Kamil Glik, il capitano che ha chiesto la fascia ancora una volta

Kamil Glik, il capitano che ha chiesto la fascia ancora una volta

Focus On / Il difensore polacco, nella posizione inedita di marcatore destro, in una partita che sa di commiato

punti, Glik, Le pagelle di Torino-Juventus, Le formazioni ufficiali di Torino-Atalanta, Le pagelle di Torino-Atalanta

La partita di Empoli aveva poco significato per molti, ma non per Kamil Glik, che ha insistito per giocare anche in una posizione non sua, quella di difensore destro, pur di essere presente nell’ultima partita di campionato. Al termine di una stagione deludente e travagliata sul piano personale e professionale, il capitano granata ha chiuso l’annata e con essa probabilmente la sua epopea in granata.

Quella di Empoli è stata per Glik una partita dai due volti. Spaesato nel primo tempo, quando spesso ci ha capito sui continui scambi di posizione, tagli e controtagli degli attaccanti empolesi, ha ripreso in mano la situazione nella ripresa, quando ha giocato con più tranquillità e ha provato anche a partecipare alla fase offensiva. L’importante però, per Kamil, era portare la fascia di capitano ancora una volta, in modo da essere sicuro di aver dato tutto per la causa granata fino alla fine, specie in caso di un possibile addio.

Sì, perchè il nome di Kamil Glik sarà sicuramente al centro del calciomercato granata nelle prossime settimane. Per ricostruirsi, il Torino potrebbe scegliere di ripartire dalla cessione del suo capitano, il giocatore simbolo dell’era Ventura. Che ha disputato una stagione sicuramente sottotono, dopo i fasti di quella precedente: basti dire che i gol segnati sono stati zero, contro i sette della stagione precedente. Ma il profilo del biondo centralone, che ora si unirà alla Polonia per il ritiro in vista di Euro 2016, resta molto appetibile per molte squadre, soprattutto all’estero. E così potrebbe essere proprio lui la prossima plusvalenza da mettere a segno, in grado di portare linfa vitale per le casse societarie: l’ultimo regalo di un capitano che per la maglia granata non si è risparmiato, nella buona e nella cattiva sorte

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio sala 68 - 1 anno fa

    Dopo l’annata dell’anno scorso è stato caricato di troppe responsabilità a cui non era abituato; secondo me poi altri ha pagato una scarsa forma fisica, da capire come mai quest’anno abbiamo corso meno rispetto all’anno prima che avevamo cominciato a giocare a luglio. Saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrimo - 1 anno fa

      Secondo me ha patito anche tanto l’assenza di uno come Darmian. Matteo dava tanta corsa ma soprattutto tanta copertura. Bruno Peres è formidabile in spinta ma in quanto a copertura difensiva lascia parecchi buchi e Molinaro dall’altra parte non è certo paragonabile a Darmian!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scott - 1 anno fa

    Ha la colpa di essere finito nel plusvalenzificio con un cartellino appeso al collo che, obiettivamente, puo’ azzerare le motivazioni professionali e far pensare ad orizzonti piu’ sani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. andrimo - 1 anno fa

    Glik Glik Glik Glik, chi lo contesta capisce poco di calcio. Non sarà un fenomeno coi piedi ma in quanto a grinta e cuore per me è uno dei pochi in rosa ad avere queste caratteristiche. Poi è indubbio che quest’anno ha fatto anche lui qualche errore ma nessuno è esente da colpe in questa stagione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy