Le prime volte di Papadopulo

Le prime volte di Papadopulo

di Davide Agazzi – Quello di oggi, per Giuseppe Papadopulo, sarà l’ennesimo esordio su una panchina di calcio. L’allenatore toscano siederà per la prima volta sulla panchina granata, dopo tantissime esperienze  in tutte le Serie del nostro campionato. Papadopulo, prima di scendere in campo, sarà già detentore di un record: essere l’allenatore più anziano della storia granata. I suoi 63 anni…

di Davide Agazzi – Quello di oggi, per Giuseppe Papadopulo, sarà l’ennesimo esordio su una panchina di calcio. L’allenatore toscano siederà per la prima volta sulla panchina granata, dopo tantissime esperienze  in tutte le Serie del nostro campionato. Papadopulo, prima di scendere in campo, sarà già detentore di un record: essere l’allenatore più anziano della storia granata. I suoi 63 anni rappresentano infatti una novità per la maglia granata, non abituata ad allenatori tanto esperti. In passato, solo Emre Sinkey, nel 1959, e Renzo Ulivieri si erano seduti su questa panchina una volta superati i sessant’anni. Il nuovo tecnico granata porterà sotto la Mole, dopo tanto tempo, tanta esperienza.

Andando ad analizzare un po’ di numeri, non sempre gli esordi di Papadopulo hanno dato il risultato sperato. Dagli anni 2000 ad oggi, sono solo due le vittorie centrate alla prima partita con una squadra nuova. Proprio nel 2000, quando subentrò a Cuccureddu sulla panchina del Crotone, perse per 3-2 a Treviso, ma ottenne un’importante salvezza a fine campionato. L’anno dopo, cominciò il periodo d’oro a Siena, inziato male però, perdendo 3-0 con la Ternana, ma ottenendo una tranquilla salvezza. Nel 2002-2003, il suo Siena cominciò la stagione pareggiando con il Lecce, ma dopo un incredibile girone di ritorno, ottenne un’insperata promozione in Serie A. Infine, il suo ultimo anno in toscana, iniziò con un pareggio e si concluse con la permanenza nella massima serie.

Nel 2004-2005, subentrò, a stagione in corso, a Mimmo Caso sulla panchina della Lazio. I tifosi laziali ricordano bene il suo esordio, perchè vinse 3-1 il derby di Roma. L’anno dopo, ancora un incarico nel mezzo della stagione, questa volta  per sostituire Del Neri sulla panchina del Palermo. La sua avventura rosanero iniziò alla 23esima giornata, con un pareggio con la Reggina. Nel 2006 subentra all’esonerato Zeman sulla panchina salentina del Lecce, a dicembre, ed ottiene subito una vittoria contro il Cesena per 2-0.

Infine, pochi anni fa, sulla panchina del Bologna, chiamato a sostituire Mihajlovic, trovò subito una pesante sconfitta con il Palermo, ottenendo poi, a fine stagione, una salvezza lieta ai bolognesi. Insomma, dati alla mano, l’esordio del “Papa” sulla panchina granata non promette scintille, ma sicuramente ottimi propositi in vista dell’obiettivo finale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy