Le “condizioni di gradimento” del Torino FC: quattro domande e quattro risposte

Le “condizioni di gradimento” del Torino FC: quattro domande e quattro risposte

Biglietteria / Che cosa sono, quali sono le condotte vietate, quali sono le sanzioni: tutto quel che c’è da sapere

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

IL PUNTO

cairo presentazione mazzarri

Che cosa sono le condizioni di gradimento che il Torino ha varato da questa stagione per la vendita dei titoli di accesso (abbonamenti e biglietti) alle partite che si giocano allo stadio Olimpico-Grande Torino? Quali sono le condotte che possono essere oggetto di provvedimenti inibitori? E quali sono le sanzioni suscettibili di essere irrogate? Ecco quattro domande e quattro risposte su un tema che è stato da molti male interpretato.

34 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iard68 - 5 mesi fa

    Il Torino ha solo fatto quanto previsto dal regolamento di lega, non si è inventato assolutamente nulla. Le “regole” sono assolutamente ineccepibili. Le teste calde stiano tranquillamente sedute commode nelle loro poltrone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Hic Sunt Leones (A.C. TORINO)® - 5 mesi fa

    Propongo di adottare le stesse regole che verranno adottate verso i tifosi ma verso la societa’: IN CASO DI MANCATO GRADIMENTO:

    IL TIFOSO DEL TORINO FC potrà adottare le seguenti sanzioni, in ordine crescente:

    – allontanamento dallo Stadio anche in corso di gara;
    – sospensione per una o più gare o per un determinato periodo di tempo o risoluzione dell’abbonamento;
    – rifiuto a contrarre per uno o più tagliandi di ingresso per una o più gare o per un determinato periodo di tempo e/o in relazione all’acquisto di un abbonamento per una o più stagioni successive.

    Solo la prassi, ovviamente, determinerà con quanto rigore il tifoso granata – come tutte le altre personalita’ civili – vigilerà sul rispetto delle condizioni di gradimento.

    Faccio notare inoltre che scricando il pdf delle condizioni vi sono parti che regolamentano i forum su internet ma sembra che nessuno faccia caso a quest’ultima cosa. Come al solito tutto e’ vago volutamnete tale da essere interpretato in modo univalterale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. prawn - 5 mesi fa

    Bisognerebbe fare l’abbonamento soddisfatti o rimborsati, magari ci sarebbe un po’ piu’ di sforzo e attenzione in estate e a gennaio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carlin - 5 mesi fa

    Possiamo dettare anche noi tifosi le condizioni di gradimento verso la società?Perchè quando piove devo lasciare l’ombrello all’entrata con il risultato di non ritrovarlo piu? Se lo considerate un corpo contundente allora le aste (in plastica dura)cosa sono,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giankjc - 5 mesi fa

    Ma senza fare supercazzöle cubiche, non riuscite a vedere che ancorché alla base dell’emanazione ci sia un accordo tra Istituzioni il testo e piuttosto vago e l’applicazione altrettanto.
    Non ipotizzate che il c.d. tra il modus operandi cariota, teso ad appiattire la tifoseria da un decennio, e un regolamento come questo, confluiscono nella stessa direzione?
    Altro che gomblotto, qui si tenta di portare a compimento una strategia che parte da lontano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 5 mesi fa

      è

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. spettro73 - 5 mesi fa

    Quest’anno sono andato a vedere l’ultima partita di campionato del Toro a Genova. Partita chiaramente inutile ai fini del nostro campionato ma che volevo assolutamente che vincessimo, c’era da violare un campo per noi stregato da settembre del 1981 quando vincemmo grazie ad una rete di Pulici. Lo ricordo bene perchè quella è la prima partita del Toro di cui ho memoria. Praticamente è il mio primo giorno da tifoso vero e consapevole del Toro. Ma ,tralasciando questa divagazione personale, quella partita era lo spunto per dire altro. Quel giorno, cosa rarissima ormai, non c’era bisogno della tessera del tifoso e di fare il biglietto il giorno prima. Ho potuto scegliere il giorno stesso di fare una breve gita a Genova e vedere la partita. Adesso è tutta una serie di divieti e vincoli. Mi sembra evidente che il fine ultimo è trasformare il calcio in un’altra cosa come già avvenuto in Inghilterra. Si vorrebbero portare allo stadio più famiglie, e questo può avere senza dubbio senso, ma si restringe in maniera pietosa la libertà di ognuno di noi. Da una parte qualche insulto agli avversari non fa male a nessuno ed il bello degli stadi è anche vedere le tifoserie avversarie e contrapporsi a livello di colori e tifo, dall’altra l’obbligo di aver un posto fisso mi sembra una forzatura esagerata, siamo allo stadio e non a teatro. In curva (e da quella che leggo solo più in Maratona mentre in Primavera la storià è già cambiata) ancora ancora ma negli altri settori sei vincolato al tuo posto. Se ti sei abbonato e hai la sfortuna di avere un rompicoglioni vicino di posto te lo devi subire tutto l’anno (stessa cosa vale per lui nei miei confronti ovviamente). E lo stesso discorso se inviti un amico, la compagna ecc.., si rischia di non poter nemmeno stare vicini. So che molti fratelli su questo argomemto faranno considerazioni diverse. Ma a me premeva sottolineare questo altro aspetto. Sempre e solo Forza Toro. P.S. E diciamo che questo è l’unico aspetto per il quale a noi va bene, per così dire, che lo stadio sia sempre mezzo vuoto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 5 mesi fa

      Concordo in generale…troverei assurdo il rispetto del proprio posto, vado in maratona da una vita e non mi piacerebbe avere un posto fisso e stare seduto…se si tratta di qualche insulto e sfotto’ tra tifoserie ok, ma quando esci ti dovresti mischiare tranquillamente ai tifosi avversari, mai piaciuto essere scortato dalla polizia e avere timore di “attacchi” da parte di frange violente…non mi piacciono divieti e vincoli che restringono la mia libertà (mai partecipato a scontri, mai sputato su un casco di un poliziotto, mai fatto nulla di violento) ma probabilmente se tutti avessero il nostro modo (@spettro ti accomuno a me perchè mi sembra che siamo sulla stessa linea di pensiero) di vivere il calcio probabilmente non ci sarebbe stato neanche il bisogno appunto di introdurre leggi, divieti e vincoli…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. spettro73 - 5 mesi fa

        ForzaToro confermo la linea comune di pensiero :-)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

      Condivido. Il posto assegnato in curva è una assurdità.
      Ma anche la curva è diventata un po’ meno curva del Toro da un po’ di anni a questa parte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13814870 - 5 mesi fa

    Berlusconi anche qui??? ah ah ah se la gente si comportasse per bene non occorrerebbe niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Paul67 - 5 mesi fa

    Da 20/25 anni ho l’ impressione che si faccia di tutto per disincentivare i tifosi ad andare allo stadio , tessera del tifoso , tornelli, stadi fatiscenti , DASPO a nastro ecc……. Il motivo ? Vendere abbonamenti TV , molte di queste norme furono introdotte dai vari governi Berlusconi sarà un caso ? Nn penso proprio , tra l’ altro in TV si raccatta molta più pubblicità. Ora se da un lato metti ulteriori divieti dall’ altro occorre educare , almeno i bambini a scuola ad una condotta più sportiva ed aumentando le ore di sport o con altre iniziative . Nn si può solo mettere divieti. Il discorso è in generale nn è solo rivolto al Torino FC lo dico perché è facile essere fraintesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ForzaToro - 5 mesi fa

    Si dimentica troppo spesso che il calcio e’ sport, divertimento, passione…la Premier per quanto riguarda il tifo sarebbe un modello sa seguire, almeno all’interno degli stadi…”noi” senza insulti, contestazioni, scontri ci sentiremmo persi…abbiamo scarsa cultura sportiva…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

      Ci si è anche dimenticati che nello sport si dovrebbe partire tutti con le stesse risorse.
      Diciamo quindi che oltre a divertimento, passione ci sono anche disillvelli economici, truffe, falsi in bilancio, interessi finanziari e perciò frustrazioni, delusioni, frustrazioni, critiche e contestazioni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 5 mesi fa

        Daniele, il succitato signor ForzaToro ama esprimersi sempre “unilateralmente”, dimenticando, volutamente, il “rovescio della medaglia”.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ForzaToro - 5 mesi fa

        Concordo in parte con te @daniele…il problema delle risorse è relativo soprattutto alla nascita delle pay-tv e dalla vendita dei diritti TV…negli anni ’70/’80 tale problema non c’era ma gli scontri con tifoserie avversarie e polizia erano ancora più violenti…Dall’Olio, Paparelli, Spagnolo (già anni ’90)…

        @haga invece di spostare l’attenzione su di me, che non sono nessuno, argomenta please…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

          Vero, e ripeto, sono assolutamente d’accordo a soffocare la violenza dagli stadi (e anche altrove) ma diciamo che il comunicato della società sa un po’ di “ordine und discipliner ” e la cosa mi fa un po’ incazzare. Io ho due figli, uno di 3 anni e la piu’ grande di 15, quindi mi piace ancor di più andare allo stadio sapendo che non rischio una coltellata o di essere coinvolto in una rissa, ma da qui a proibire le contestazioni ne passa parecchio. E aggiungo che andavo allo stadio anche nei tempi della “violenza” e molto difficilmente a Torino si veniva coinvolti in risse e pericoli se si sceglieva di starne fuori.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Hagakure - 5 mesi fa

          C’è poco da argomentare: le regole le fanno sempre gli stessi ed in funzione del proprio tornaconto, soprattutto quando, da sempre, c’è un’unica squadra che detta legge e decide anche per le altre.

          Ed ora che ha trovato il servo ideale per distruggere la nostra Storia e Leggenda, non si darà tregua sino a che non avrà eliminato anche l’ultimo baluardo (il Vero Tifoso Granata) del Toro che fu.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

        @Haga: purtroppo spesso il rovescio della medaglia siamo noi.. Anzi, siamo il bicchiere mezzo vuoto, siamo gli inculati, i perdenti, i zitti e mosca da domani..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ForzaToro - 5 mesi fa

    Per chi focalizza erroneamente i propri commenti su Cairo e non avesse letto bene “è iniziativa presa di concerto tra Ministero dell’Interno, Ministero per lo Sport e Coni – nata da un protocollo siglato il 4 agosto 2017 avente ad oggetto il recupero della dimensione sociale del calcio – e frutto di un impegno preso dalla FIGC”…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hagakure - 5 mesi fa

      Corbezzoli, allora se “è iniziativa presa di concerto tra Ministero dell’Interno, Ministero per lo Sport e Coni…per il recupero della dimensione sociale del calcio…e frutto di un impegno preso dalla FIGC” siamo molto più sereni e tranquilli…!!!

      Del resto stiamo ancora attendendo, anelanti, dal Ministero dell’Interno, Ministero per lo Sport, FGCI e Coni il “recupero” della dimensione italiana del calcio, visti i recenti “elevatissimi” risultati della Nazionale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ForzaToro - 5 mesi fa

      Era per sottolineare che non e’ un’iniziativa del Torino Fc qualora non si fosse capito…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13814870 - 5 mesi fa

    nessuna paura..nessun dissenso. .sovente qualcuno esagera e come in ogni situazione della vita ci vogliono regole e buonaeducazione. Si possono dire le proprie opinioni senza uscire dal seminato tanto ognuno la pensa in modo diverso dall’altro . A me non da assolutamente fastidio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. IlGrandePolicano - 5 mesi fa

    Benvenuti a Cairolandia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Rock y Toro - 5 mesi fa

    Chi male non fare, paura non avere; traduzione: chi si comporta civilmente non è preoccupato da condizioni e regole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

      Certo, ma un conto è la violenza, da reprimere e scoraggiare. Un altro è invece proibire il dissenso e le critiche espresse civilmente.
      W la Fica, abbasso Cairo si potrà dire ?
      Andate a lavorare ! ?
      Tirate fuori le palle ?
      O si può solo star zitti o cantare “e forza toro trallalero tra la la ?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. WGranata76 - 5 mesi fa

      No, sbagli di grosso. Nell’interpretazione volutamente vaga di questo regolamento, il dire che la società di Venaria e i loro tifosi sono disonesti ladri che godono impunemente di favori e se ne fregano di vincere rubando, sarebbe offensivo per la considetta società civile. Oppure dire che Cairo pensa solo ad incassare e non ha a cuore davvero il Toro, sarebbe “offensivo” per l’interessato.
      Peccato che esiste una cosa chiamata libertà di espressione e che quei due esempi sopra non mi definiscono meno civile o maleducato, ma l’offesa e le opinioni personali, che ricordo per legge non sono reato (differentemente dall’ingiuria), sembrano spaventare le società complici di questo sistema calcio sempre più marcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 5 mesi fa

        La cosa ovvia è che questo infimo individuo sta cercando di tutelare, come da contratto stipulato a suo tempo, i suoi “veri padroni legittimi” e per far questo, quando e dove può “compra” il comprabile (vedi attuale Curva Maratona) e dove non può, sanziona, inibisce, colpevolizza, denuncia la Liberta di Pensiero, Espressione, Parola e Opinione.

        Tipico atteggiamento da becero “dittatore dello stato libero di Bananas”

        P.S.: avete mai visto/sentito costui, in tutte le stracittadine giocate, allorquando fosse il caso, muovere un dito contro la seconda squadra di Venaria e i suoi padroni ?

        Piuttosto che farlo, arbitro, allenatore e gocatori diventavano i capri espiatori da sacrificare sull’altare della Cairo communications.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Rock y Toro - 5 mesi fa

        Figurati se si spaventano per un Cairo vattene! La questione secondo me non si pone perché il dissenso, se civilmente espresso, non potrà essere sanzionato. Vi ricordo che la società di calcio come le altre società non può travalicare il codice di diritto civile, con regole proprie avverse.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. WGranata76 - 5 mesi fa

          Se tu sottoscrivi un abbonamento gestito privatamente che ha al suo interno un regolamento aderente e normato dalla legge, come in questo caso, avresti ben poco da fare contro un sospensione o inibizione del tagliando purtroppo.
          La nostra legge è garantista solo per le società e chi ha avvocati prezzolati, non per noi comuni cittadini.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

      WGranata76: Purtroppo avevo dato per scontato che non si potesse dire o scrivere juve merda allo stadio.
      Spero si possa farlo ancora qui
      Nel dubbio. Mi sfogo :
      juve merda’!
      juve cacca
      juve ladri

      Per favore publbicatelo Redazione!
      Potrebbe essere l’ultima volta che si può farlo in libertà …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Hagakure - 5 mesi fa

    Mi piacerebbe che si parlasse anche delle “condizioni di gradimento” del Tifoso Granata D.O.C.G., allorquando l’individuo proprietario della società (e la società stessa) adottano politiche e condotte, con tanto di dichiarazioni pubbliche mendaci, “poco ortodosse” e degne di essere sanzionate.

    Oppure all’individuo proprietario di codesta società spettano solo gli “onori” mentre gli “oneri” (con annesse prese per i fondelli ormai da 14 anni) sono di esclusiva pertinenza dei Tifosi Granata…???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 5 mesi fa

      Perfetto, giusto e commisurato.
      Bravo, dovremmo redigerlo e farlo sottoscrivere con i capisaldi della storia che ha contraddistinto il Toro per decenni.
      Sarebbe una iniziativa lodevole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. carlo - 5 mesi fa

    Ma la Federazione impone anche di minacciarti se fai un coro anticairo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy