Le pagelle di Torino-Lumezzane

Le pagelle di Torino-Lumezzane

COPPOLA  n.g.   Tutto il suo impegno sta nel rabbrividire quando Gasparetto, abbonati nel far raggelare il pubblico granata, colpisce il palo alla sua destra nell’unico guizzo bresciano del primo tempo; e poi, di nuovo alla fine sulla traversa di Ferrari. Smanaccia in corner una punizione dalla trequarti che, non toccato da nessuno, sarebbe probabilmente entrato

DARMIAN  6,5  

COPPOLA  n.g.   Tutto il suo impegno sta nel rabbrividire quando Gasparetto, abbonati nel far raggelare il pubblico granata, colpisce il palo alla sua destra nell’unico guizzo bresciano del primo tempo; e poi, di nuovo alla fine sulla traversa di Ferrari. Smanaccia in corner una punizione dalla trequarti che, non toccato da nessuno, sarebbe probabilmente entrato

DARMIAN  6,5   Un po’ timido, comunque solido. In crescita nella ripresa, inizia a proporsi al cross, fino a trovare quello vincente per Antenucci

GLIK  6   Non particolarmente sollecitato da Gasparetto, un po’ isolato in avanti, non sempre pulitissimo nei disimpegni ma nessuna sbavatura da ricordare

OGBONNA  6   Siccome nemmeno lui é messo particolarmente in ambasce dagli avanti di Nicola, ogni tanto ne approfitta per qualche uscita palla al piede delle sue, strappando ulteriori applausi oltre a quelli che già alla lettura delle formazioni lo ricoprono

ZAVAGNO  5,5   Il Lumezzane praticamente non calca le fasce, con un tridente mascherato che tende a stringersi; lui non aiuta particolarmente Guberti

STEVANOVIC  6,5   Deve avere anche lui un gemello scarso, e l’anno scorso probabilmente a Torino c’era lui. Stasera di lui ricordiamo almeno tre numeri d’alta scuola mai fini a se stessi ma sempre in direzione della porta, purtroppo un guardalinee miope lo ferma mentre é lanciato verso quel gol che meriterebbe

IORI  7   Finalmente un regista! Bello poter contare su un giocatore che punta sempre alla verticalizzazione, non al passaggio orizzontale. Numerose le aperture degne di nota, si inserisce anche sulla trequarti e suo é il primo tiro (da dimenticare) del Toro. Cala alla distanza

VIVES  6   Debilitato, un po’ si vede, é il solito giocatore di cuore ma la precisione e la forza un po’ gli difettano. Rimane in campo più a lungo del previsto (st 35′ Suciu ng  Pochi minuti, una bella intuizione in avanti non sfruttata, avrà spazio)

GUBERTI  6,5   Giocatore d’altra categoria (così con l’avversaria la differenza é praticamente di due serire…), alla qualità abbina anche un impegno ammirevole: si spende fino all’ultimo, correndo finché ne ha. Stop al volo e più in generale controllo di palla sono un piacere per il pubblico

SGRIGNA  6  Si dimostra il più in palla fra gli attaccanti, e soprattutto non sembra parente di quel centrocampista triste che correve sulla palla: si vede che é felice potendo cercare le combinazioni in attacco, e la voglia si vede nei palloni che va a cercarsi sulla trequarti e che tratta con sapienza tecnica  (st 11′ Antenucci 7  Cosa chiedere di più? Meno di un quarto d’ora per mandare il Toro al terzo turno di Coppa Italia. Speriamo che l’infortunio, cagionatao da un’entrata dura di un avversario, non sia grave) (st 25′ Ebagua 6,5  Fisicità abbinata a dinamismo: giocherà molto, con questo allenatore in panchina. Vicino al gol, apprezzabile la voglia di dialogare con Bianchi)

BIANCHI  6   Inizia bene, con un paio di tocchi di prima che non sono propriamente nel suo repertorio e da parte sua c’é applicazione. Sbaglia nella sola occasione da gol che gli si presenti in tutta la gara, poi nella ripresa la preparazione “da ritiro” si fa sentire; peccato che il pubblico lo becchi, di certo non lo merita, oltretutto alla prima uscita stagionale. Non aiutato dall’arbitro

All. VENTURA  6,5   Il suo Toro é questo? No: il suo Toro si sta cercando. Sta nascendo. La fitta rete di passaggi, che ne fa la squadra dal maggior possesso palla che il pubblico dell’Olimpico abbia potuto vedere negli ultimi anni. Gli avversari prima o poi dovrebbero cadere in trappola, e i granata trovare gli spazi per pungere: succederà, con l’oliarsi di meccanisimi che certo al 13 Agosto sono ancora pressoché nuovi

Arb. MERCHIORI  6

(foto M.Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy