Jansson, quando la sorpresa diventa certezza: Glik ha un degno erede

Jansson, quando la sorpresa diventa certezza: Glik ha un degno erede

Al ritorno da Udine / La prestazione dello svedese è stata di grande livello, come spesso è accaduto quando chiamato in causa

8 commenti
Jansson

Difficile scegliere, tra i giovani che si sono messi in mostra ieri alla Dacia Arena contro l’Udinese, qualcuno in particolare che abbia impressionato più degli altri. Più semplice, invece, individuare chi, nella partita in Friuli, ha dimostrato per l’ennesima volta di essere diventato una pedina ormai affidabile e in pieno possesso di tutto quel bagaglio di conoscenze tecniche, tattiche e mentali che Ventura richiede ad ogni giocatore che scenda in campo. Pontus Jansson, in particolare, è certamente fra questi.

Ciò che più fa sperare bene nella partita di ieri è stato che quella messa in campo non è stata la prima buona (ottima) gara che il centrale svedese ha disputato nel corso dell’anno e, più in generale, durante le due stagioni di permanenza in maglia granata. L’antecedente più vicino è la vittoria contro l’Inter, dove, a fronte di uno degli attacchi più temuti e temibili della Serie A, l’ex Malmö ha disputato una prestazione gagliarda e sopra le righe, candidandosi appieno come erede al trono al centro della difesa, scettro al momento nelle mani di Kamil Glik.

Accade così che, in settimane calde per il futuro dell’attuale capitano del Torino, la società di Via dell’Arcivescovado scopre di avere in casa il più che degno sostituto. La partita di ieri ne ha dato piena dimostrazione, con l’inzuccata per il primo gol granata che ha ricordato proprio i travolgenti inserimenti su palla inattiva del polacco appena una stagione fa, prima che la vena realizzativa si otturasse improvvisamente in questa stagione. E se l’anticipo di Felipe sul temporaneo 1-2 friulano pesa poco in termini di risultato, la conferma delle capacità di gestione dei tempi, sia in fase difensiva sia in fase offensiva, fa ben sperare per il futuro. Jansson ha giocato tantissimo il pallone, e l’ha sempre fatto nel modo migliore, senza essere spaventato dal pressing avversario o dalla necessità di rilanciare il gioco. Ennesimi segnali di una crescita che si fa sempre più concreta, e che spinge per uscire da un ruolo da comprimario che, ormai, sta sempre più stretto.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 9 mesi fa

    Avrebbe dovuto essere titolare gia’ dopo la gara con l’ inter…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ziocane66 - 9 mesi fa

    E’ incredibile vedere che in questa stagione Glik si sia messo a fare il Jansson dell’anno scorso e viceversa. Come mai mi chiedo io? Ovviamente complimenti a Pontus se li merita appieno!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. marcotoro69 - 9 mesi fa

    Jansson mi piace mi preoccupa solo i troppi infortuni merita di giocare, quanto riguarda a Glik se vuole andare via che vada pure peggio per lui, andrà a fare panchina in qualche squadra inglese guadagnando di più ma si pentirà come Alessio e Ciro perché non è un fenomeno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. robertofo - 9 mesi fa

    Jansson titolare; Glik, grazie, ma puoi anche togliere le tende. 10 milioni dallo zenith da investire in giovani affamati di calcio ….. eh via, pedalare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. RDS- toromaremmano - 9 mesi fa

    Morto un papa, se ne fa un altro, eh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dedinho.inherola@gmail.com - 9 mesi fa

    Pontus è veramente forte e secondo me farà meglio di Glik in quanto ha più tecnica e la grinta è all’altezza. E’ giusto farlo giocare titolare la prossima stagione. Solo una cosa riguardo l’articolo: l’Inter non è sicuramente uno degli attacchi più temuti della serie A, anzi, è il più criticato vista la palese difficoltà nel creare occasioni da rete.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Belfagor - 9 mesi fa

    Analisi perfetta: senza mai assolutamente dimenticare tutto quello che ha fatto il Capitano per il Toro in questi anni, è venuto il momento di cederlo e di puntare su Pontus.

    Si realizzerebbero due obiettivi: una bella plusvalenza da reinvestire nei giovani promettenti e la possibilità, per il Capitano, di concludere la carriera in una squadra di maggior “visibilità e blasone” con un ingaggio certamente più sostanzioso e soddisfacente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pino.maiuli_896 - 9 mesi fa

      Sono pienamente d’accordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy