Immobile, due assist per un punto. Ma in Sampdoria-Torino manca il gol da tre

Immobile, due assist per un punto. Ma in Sampdoria-Torino manca il gol da tre

L’analisi / L’entrata del numero 10 ha cambiato la partita, ma quell’occasione persa davanti a Viviano grida vendetta. La punta: “Voglio farmi perdonare alla prima occasione”

5 commenti

Man mano che passano le partite, il rientro di Immobile si rivela come la mossa più azzeccata che la società potesse operare sul mercato. L’attaccante di Torre Annunziata ha cambiato davvero il volto della fase offensiva di questo Toro, rendendo il reparto avanzato più imprevedibile, con minori punti di riferimento. Tutto questo si è visto anche nel match di ieri sera, con la sostituzione che lo ha visto subentrare a un Martinez troppo leggero davanti.

L’asse con Belotti, ormai, funziona a meraviglia. Ieri la coppia ha confezionato due reti, entrambe con Immobile come rifinitore e il 9 come realizzatore. Due assist vitali, che hanno permesso al Torino di acciuffare due pareggi fondamentali per non smettere di credere in questa stagione. Tuttavia, il pallone migliore del match Immobile ce l’aveva sui suoi piedi, subito dopo l’1-1, ma, nel tentativo di saltare Viviano, l’ex Borussia ha perso il momento, facendosi imbrigliare dall’estremo difensore blucerchiato. Peccato, perché quel pallone, messo in porta, avrebbe cambiato totalmente l’inerzia del match. Ribaltare in pochi minuti la partita sarebbe stata un’ineguagliabile iniezione di fiducia per i ragazzi di Ventura, e, parimenti, la rimonta subita si sarebbe abbattuta come un macigno sul morale della Sampdoria. Un errore grossolano, con tanto di ammissione dello stesso giocatore: “Voglio farmi perdonare al più presto” (QUI LE SUE DICHIARAZIONI).

Invece il pallone del possibile ko si è perso tra le braccia di Viviano, e solo il 94′ ha voluto che quell’occasione mancata non diventasse un rammarico ancora più grosso. Certo, il 10 si è fatto perdonare con i due assist – anche se sul primo la collaborazione di un dannoso Ranocchia è evidente – ma un attaccante vive per l’emozione del gol, che manca dall’esordio contro il Frosinone, su rigore. Certo, il tempo per tornare a gonfiare la rete c’è tutto, e quindi non resta che aspettare, sperando che Immobile torni ad essere il cecchino implacabile che tutti ricordano.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Papa Urbano I - 1 anno fa

    GRANDE CIRO !!! …e continua così…vedo altri 2 gran bei Gemelli del Goal…tanta roba…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Papa Urbano I - 1 anno fa

    …ma di cosa si dovrebbe far perdonare ? …guardate che i 2 goal li ha fatti Immobile…il Gallo lì ha semplicemente messi dentro…ma Ciro ha sicuramente fatto la cosa + difficile…e cioè lasciare sul posto il proprio avversario e metterla perfetta in mezzo…Immobile come minimo 7…ma come minimo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rossogranata - 1 anno fa

    Purtroppo anche voi giornalisti sbagliate, soprattutto nelle valutazioni che sono sempre da fare non a “caldo” ma aspettare almeno un’oretta… Questo è il mio umile consiglio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ospunda - 1 anno fa

    Trovo quest’articolo fuori luogo. I giocatori non sono macchine, i giocatori sbagliano. L’errore diventa grave se poi non vi si pone rimedio con una prestazione di livello. Immobile ha sbagliato un gol, ma si è “riscattato” con due assist. Lo sport non è fatto di se e di ma. Se questo è il metro, allora a un divoragol come Martinez dovremmo dare sempre dal 2 al 3.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

    Un errore che non giustifica il 5 dato in pagella!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy