Italia-Spagna 1-1, Belotti-Immobile: l’ex duetto granata risolleva gli azzurri

Italia-Spagna 1-1, Belotti-Immobile: l’ex duetto granata risolleva gli azzurri

Nazionali / I due attaccanti azzurri, subentrati a partita in corso, hanno stravolto la partita in positivo

10 commenti

Stasera, allo Juventus Stadium di Torino, la nazionale azzurra di Giampiero Ventura, in occasione delle qualificazioni ai mondiali di Russia del 2018, ha affrontato la Spagna del neo ct di origini basche Lopetegui, il quale, nonostante il cambio di gestione, ha mantenuto lo stesso stile di gioco del suo predecessore: Del Bosque, molto influenzato dal suo collega catalano Pep Guardiola, che, in questi anni, ha sfornato giocatori dopo giocatori per La Roja. I principi su cui si fonda il gioco spagnolo sono due: il possesso palla asfissiante e la fantasia. Qualità al meglio interpretate soprattutto dal maestro Iniesta, capo di un reparto più che forte. Squadra antitetica invece l’Italia, che, storicamente, è una formazione molto difensiva.

Ventura prosegue il lavoro già iniziato qualche anno fa da Antonio Conte, schierando il consueto 3-5-2, schema utilizzato dall’ex allenatore granata anche ai tempi del Torino. In difesa è sceso in campo il solito duetto bianconero, formato da Barzagli e Bonucci, accompagnato dalla giovane presenza di Romagnoli. In porta Buffon, mentre in regia Daniele De Rossi – autore della rete del pareggio -, Florenzi, Montolivo – uscito anzitempo per problemi fisici – Parolo e De Sciglio. In attacco sono stati schierati i protagonisti di Euro 2016 Eder e Pellè: una coppia d’attacco che, sin dal primo minuto, non è ingranata del tutto, dimostrandosi di fatto un po’ arrugginita. Partita di certo condizionata anche dalla gaffe del portiere azzurro, il quale, nella seconda metà di gara, con qualche tentennamento, si è fatto beffare dal Vitolo, autore della rete dell’1-0.

Una Spagna, quella di Lopetegui, molto estetica, con un Diego Costa che, nel secondo tempo, meritava il secondo cartellino giallo, così come Sergio Ramos, autore del fallo in area di rigore. Una partita dunque decisa dal discutibile arbitraggio, ma se in negativo è stato condizionata proprio da Brych, in positivo, invece, è stata stravolta dalla ex coppia d’attacco granata Belotti-Immobile, la quale, nella seconda metà di gara, ha acceso una scintilla di speranza in quel di Torino. Proprio il Gallo Belotti ha partecipato all’azione del rigore concesso agli azzurri, gol dagli undici metri utile a portare a casa un punto importantissimo. Partita dunque dominata dalle Furie Rosse, ma, negli ultimi minuti, l’Italia di Ventura ha dimostrato di avere carattere, un carattere che sarà di certo utile nelle prossime sfide. Belotti e Immobile, intanto, lanciano un segnale, al fine di conquistarsi un posto nell’undici titolare azzurro e conquistare un CT che già conoscono molto bene.

10 commenti

10 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Michele Nicastri - 2 mesi fa

    Qualunque sia il ct, l’Italia è e resta lo specchio del sistema-Gobbo. Quindi Ventura o chiunque altro, io tifo contro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Mtrxx - 2 mesi fa

      Gomblotto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cecio - 2 mesi fa

    Ieri, in piena folata masochistica, ho deciso di guardarmi tutta la partita dell’Italia e sono rimasto sconcertato da quante analogie ci fossero con l’ultimo Toro di Ventura, specialmente quando affrontava squadre tecnicamente più forti:
    – 3/4 di gara subendo passivamente il gioco altrui e difendendosi come neanche San Marino
    – Gol preso su cappellone del portiere (lo spirito di Padelli aleggiava su Buffon)
    – Ventura mette finalmente in campo quelli che avrebbero dovuto giocare dall’inizio
    – La squadra scopre improvvisamente che può anche attaccare
    – Pareggio e rimorsi del tipo (ma perché non abbiamo giocato così dall’inizio?)

    L’unica vera differenza è che a noi spesso non ci riusciva di pareggiare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Mtrxx - 2 mesi fa

      Ho scritto praticamente lo stesso commento su Gazzetta!
      Chi non e’ d’accordo non ne capisce niente di calcio!
      Ho spento all’inizio del secondo tempo, troppe memorie dell’anno scorso Venturiano.

      Forse Padelli non e’ cosi’ male, forse col gioco di Ventura anche un Buffon fatica, troppi passaggi indietro, troppa concetrazione a impostare il gioco PIUTTOSTO CHE A PARARE.

      Quella e’ l’unica riflessione in piu’. Per carita’, Padelli, sei scarso, ma la prima cappella di Buffon in Nazionale coincide con la prima partita che Conta di Ventura..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. The Mtrxx - 2 mesi fa

    Ho spento all’inizio del secondo tempo, l’italietta di ventura assomigliava troppo al torello dell’anno scorso, timorosa, pasaggini, chiua, in 5/7 a difendersi… interessante che su gazzetta.it i commenti non funzionano? han tirato giu’ il sistema i tifosi incazzati neri? interessante pure che non vedo manco una velata critica al CT negli articoli, sicuramente si puo’ entrare in campo con una formazione migliore (immobile+gallo dall’inizio, niente de rossi cotto, niente montolivo)

    macchemmegregamme, io c’ho il toro di miha quest’anno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The Mtrxx - 2 mesi fa

      Massi mettete i meno quattro, fate tornare ventura, torniamo a fare schifo, dai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Calogero - 2 mesi fa

    Le doti di un buon tecnico sono anche quelle di riuscire ad azzeccare i calciatori giusti in base all’avversario. Ricordando le prestazione precedenti. Secondo me era questa qualità il valore aggiunto di Antonio Conte. Ventura ci ha messo troppo a capire che per mettere in difficoltà la Spagna doveva usare giocatori più rapidi come Immobile e Belotti. Se non ricordo male agli europei è stato grazie alla grande mobilità di giocatori come Giaccherini e Insigne che siamo riusciti ad avere la meglio sul gioco delle furie rosse. Parolo andava tolto almeno 20 minuti prima e magari questa partita la potevamo anche vincere. Comunque ottimo il debutto di Romagnoli e azzeccatissimi i cambi di Immobile e Belotti. Vedremo il seguito…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bertu62 - 2 mesi fa

    Spero proprio che Ventura, dopo questa partita e la prossima, mandi almeno un paio di giocatori altrove:
    PELLE’ –> Può anzi DEVE restarsene in Cina!!! Inconcludente ed anche profondamente DISEDUCATIVO oltre che da IGNORANTE qual è il gesto di non dare la mano al suo cambio…..NON CI SERVE!!!
    BUFFON –> Può anzi DEVE pensare solo più ai suoi molteplici figli avuti da molteplici mogli (come ogni Coniglio che si rispetti….) ed al massimo al suo club, dopodichè PENSIONE ed avanti con GIGIO Donnarumma!!!
    DE ROSSI –> Può anzi DEVE andare assolutamente da un barbiere ed un nutrizionista (assolutamente IMBARAZZANTI sia la barba che le occhiaie!!! Oggi ti hanno visto in milioni, con la maglia dell’ITALIA indosso!!!) oltre che inconcludente e gira-a-vuoto così come il compagno di Club FLORENZI: lasciate il posto a Verratti e Candreva!!!
    BELOTTI: INARRIVABILE!!! TRASCINATORE!!! SUPERLATIVO!!! FANTASTICO!!!
    IMMOBILE: TANTA TANTA VIVACITA’ E COMBATTIVITA’!!!
    Insieme sono il presente ed il passato (recente…) del Toro: OTTIMI GLI APPLAUSI DEL RUBENTUSTADIUM!!!!
    FVCG!!!
    SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. giancator - 2 mesi fa

    Se qualcuno mi chiedesse cos’è il Toro gli direi:
    “guarda Belotti giocare e ti sei dato una risposta!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 2 mesi fa

      Grande Gianca!!!
      :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy