Torino, terminato l’allenamento a Bormio. Intensa sessione tattica e poi palestra

Torino, terminato l’allenamento a Bormio. Intensa sessione tattica e poi palestra

Diretta TN / Il direttore sportivo Petrachi è arrivato a Bormio. Acquah si allena per la prima volta

Il Torino si prepara a scendere in campo qui a Bormio per il consueto allenamento pomeridiano. Agli ordini di Ventura – lo ricordiamo – presente da ieri anche Acquah, mentre si attendono ancora gli Under 21 e i sudamericani.

La squadra granata è scesa in questi minuti in campo e a breve inizierà l’allenamento pomeridiano. Alcuni decine di tifosi presenti, tanti curiosi per vedere all’opera il Torino 5.0 di Giampiero Ventura.

In campo adesso! Il gruppo, comandato da Glik e Moretti, inizia con una sessione di corsa per scaldare i muscoli.

A Bormio è arrivato anche il direttore sportivo Gianluca Petrachi. L’uomo di mercato del Toro osserva a bordo campo l’allenamento dei granata.

Ventura chiama a raccolta tutti i giocatori e spiega i movimenti da fare in attacco. Esercizi particolari in questi primi giorni di ritiro, mai visti nei precedenti 4 anni di gestione Ventura. Una specie di  calcio-rugby, con l’obiettivo di completare almeno dieci passaggi consecutivi. La squadra che perde, come “punizione”, fa delle flessioni sulle braccia.

Adesso la squadra si è spostata nell’altra metà del campo: esercizi tattici con particolare attenzione su portiere e difesa.

Partitella a ranghi misti per i granata, che provano a mettere in opera gli schemi e i movimenti assimilati in questi primi 3 giorni di ritiro.

 

Dopo una mezz’ora abbondante di partitella a ranghi misti, il Torino si dirige in palestra, per effettuare una serie di esercizi di irrobustimento muscolare.

La squadra esce dalla palestra e si avvia verso gli spogliatoi. Quagliarella si tuffa in piscina per rilassare i muscoli, mentre Obi e Acquah vanno a riposare le gambe nelle gelide acque dell’Adda.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy