L’arrivo di Delneri e quel cambio di passo dell’Udinese

L’arrivo di Delneri e quel cambio di passo dell’Udinese

L’avversario / Il tecnico bianconero ha portato in alto la squadra friulana con prestazioni, fin’ora, convincenti

delneri

Il Torino andrà ad affrontare, nell’undicesimo turno di Serie A, l’Udinese, squadra che si trova a 13 punti in classifica (due in meno dei granata) e che ha colto 6 punti nelle ultime 3 giornate: se la squadra friulana è riuscita a risalire in parte la china della graduatoria momentanea del campionato italiano è anche grazie al suo nuovo tecnico, Luigi Delneri, che ha preso il posto del suo collega Iachini, esonerato dopo sette giornate.

PRIMO IMPATTO – Il primo match giocato dall’Udinese con il nuovo allenatore in panchina non è stato affatto semplice, anzi: i friulani si sono trovati di fronte la Juventus di Massimiliano Allegri. Il match, giocato in casa della squadra piemontese, è terminato 2-1 in favore della Juventus, che ha così colto i tre punti: tuttavia la prestazione della squadra di Delneri è stata molto convincente, perché è riuscita addirittura a passare in vantaggio e a mettere in difficoltà i campioni d’Italia Nonostante abbia colto zero punti, il nuovo tecnico dell’Udinese ha subito ricevuto delle buone impressioni dalla sua formazione, che è poi riuscita a sbloccarsi nei due match successivi.

Delneri, Torino-Verona, parla Delneri

SEI PUNTI – Nelle due partite dopo il match contro la Juventus, l’Udinese di Delneri è riuscita ad ottenere il massimo del bottino possibile, passando da avere 7 punti a 13. I due match affrontati dai friulani erano molto insidiosi: di fronte c’erano due squadre con il coltello tra i denti, ovvero Pescara e Palermo. In entrambe le giornate, i bianconeri sono riusciti a portare a casa i tre punti vincendo con il punteggio di 3-1, confermando ciò che di buono era stato visto nella sfida d’esordio per Delneri.

Perciò il nuovo tecnico dell’Udinese ha grandi motivazioni ed è riuscito a dare una dimensione alla propria squadra, puntando sui propri arieti come Duvan Zapata e Cyril Thérèau: dal punto di vista tecnico sarà molto difficile battere l’Udinese, che ora gioca anche sulle ali dell’entusiasmo.

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. mauro69 - 1 mese fa

    Occhio a questa Udinese: mi sembra una buona squadra e per di più in palla. Mi auguro che il Toro che la andrà ad affrontare non sarà quello dimesso visto a San Siro e in parte contro la Lazio, altrimenti saranno dolori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CUORE GRANATA 44 - 1 mese fa

      Concordo con Mauro69. Lunedì sera occorrerà’ un approccio diverso e soprattutto una disposizione tattica più’ prudente. Quanto a Ljaicjc se ndon e’ in condizione meglio tenerlo in panca e farlo giocardre nell’ultima mezz’ora. In tal modo forse con i suoi “colpi di classe” potrebbe essere determinante, altrimenti e’ una zavorra per la squadra

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy