Lazio-Torino 2-1, il ricordo del match d’andata: il Toro perde, ma ritrova Farnerud

Lazio-Torino 2-1, il ricordo del match d’andata: il Toro perde, ma ritrova Farnerud

Il ricordo dell’andata/ All’Olimpico di Roma i granata vengono sconfitti dalla Lazio: a segno per i biancocelesti Biglia e Klose, per i granata Farnerud al rientro dal lungo infortunio

 

Lazio e Torino si incontrano, esattamente un girone dopo, in condizioni diverse rispetto a diciannove giornate fa. Se nella sfida dell’Olimpico di Roma i granata erano in crisi e i biancocelesti non avevano ancora trovato una precisa identità, ora entrambe le compagini stanno attraversando un buon periodo, per non dire ottimo. Specialmente i capitolini, privi degli impegni di coppa, sono ora lanciatissimi nella lotta per il terzo posto, e dopo aver annientato 4-0 la Fiorentina, si presentano da favoriti alla sfida di lunedì.

IL RICORDO DEL MATCH – Il Toro navigava ad 8 punti in classifica, la Lazio era davanti a lui di quattro lunghezze. I granata erano reduci dalla sconfitta di Napoli, i biancocelesti dalla vittoria contro la Fiorentina. Davanti a quasi 35mila spettatori e a circa 200 supporters granata, la partita finisce con il risultato di 2-1. Gli uomini di Pioli passano in vantaggio grazie ad una punizione di Biglia al 14′, che sorprende Gillet. La reazione del Toro venne affidata a Farnerud, che ad inizio ripresa riesce a siglare il gol del momentaneo 1-1, con un tiro preciso da distanza ravvicinata. Pareggio che però dura davvero poco, perché Klose, sei minuti più tardi, insacca nuovamente in rete dopo una punizione di Candreva. La partita si chiude, la Lazio gestisce e il Toro non riesce a riacciuffare il pareggio.

NOTE DELLA SERATA – Proprio in quella partita di fine ottobre, dopo sei mesi di assenza, rientrava Farnerud dal suo lunghissimo stop. Esordio con gol per lui, insieme ad una prestazione molto convincente. Tra i granata scesi in campo per la partita d’andata, vi sono alcuni giocatori che ormai fanno già parte del passato. In primis Gillet, trasferitosi al Catania a gennaio, poi Ruben Perez, entrato all’80’ proprio al posto dello svedese, Sanchez Mino, partito titolare e poco incisivo nel match, ed infine Barreto che, se formalmente fa ancora parte del Toro, di fatto è totalmente fuori dal progetto. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy