La moviola di Palermo-Torino 1-4: Fabbri, arbitraggio corretto. E la tecnologia aiuta

La moviola di Palermo-Torino 1-4: Fabbri, arbitraggio corretto. E la tecnologia aiuta

Gli episodi arbitrali / L’arbitro e i suoi assistenti svolgono un lavoro tutto sommato accettabile. Giusto annullare il gol di Falque

La partita tra Torino e Palermo è terminata con un risultato di 1-4 in favore della squadra granata che, dopo un avvio shock con il gol subito di Chochev, sale in cattedra al Barbera e schianta gli avversari: nel match, anche per il divario tecnico evidente tra le due squadre, pochi eventi sono stati da moviola, e l’operato di Fabbri è certamente sufficiente. Ma andiamo a vedere nel dettaglio le situazioni in cui l’arbitraggio è stato fondamentale.

Al minuto numero 11 viene annullato un gol a Iago Falque, dopo un cross di Zappacosta, per fuorigioco: giusta la decisione del guardalinee, dato che l’attaccante granata era in posizione di offside di qualche centimetro.

Arrivati al minuto di gioco numero 32, ecco un’azione molto pericolosa del Palermo: Alesaami si trova davanti ad Hart, che da grande portiere neutralizza il terzino rosanero. Il giocatore di De Zerbi non andava fermato, perché parte esattamente sul filo del fuorigioco.

Nel secondo tempo, il Torino segna il quarto gol al quarto minuto grazie a Daniele Baselli, imbeccato perfettamente da Iago Falque: il portiere rosanero cerca di buttare fuori il pallone prima che entri in porta, ma la palla supera la linea. Grazie alla Goal-Line Tecnology non ci sono stati dubbi, e per placare le prime proteste dei giocatori del Palermo, a Fabbri è stato sufficiente mostrare il suo orologio che confermava la rete da convalidare.

Al minuto numero sette della ripresa, i giocatori del Palermo abbozzano una protesta per un tocco di mani di Rossettini in area di rigore: ha fatto bene l’arbitro a lasciar proseguire perché, oltre ad essere stato un tocco del tutto involontario, il braccio del difensore era attaccato al corpo, e perciò non ha aumentato il volume.

Al diciannovesimo minuto, invece, ecco un errore della terna arbitrale: Rispoli si incunea in area, creando un grande pericolo alla difesa granata. Il terzino destro del Palermo andava però fermato, per un’evidente posizione di fuorigioco. Un errore che però non incide sul match, e per l’esito dell’azione e per il risultato di 4-1 su cui già ci si trovava.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy