Josef Martinez, il treno austriaco da non perdere per nessun motivo

Josef Martinez, il treno austriaco da non perdere per nessun motivo

Focus On / Il venezuelano pronto a dare continuità, dopo l’ottima prima parte di preparazione

5 commenti
Martinez

L’estate di Josef Martinez, fin qui, è stata di certo più che positiva, già sin dall’inizio, quando con le sue prodezze in maglia Vinotinto, ha subito entusiasmato sia l’intero popolo venezuelano che quello granata, il quale, guardando, il Centenario della Coppa America, ha potuto ammirare un Martinez in una forma strabiliante, che, ad ogni occasione, sfoggiava la sua foga e la sua fame di calcio.

Udinese Calcio v Torino FC - Serie A

In Austria, il sudamericano, avrà l’occasione di mettere nuovamente in mostra le sue ottime doti d’attaccante e, a suon di prestazioni di alto livello e magari anche tanti gol, potrebbe insidiare il posto da titolare, che oggi vede favorito il neo acquisto Adem Ljajic. Una concorrenza interna che, se ben indirizzata, gioverà alla truppa di Mihajlovic. Queste qualità si sono già viste nel corso della prima parte del ritiro del Toro, a Bormio prima e a Lisbona poi, ma adesso tocca alla parte più dura, quella del Tirolo austriaco, dove Martinez dovrà affrontare formazioni di un certo calibro, come l’Ingolstadt o la neo promossa in Premier League Hull City. La cattiveria e le qualità non mancano di certo al venezuelano, la cui fame sarà un fattore determinante in vista della prossima stagione. Questa seconda parte di ritiro sarà dunque un’occasione da non sprecare, poiché, il futuro di un suo ipotetico ruolo da protagonista in maglia granata nella prossima stagione, si gioca tutto in queste amichevoli precampionati, test importanti, che sottolineeranno parecchie gerarchie, dalla difesa all’attacco, reparto in cui proprio Martinez spera di avere una parte importante.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. axa - 10 mesi fa

    Mah, sinceramente punterei su Parigini e cederei Martinez, ad esempio stasera perché non far giocare titolare Parigini nel tridente invece che Iago Falque, vogliamo vederlo oppure no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gantonaz64 - 10 mesi fa

    visto che lo abbiamo conviene tenerlo.
    Il valore aggiunto dell’allenatore sta’ nel capire quali giocatori
    utilizzare in questa o in quella partita,in funzione anche delle caratteristiche
    degli avversari.Vale per tutti i giocatori.
    Altra regola:squadra che vince non si tocca.Il contrario di cio’ che avveniva con Ventura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AmmaMi71 - 10 mesi fa

      Bèh,scusa se mi permetto ma quello che dici è un controsenso! O cambi i giocatori in base agli avversari (quindi li cambi e li sostituisce a secondo delle loro caratteristiche funzionali) oppure mantieni sempre lo stesso 11 titolare indipendentemente dagli avversari (la così detta squadra che vince non si cambia)…Ma entrambe le cose non si possono avere!!!
      Non è che si deve per forza dire qualcosa tanto per criticare Ventura (che tra l’altro non è più con noi quindi lasciamolo dove sta!)…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gantonaz64 - 10 mesi fa

        Chiedo scusa. Intendevo dire che se vinci e bene una partita,la partita successiva varrebbe la pena riproporre la stessa formazione per un discorso di equilibri trovati,autostima ecc..
        Ventura lo ho rimosso dal cervello tanto mi era venuto a noia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cecio - 10 mesi fa

    Martinez per me è un bel dilemma…
    da un lato mi sembra che si sia finalmente sbloccato e giochi con più tranquillità e quindi sono contento che resti,
    dall’altro lato ho il timore che invece riconfermi i grossi limiti che ha palesato lo scorso anno e che quindi diventi un peso oltre al fatto che toglierebbe spazio a Parigini che sarà costretto ad andare di nuovo via
    Mah…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy