Le pagelle di Palermo-Torino: Maxi Lopez, avresti meritato la doppietta

Le pagelle di Palermo-Torino: Maxi Lopez, avresti meritato la doppietta

Palermo – Torino, le pagelle di TN / La qualità di El Kaddouri è imprescindibile. Benassi e Martinez ancora una volta rimandati

 

Un Toro in difficoltà nel primo tempo, ma che nella ripresa fa quanto in suo potere per vincere una partita difficile, non riuscendoci per un fischio di Gervasoni perlomeno opinabile. In generale si può dire che senza El Kaddouri e Maxi Lopez, è tutto un altro Toro. Ecco le pagelle dei granata: l’attaccante argentino entra e rischia di decidere la partita, Benassi e Martinez sono una mezza delusione, Farnerud impreciso, El Kaddouri imprescindibile per questo Toro.

PADELLI 6: Al 7′ fa venire infarti in serie ai tifosi granata quando rischia con un passaggio sul pressing di Dybala. Poi ha poche colpe sui due gol da distanza ravvicinata subiti. Nella ripresa è bravo a sventare un paio di situazioni pericolose in area e subito dopo il gol annullato a Maxi Lopez mette in angolo un pericoloso tentativo di Belotti.

BOVO 6: senza grandi squilli né grandi errori, porta a casa un’altra prestazione pulita. Qualche sbavatura di troppo, però,  nel primo tempo, quando spesso deve impostare lui per le mancanze dei centrocampisti.

GLIK 6,5: unico difensore ad essere risparmiato dal turnover di Ventura, il Capitano mette una pezza  dove gli altri non arrivano, specie nel recupero finale quando è letteralmente un muro (e non è la prima volta). Rischia solo nel primo tempo, quando Andelkovic arriva in corsa, gli salta sulla testa e prende la traversa

SILVA 5,5: niente da fare, sul gol di Rigoni le maggiori responsabilità sono le sue: guarda la palla e non Rigoni che gli sfila alle spalle e la mette dentro. Poi si riprende nella seconda frazione; tutto sommato, non sfigura in una partita difficile, ma pesa la distrazione di cui parlavamo poc’anzi.

PERES 6,5: Sua la zampata del primo gol granata: è il terzo gol di una bella annata. Poi nella ripresa semina tutti, ma nessun compagno di squadra è pronto sul suo traversone. Sulla sua corsia ha un cliente difficile, Lazaar, che dà vita a un bel duello tra due giocatori di livello assoluto.

BENASSI 5,5: al solito, il contributo in termini di corsa è buono. Oggi però sbaglia molte giocate, e tutti i tentativi di inserimento non vanno a buon fine. Poco prima di uscire, tenta la conclusione da fuori, da dimenticare  (53′ st EL KADDOURI 7: dimostra al momento di essere im-pre-scin-di-bi-le per questa squadra. Quando non c’è lui, si stenta a creare occasioni da rete. Mette l’assist buono per Maxi Lopez ed è suo anche il gran cross per quella che sarebbe stata la doppietta dell’attaccante argentino)

VIVES 6,5: un’onesta partita per O’Professò in un ruolo in cui, di questi tempi, fa fatica (e infatti finisce in preda ai crampi lasciando di fatto la squadra in dieci). Però dà tutto, si affanna per tenere coperte le linee di passaggio e fa il suo anche in costruzione. Difficile chiedergli di più.

FARNERUD 5,5: Il primo tempo è assolutamente negativo: tanti palloni persi e pochi, pochissimi buoni spunti. Sale nella ripresa, aumentando il ritmo e facendosi valere di più in mezzo al campo. Avrebbe un paio di buone occasioni, ma è troppo compassato al momento di incidere.  

MOLINARO 6: Contribuisce all’errore di Silva sulla seconda rete palermitana, non stringendo abbastanza la diagonale. Però si fa valere su tutti i palloni e su quella corsia Rispoli ha vita dura. In fase offensiva deve limitare le sgroppate, per dare manforte a Silva sulla sinistra con Dybala (79′ DARMIAN ng: tocca pochi palloni, si fa notare solo per un fallo. Entra forse troppo tardi dopo il derby vissuto da protagonista)

MARTINEZ 5,5: nella gara di andata il Palermo fu per lui un toccasana, oggi non è la stessa musica. Impegna severamente Sorrentino al 21′ ma il portiere granata è bravo a mandare sopra la traversa. Da lì in poi, tocca pochi palloni e trova pochi spazi per scatenarsi in velocità. Salto di qualità ancora rimandato (58′ st MAXI LOPEZ 7: dentro da due minuti, al primo pallone segna con un delizioso tocco di controbalzo. Ma che sia attaccante vero non lo scopriamo oggi. Vicino al gol per due volte intorno al 28′, prima quando per un soffio non arriva sul cross al volo, poi quando lascia andare il sinistro da dentro l’area trovando la risposta di Sorrentino. Poi Gervasoni gli annulla, con un fischio che farà assolutamente discutere, il gol da tre punti. Con lui in campo in ogni caso è tutto un altro Toro: Martinez, guarda e impara)

QUAGLIARELLA 6: Arriva da un gol storico nel derby e il momento magico sembra continuare quando un suo tiro sbagliato diventa l’assist buono per Bruno Peres. Prova anche una delle sue palombelle da metà campo: sballa totalmente e si becca gli applausi di scherno di Sorrentino. Prova a riscattarsi quando mette Martinez davanti alla porta, ma il Brigante Vinotinto non è freddo abbastanza. Nella ripresa è lui ad orchestrare la manovra offensiva del Toro e compie un paio di lanci da cineteca, ma ci si aspettava qualcosa di più in fase di conclusione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy