Le pagelle di Torino-Napoli 1-0: Glik mattatore, Padelli gladiatore

Le pagelle di Torino-Napoli 1-0: Glik mattatore, Padelli gladiatore

Le pagelle di TN/ Successo storico per la squadra di Ventura: vittoria di misura, e Napoli invidia il ‘Sultano Berbero’ El Kaddouri

Termina la sfida dell’Olimpico tra Torino e Napoli. Grande vittoria del Toro grazie al gol di capitan Glik, successo storico che proietta i granata a 36 punti in classifica: ecco le nostre consuete pagelle.

PADELLI 6.5: risponde presente le poche volte che il Napoli lo chiama in causa e respinge a dovere il bolide calciato da Higuain ad inizio ripresa. Nel confronto diretto con Gabbiadini (nel girone d’andata contro la Sampdoria subì la rete su punizione) ne esce a testa alta, seppur con l’ausilio del palo.

BOVO 6.5: certo non ha lo stesso fisico di Maksimovic, ma compensa la mancanza di centimetri, con la sua tecnica grazie alla quale la squadra riesce sempre ad uscire in disimpegno dalla propria area. Nella ripresa impegna Andujar con una punizione da brividi.

GLIK 7.5: tiene a bada un cliente difficile come Higuain, il quale non riesce (quasi) mai a rendersi pericoloso. Sempre in anticipo di testa sui cross tagliati degli esterni del Napoli, permettendo così alla squadra di recuperare il pallone. Al 23′ firma il gol del vantaggio granata, con il marchio di fabbrica: colpo di testa su schema da palla inattiva.

MORETTI 6.5: dopo un primo tempo di normale amministrazione, nella ripresa Benitez inserisce Gabbiadini (che va dalle parti di Glik) e gli mette addosso Higuain. L’esperto difensore non patisce il cambio in marcatura e annulla il numero nove avversario come se nulla fosse.

BRUNO PERES 6.5: lampi di luce, chiusure perfette e grande passo. Un talento cristallino, un gioiello brasiliano da tenere stretto – vedremo se il Toro ci riuscirà -. Strinic è costretto a fermarlo con le cattive, le sue accelerazioni sono sempre devastanti.

FARNERUD 6: rinforza il centrocampo a dovere, i piedi di fata non fanno certo parte del suo repertorio, ma si difende egregiamente, dando un notevole contributo in mediana. 

GAZZI 7: giganteggia a centrocampo, David Lopez e Gargano non vedono un pallone, perché il rosso mediano li recupera tutti. Come nella sfida di fine estate all’Olimpico contro l’Inter, il centrocampista domina sugli avversari, risultando il migliore del reparto.

EL KADDOURI 6.5: il belga-marocchino non si ferma più, grande qualità (nessuno lo ha mai negato) mischiata finalmente alla continuità che serve per poter fare la differenza in Serie A. Il Sultano Berbero fa quel che vuole con il pallone tra i piedi e tifosi del Napoli diventano verdi dall’invidia (st 47′ Basha sv).

DARMIAN 6.5: il solito stantuffo inarrestabile, recupera la sfera e riparte assieme ai compagni con grande caparbietà e la massima intelligenza tattica. È il valore aggiunto di questa squadra, ormai si può dire senza vergogna: il miglior terzino italiano del momento.

MARTINEZ 5.5: si divora un’occasione in avvio, calciando altissimo a pochi passi dalla porta difesa da Andujar. Duetta bene con Quagliarella, ma di fatto non incide abbastanza. Ventura lo sostituisce e il Toro cresce a vista d’occhio (st 15′ Maxi Lopez 6: è il talismano della squadra, quando entra dalla panchina i granata spesso e volentieri passano in vantaggio. Succede anche questa sera contro il Napoli. Grande impatto sul match).

QUAGLIARELLA 6: tanto lavoro sporco in avanti, tiene impegnati i centrali del Napoli da solo. Un vantaggio di riflesso per tutto il resto del gruppo che riesce quindi a trovare maggior spazio quando parte in proiezione offensiva (st 48′ Amauri sv).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy