La salvezza ? Una questione granata

La salvezza ? Una questione granata

I gol di Vieri e Pellissier contro Siena e Parma segnalano quanto sia colorato di granata questo finale di stagione. C’è, infatti, una nutrita pattuglia di ex giocatori del Toro che, da domenica prossima alla fine del mese, animeranno la lotta per non retrocedere. Sono venti, sparsi in modo abbastanza uniforme in tutte le squadre coinvolte. Un dato tanto più curioso…

I gol di Vieri e Pellissier contro Siena e Parma segnalano quanto sia colorato di granata questo finale di stagione. C’è, infatti, una nutrita pattuglia di ex giocatori del Toro che, da domenica prossima alla fine del mese, animeranno la lotta per non retrocedere. Sono venti, sparsi in modo abbastanza uniforme in tutte le squadre coinvolte. Un dato tanto più curioso se si considera la recente difficoltà di uno dei più blasonati vivai d’Italia nel produrre giocatori in grado di calcare con successo i palcoscenici della massima serie.

Nel Siena, che al Toro ha tolto sei punti su sei (1-2; 0-1), ci sono il portiere Manninger, e i centrocampisti Codrea, Vergassola ed Ezio Brevi, il fratello del capitano granata che restò solo poche settimane durante il periodo travagliato dei lodisti.

Il Chievo è in vantaggio per differenza reti negli scontri diretti, terminati con una sconfitta per parte (1-0 e 0-3) ed è una vera e propria colonia di ex prodotti del vivaio come Semioli, Mandelli, Mantovani, Marcolini, Pellissier, Marchese senza dimenticare Moro.

A Parma, dove il Toro ha lasciato 4 punti su 6 (1-1, 0-1), il guardiano della porta è quel Luca Bucci, cittadino onorario di Torino, e per sei anni portiere del Toro. Con lui anche l’ex-terzino sinistro Paolo Castellini tornato a giocare su buoni livelli.

Il Catania ha Edusei e Sottil, però negli scontri diretti lascia al Toro una vittoria e un pareggio (1-1, 1-0).

Nel Livorno, (1-1 all’andata) avversario nello scontro che si annuncia decisivo per la permanenza in serie A, ci sono Galante, Grandoni, Kuffour e due attaccanti dal dente avvelenato come Fiore e Lucarelli. Quest’ultimo in particolare pare avere il Toro nel mirino dal momento che va regolarmente a segno tutte le volte che incrocia i torinesi.

Una pattuglia di giocatori alcuni dei quali, con una spesa non eccessiva, potrebbero tornare utili nella prossima stagione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy