Inter-Torino, parla Ventura: “Vittoria non casuale”

Inter-Torino, parla Ventura: “Vittoria non casuale”

Post partita / Le parole del tecnico granata dopo la sfida contro i nerazzurri: “Felice per il pubblico, la società e i ragazzi”

Soddisfatto e orgoglioso della prestazione del Torino a San Siro, Giampiero Ventura commenta così la vittoria ai danni dell’Inter: “Questa è una vittoria non casuale. Abbiamo concesso pochissimo ad una squadra che in casa ha sempre segnato molto: abbiamo avuto 3-4 contropiedi che non siamo riusciti a sfruttare. Loro hanno tirato solo due volte. Piano piano, se saremo bravi a continuare su questa strada, possiamo tornare ad essere protagonisti nella nostra dimensione. La vittoria a San Siro mancava da 20 anni, ma è solo una tappa nella nostra crescita. Abbiamo interpretato molto bene la partita, concedendo molto poco ad una squadra che ultimamente creava e segnava tanto. Sono felice anche per il pubblico e la società, per lo spirito e l’applicazione dei giocatori. Da qualche settimana abbiamo ricominciato ad allenarci bene come l’anno scorso. Abbiamo 25 punti, fatti attraverso il lavoro e la voglia di metterci in discussione. Ognuno ha anche degli obiettivi individuali che perseguono lavorando con noi, perchè per raggiungerli devono raggiungere prima di tutto quelli collettivi del Toro. Certo che se finiva zero a zero non c’era niente di strano, ma per una volta strappiamo una vittoria importante. Maxi Lopez? Quando il campo dirà che è in grado di fare 90′ con buona intensità partirà titolare, ma non parliamo sempre di Maxi Lopez, ci sono anche gli altri e se non ci fossero stati il singolo non può fare bene: siamo prima di tutto una squadra. Maxi ha dimostrato entusiasmo e dedizione, credo che abbia la possibilità di tornare ad essere quello che era e che vuole ancora essere. Benassi? ha fatto una buona partita: ha buonissime potenzialità e piano piano sta capendo come mettere a frutto queste potenzialità. Sta cominciando ad avere delle conoscenze a livello tattico che gli permettono di correre meno e giocare di più la palla: è più razionale nelle scelte e ha fatto una delle migliori partite da quando è qui, ma ha ancora grandi margini di crescita.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy