Leandro Castan: “Ho avuto paura di dover smettere, ma ora va tutto bene”

Leandro Castan: “Ho avuto paura di dover smettere, ma ora va tutto bene”

Verso Torino – Roma, parla il difensore brasiliano: ” Ho fatto questo intervento per tornare a giocare a calcio”

A causa di un’alterazione congenita vascolare nel peduncolo cerebrale medio posteriore sinistro, conosciuto con il nome di cavernoma, il difensore centrale brasiliano della Roma Leandro Castan era uscito anzitempo dalla seconda giornata di campionato a Empoli, lasciando il posto ad Astori. I sintomi erano quelli di un forte mal di testa, ma il responso medico fu ben più grave, con Castan che, per sperare di continuare a giocare, dovette operarsi al cervello. Era il 13 settembre, entrò in sala operatoria il 3 dicembre e non è ancora tornato a giocare. Prima di Pasqua, però, un controllo ha confermato l’ottimo decorso post-operatorio, con il calciatore operato al cervello che può colpire senza problemi di testa. Queste le parole di Castan all’incontro degli Atleti di Cristo organizzato a Milano: “Dopo l’intervento avevo perso i movimenti del lato sinistro, non sentivo più quella parte del corpo. Ho avuto paura di dover smettere ma ora va tutto bene, sto iniziando a correre, e giovedì ho fatto l’ultima risonanza. Ho fatto questo intervento proprio per tornare a giocare a calcio. L’ho fatto per la mia famiglia”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy