Lazarevic pronto a tornare dopo 540 minuti

Lazarevic pronto a tornare dopo 540 minuti

 

Lazarevic è stato, senza ombra di dubbio, il giocatore più sorprendente di questa stagione. In pochi ad inizio anno avrebbero scommesso su di lui come possibile rivelazione di questo campionato. Arrivato nel mercato estivo in prestito dal Genoa insieme a Cofie, qualche tifoso era rimasto incuriosito, mentre gli addetti ai lavoro indicavano il ghanese come il più promettente tra i due. Il centrale era fisicamente…

Commenta per primo!

 

Lazarevic è stato, senza ombra di dubbio, il giocatore più sorprendente di questa stagione. In pochi ad inizio anno avrebbero scommesso su di lui come possibile rivelazione di questo campionato. Arrivato nel mercato estivo in prestito dal Genoa insieme a Cofie, qualche tifoso era rimasto incuriosito, mentre gli addetti ai lavoro indicavano il ghanese come il più promettente tra i due. Il centrale era fisicamente più potente e pronto per il salto dalla Primavera alla Serie B, al contrario del giovane sloveno che appariva ancora troppo “leggerino”. Con il passare del tempo e per via anche delle scelte di mercato, Cofie si è trovato sempre chiuso da compagni più importanti, mentre la rapida ala scalava vertiginose posizioni nei cuori dei tifosi granata. 

Oggi Lazarevic, appena 21enne, si è ritagliato uno spazio importante in squadra ed è uno dei più amati dalla tifoseria. In questa stagione è cresciuto tanto, diventando un punto fisso dell’11 granata e imponendosi all’attenzione dei media come uno dei talenti più promettenti del panorama calcistico di Serie B. Come spesso succede nell’arco di un’annata anche Lazarevic ha subito qualche acciacco ed ha saltato per infortunio le ultime sei gare contro Albinoleffe, Reggina, Modena, Piacenza, Siena e Triestina per un totale di un mese e mezzo. Stare fermo non è stato facile per questo ragazzino tutto pepe dal cuore impavido e dalla corsa inarrestabile. Oggi, però, è tornato finalmente disponibile. 

Sembra difficile che Lerda lo possa mandare in campo già dal primo minuto, vista la lunga assenza da cui è reduce, tuttavia il suo è un ritorno importante e non è escluso che il tecnico granata possa farlo entrare a gara in corso per dare vivacità e rapidità alla manovra. Il match di venerdì contro l’Empoli è troppo delicato per non giocarsi tutte le carte a propria disposizione.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy