Le pagelle di Torino-Roma 1-1: ci pensa Maxi Lopez

Le pagelle di Torino-Roma 1-1: ci pensa Maxi Lopez

Le pagelle di TN / Gazzi e Vives sugli scudi, delude Quagliarella

Termina in parità la sfida tra Torino e Roma, sugli altri campi il Napoli vince e stacca i granata che ora attendono interessati la sfida tra Milan e Sampdoria. La Fiorentina in ogni caso è a sei lunghezze, vedremo come andrà a finire questa lunga rincorsa per l’Europa.

PADELLI 6: sicuro nel primo tempo, quando battezza fuori le conclusioni di Iturbe e Nainggolan. Nella ripresa anticipa tutti in presa alta e in ben due occasioni chiude prontamente lo specchio allo spauracchio Ljajic. Viene impallinato invece dal dischetto sul discutibile rigore concesso alla Roma, calciato da Florenzi.

MAKSIMOVIC 6: commette un lieve errore in avvio, poi si riscatta subito cercando e trovando sempre l’anticipo sugli attaccanti giallorossi. Il fisico lo aiuta nel tenere a bada Iturbe, così Garcia inverte l’ex Verona con Ibarbo, ma il risultato non cambia.

GLIK 6.5: anticipa tutti di testa, ma anche di piede. Sontuoso come sempre, il capitano granata ha una marcia in più. Scava una buca sul dischetto, prima che Florenzi posizioni il pallone, ma questa volta l’anatema inventato da Maspero non funziona. Peccato. Scivola sulla conclusione di Florenzi nel finale, ma il risultato non cambia.

MORETTI 6.5: il rigore appare dubbio, in ogni caso la prestazione del centrale romano non cambia. Pienamente sufficiente. Dopo il gol subito suona la carica, strappando il pallone dai piedi degli attaccanti di Garcia. Ma non solo, perché in questa partita Moretti si spinge sino a centrocampo, trovando spesso e volentieri l’anticipo e riavviando l’azione dei granata.

BRUNO PERES 6.5: lo smeraldo brasiliano sembra essersi ritrovato. Difende con ordine, spinge quando e quanto serve per mettere in difficoltà la retroguardia avversaria. Sarà che Braida è venuto fino qui per osservare anche lui, in ogni caso il risultato è buono e il Toro ne trae vantaggio (st 31′ Molinaro 6: senza macchia e senza lode).

VIVES 7: recupera e imposta a favore della squadra, partita sopra le righe per il professore granata. Si ritrova tra i piedi un pallone invitante, ma difficile da piazzare in porta, non si scompone, ragiona e in un lampo serve a Maxi Lopez l’assist per il pari. Avercene di ‘vecchietti’ così (st 34′ Farnerud sv).

GAZZI 7: perfetto nel svolgere il proprio compito, al pari del compagno di reparto Vives. La diga granata crea un argine insormontabile, tanto è vero che la Roma è costretta costantemente ad allargare la manovra, scavalcando il centrocampo con lanci lunghi e non sempre precisi.

EL KADDOURI 5.5: non sempre lucido, a volte in ritardo sul pallone. Il Sultano Berbero potrebbe fare di più, la continuità nelle prestazioni appare ancora come il suo limite più grande. 

DARMIAN 6.5: diligente, attento, preciso e caparbio. Vederlo giocare è qualcosa di splendido, i compagni lo cercano, sanno che quando il pallone ce l’ha lui e come fosse in cassaforte. Le big d’Europa lo seguono da tempo, il Barcellona ha mandato Braida a (ri)vederlo da vicino. Ma questi sono discorsi da rimandare al futuro prossimo, ora Matteo gioca nel Torino e lo fa al meglio.

MARTINEZ 5.5: altra prova incolore per il giovane attaccante che non segna dalla magica notte al Bentegodi contro il Verona. Ventura lo sostituisce nella ripresa e il Toro trova il gol (st 10′ Maxi Lopez 7: sicuramente l’acquisto dell’anno per il Torino, il colpo di gennaio non delude le aspettative riposte in lui e anche oggi il suo ingresso in campo risulta decisivo).

QUAGLIARELLA 5: non incide come dovrebbe e potrebbe. Il terminale offensivo granata, contro la Roma parte bene ma termina nell’ombra. Nella ripresa non tocca un pallone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy