Torino non ha nulla a che fare con Luciano Moggi. Parola di Urbano Cairo nella lettera spedita al quotidiano freepress “Leggo”, il quale aveva appunto affermato contatti tra il Presidente del Torino e l’ex dg bianconero, soprattutto dopo l’arrivo di Rino Foschi, vecchio amico di Moggi: "Facciamo riferimento all’articolo nel quale, in relazione all’assunzione del direttore sportivo Rino Foschi, si afferma che "nasce dai tanti incontri che il presidente granata ha effettuato nell’ultimo mese con l’ex ferroviere di Civitavecchia’, per segnalarvi che tale notizia è totalmente infondata così come sono falsi i riferimenti a presunti incontri avvenuti a Grugliasco, colazioni a base di pesce e altre amenità. Vi chiediamo di voler provvedere alla pubblicazione della presente rettifica secondo le disposizioni della legge sulla stampa. Cordiali saluti: Firmato: Urbano Cairo". Non si è però fatta attendere la risposta della redazione del giornale freepress: "Cairo ha visto e sentito Moggi in questi mesi. Che poi Foschi sia uno dei migliori amici dello stesso Moggi è stato ribadito dai due anche in recenti interviste. Tralasciamo la qualità dei pasti consumati da Cairo con l’ex dirigente juventino: se si sia trattato di triglie alla livornese o di tagliata di manzo, se abbiano bevuto una bottiglia di Chablis o di Barbaresco è irrilevante. Forse la verità è che Cairo – la cui popolarità è in crisi, visti la gestione e i risultati del Torino che ha rilevato nel 2005 – non gradisce che il proprio nome venga accostato al protagonista dello scandalo più grave del calcio italiano. Ma questo è un problema suo, non di Leggo. E la smentita somiglia molto alla fiducia data (e tolta) negli anni a De Biasi e agli altri tecnici che hanno guidato i granata…".Per quanto ovviamente non si possa conoscere la verità, nel caso fosse vero, si spera che l’influenza di Moggi almeno ci permetta di salvarci dalla retrocessione…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy